Articoli

 Lina Wertmüller a Los Angeles: non solo Oscar ma anche un grande programma di eventi

 “Sono entusiasta – afferma – del progetto elaborato da Genoma Films e dal suo Presidente, Paolo Rossi Pisu”

Lina Wertmüller emozionata e felicissima per i festeggiamenti che l’attendono oltre oceano ha dichiarato: “Sono entusiasta di partecipare a tanti eventi in mio onore, in particolare al meraviglioso programma costruito dalla Genoma Films e dal suo direttore, Paolo Rossi Pisu.

Pisu che celebra la mia carriera e allo stesso tempo mette in vetrina il nostro Cinema e il nostro Paese attraverso i vari eventi che compongono il progetto costruito con molta cura.

Ringrazio dunque Paolo e ringrazio anche la Cineteca Nazionale che ha scelto di restaurare e presentare a Cannes, grazie anche al contributo di Genoma Films, proprio Pasqualino Settebellezze.

Il film che mi ha regalato 4 nomination agli Oscar nel 1977 tra cui quella, per la prima volta nella storia dell’Academy, per la miglior regia a una donna. Conto i giorni che mancano all’inizio di questa meravigliosa avventura”.

Così la grande regista si appresta a vivere le celebrazioni organizzate in collaborazione con la Sardegna Film Commission a Los Angeles da Genoma Films del Produttore Paolo Rossi Pisu per il suo Honorary Award.

Il restauro di Pasqualino Settebellezze, a cura della Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia, presentato con grande successo al Festival di Cannes, ha portato con sé questo tributo da parte dell’Academy of Motion Picture e con la proiezione dei principali successi della regista si concretizza il desiderio di creare un vero evento internazionale per il cinema italiano.

Per quasi una settimana l’Italia sarà protagonista a Hollywood (dove la Camera di Commercio della città le assegnerà anche la stella sulla Walk of Fame).

Grazie ad una serie di importanti manifestazioni ideate da Genoma Films in accordo con la Cineteca Nazionale presente nella persona del suo Direttore Generale, Marcello Foti in collaborazione con la Fondazione Sardegna Film Commission.

Si parte giovedì 24 ottobre con un cocktail in onore di Lina Wertmüller, dalla Console Silvia Chiave presso l’Istituto Italiano di Cultura a Westwood.

Sarà presentato il film “Travolti da un insolito destino…” girato in Sardegna insieme al documentario “Dietro gli Occhiali Bianchi”.

Venerdì 25 si terrà l’attesa proiezione di Pasqualino Settebellezze a cura di American Cinematheque, presso lo storico Aero Theatre di Santa Monica.

Nello stesso giorno, inoltre, si svolgerà la Oral History Interview, a cura dell’Academy.

Un’approfondita intervista, condotta dalla docente di UCLA, Lucia Re, in cui la regista ripercorrerà la sua carriera, che andrà a far parte del prestigioso Academy Film Archive.

Tra gli eventi più attesi c’è “Hollywood per Lina”, il pranzo privato organizzato a casa di Martha De Laurentiis.

L’appuntamento sarà targato Sardegna e per festeggiare la grande regista italiana sono attesi Steven Soderbergh, Leonardo Di Caprio, Matthew Modine, Sharon Stone, Alessandro Del Piero, Jo Champa, John Travolta, Morgan Freeman, Andy Garcia, Spike Lee, Paolo Sorrentino, Sylvester Stallone, Sacha Baron Cohen, Harrison Ford, Quentin Tarantino, Helen Mirren e tanti altri. 

Un omaggio della Hollywood che conta a una regista, prima donna in assoluto ad avere avuto una nomination, nel 1977, come miglior regista proprio per il film Pasqualino Settebellezze.

Domenica 27 ottobre sarà il giorno tanto atteso in cui Lina Wertmüller riceverà l’Oscar alla carriera presso il Ray Dolby Ballroom all’Hollywood and Highland complex.

A ritirare insieme a lei l’Honorary Oscar anche David Lynch, Geena Davis e Wes Studi. A seguire si terrà il party esclusivo e riservato organizzato dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

Le celebrazioni per la cineasta proseguiranno il 28 e il 29 ottobre con due appuntamenti Industry.

La Camera di Commercio Italia – USA West (IACCW) in collaborazione con Genoma Films organizza Le imprese per Lina presso il ristorante “N.10” di Alessandro Del Piero con i principali esponenti del mondo imprenditoriale italiano che investono nel mercato USA, star del cinema ed istituzioni italiane ed americane.

Un incontro di valore, organizzato nel ristorante di un grande campione, che vuole portare alla ribalta la nostra forte tradizione di ospitalità e di qualità del nostro cibo e della nostra cucina.

Per il 29 ottobre il convegno “Italia da girare”, è promosso da American Cinemathe que insieme a PGA (Producers Guild of America), con la collaborazione di diverse istituzioni italiane coinvolte nei festeggiamenti.

Tra cui IFC Italian Film Commission con rappresentanti di Sardegna Film Commission, Roma-Lazio Film Commission ed Emilia Romagna Film Commission.

Un incontro che conferma l’importante connessione tra produttori americani e le regioni italiane che hanno ospitato i principali set della Wertmuller.

Ufficio Stampa

Gargiulo&Polici Communication

Licia Gargiulo – licia.gargiulo@gmail.com mob. 389 9666566

Francesca Polici – francesca.polici@gmail.com mob. 329 0478786

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/al-teatro-ghione-va-in-scena-lattimo-fuggente/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-garbatella-ab-management-presenta39-scalini/

Festival Nazionale dei Primi piatti si terrà a Foligno con tanti chef stellati

La XXI edizione de I Primi d’Italia, il Festival Nazionale dei Primi Piatti, si terrà a Foligno dal 26 al 29 settembre, e per l’occasione il programma della manifestazione si fa ancora più ricco .

Il centro storico di Foligno offrirà a tutti un’esperienza imperdibile, tra spettacoli, ottimo cibo, cultura, arte e intrattenimento per grandi e piccoli.

Nato nel 1999 con il preciso obiettivo di promuovere e valorizzare il Primo Piatto in tutte le sue forme e varietà.

Il Festival è ormai considerato una delle più grandi kermesse della cultura alimentare italiana, con la presenza tantissimi cultori dell’alimentazione provenienti da tutta Italia.

Saranno presenti Chef di grande prestigio, nelle scorse edizioni (Gianfranco Vissani, Gualtiero Marchesi, Alfonso Iaccarino, Enrico Cerea, Nino Graziano, Pietro Leeman, Mauro Uliassi, Sergio Mei, Igles Corelli, Heinz Beck, Carlo Cracco, Gennaro Esposito…)

A Foligno saranno protagonisti la cultura e il genio, anche grazie a un programma fitto di appuntamenti pensati per conquistare il vasto pubblico della manifestazione.

In questa edizione tornano gli Chef di A Tavola con le Stelle: Valeria Piccini, che ha già registrato il tutto esaurito per la sera di apertura del 26 settembre.

Marco Bottega che proporrà un ricco menu il 27 settembre e Silvia Baracchi, direttamente da Cortona a Foligno il 28 sera.

Tre stellati della guida Michelin di altissimo livello per una manifestazione che da sempre punta su qualità ed eccellenza Accanto a loro il pubblico troverà altri grandi chef, come Andrea Mainardi, sul palco di Piazza della Repubblica il 26 settembre alle 19.00.  Gli chef di APCI con i loro cooking show.

Tantissimi anche i Villaggi del gusto: dai Primi della Tradizione, alla Carbonara, passando per il Gluten Free, la Polenta, il Cous Cous, la pasta fresca e ripiena, il riso e del tortello mantovano, le tipicità locali e quello delle tipicità romane, gli gnocchi, i Pici, le Ciriole & Co.

I primi di mare di Porto Sant’Elpidio, il villaggio di Confagricoltura e dell’olio umbro e l’imperdibile Villaggio del Motomondiale in cui il Pastificio Artigiano Fabbri, hospitality partner del Monster Energy Yamaha MotoGP team e del team LCR Honda.

Per l’occasione propone la degustazione della propria pasta ed espone le moto ufficiali Yamaha YZR M1 di Valentino Rossi e Honda RC213V di Cal Crutchlow presso gli Orti Orfini di Foligno.

Tra le novità l’Enoteca Regionale dell’Umbria del festival, dove sarà possibile trovare tutte le migliori cantine regionali e degustare ottimi abbinamenti proposti tra primi e vino.

Di particolare rilevo la stupenda mostra dedicata al genio di Leonardo da Vinci in occasione dei 500 anni dalla sua morte.

La mostra, intitolata Un genio anche in cucina, ospiterà l’esposizione Leonardo da Vinci 3D che ha conquistato il pubblico a Milano negli ultimi mesi.

Per dare a tutti la possibilità di visitare l’esposizione, la mostra sarà aperta per un intero mese!

Ai Primi d’Italia il pubblico troverà ancora una volta l’intrattenimento migliore. Tanti i nomi che animeranno il palco della manifestazione.

Dopo Mainardi i visitatori potranno ridere con Paolo Migone, ballare con la Little Tony Family Band, con la musica di Annalisa Baldi e di Napoli punto e a capo.

Un calendario di appuntamenti ricco e pensato per coinvolgere tutti, anche i più piccoli grazie a I Primi d’Italia Junior e al pranzo della domenica dedicato ai bambini e alle loro famiglie con una coinvolgente animazione.

Tra le tante iniziative del Festival, una grande novità sarà I Primi d’Italia Lounge, il momento di pausa in cui godersi, all’interno di un incantevole palazzo storico, gli assaggi di pregiati liquori e distillati accompagnati da cioccolato e sigari.

Tra i tantissimi appuntamenti del palco de I Primi d’Italia e i corsi riservati ai più piccoli nella sezione Primi d’Italia Junior, insieme a FIDA e a Università dei Sapori.

Immancabile presenza, anche per questa XXI° edizione, di Università dei Sapori ai Primi d’Italia, il Centro internazionale di Formazione, Cultura dell’Alimentazione e dell’Ospitalità rinnova la sua storica collaborazione con la kermesse umbra con una Food Experience, due Show Cooking di altissimo livello ed un programma quotidiano di Laboratori riservato ai più piccoli.

Il primo appuntamento è giovedì 26 settembre, dalle ore 16:00 con la Food Experience presso l’Auditorium Santa Caterina a cura del pluripremiato Chef Emanuele Di Biase.

Un vero talento della Cucina italiana e dell’Alta Pasticceria dove, sin da ragazzo, già allievo del campione del mondo Luca Mannori, fa incetta di premi nazionali ed internazionali.

Ancora il Benessere e la Salute in primo piano con il contributo della massima autorità in materia di pasta fresca: lo Chef Raimondo Mendolia, Mastro Pastaio con una trentennale esperienza nel campo della ristorazione, specializzato in consulenza internazionale per le aziende e docente presso i migliori istituti e scuole di alta cucina.

Mendolia sarà protagonista di due Show Cooking in Piazza della Repubblica. Domenica 29 settembre alle ore 12:00 Mendolia animerà lo stand con “Pasta in Proporzione Aurea” in compagnia di un altro esponente di spicco della Cucina italiana, Peppe Zullo, chef orsarese, definito “cuoco-contadino”.

Carlo Petrini fondatore di Slow Food, “uno dei migliori ambasciatori dell’eccellenza pugliese nel mondo” per Oscar Farinetti.

La manifestazione veste così a festa l’intero centro storico, promuovendo a tutto tondo la cultura del primo piatto in tavola.

Quattro giorni all’insegna di degustazioni continuative, lezioni di cucina, dimostrazioni di grandi Chef, produzioni alimentari di qualità e spettacolo per tutti.

Primi d’Italia è il primo ed unico Festival Nazionale dei Primi Piatti.

Ci saranno anche stand con prodotti tipici del territorio e di molte regioni italiane. Una manifestazione che veste a festa l’intero centro storico di Foligno, promuovendo a tutto tondo la cultura del primo piatto in tavola.

Un universo di degustazioni continuative e di cultura alimentare, dove tutte le vie portano al gusto. I Primi d’Italia, dichiara Aldo Amoni , Presidente di Epta, evento nato per rilanciare il nostro territorio dopo il terremoto del 1997.

Tutta questa edizione è dedicata all’eccellenza: quella dell’Umbria e quella di tutta Italia.

Sono tantissimi i Villaggi dei Primi di quest’anno e ancora di più gli appuntamenti del calendario del Festival.  Tra questi spicca la stupenda mostra dedicata al genio di Leonardo da Vinci in occasione dei 500 anni dalla sua morte.

La mostra, intitolata Un genio anche in cucina, ospiterà l’esposizione Leonardo da Vinci 3D che ha conquistato il pubblico a Milano negli ultimi mesi.

Per dare a tutti la possibilità di visitare l’esposizione, terremo aperta la mostra per un intero mese!

Appuntamento dal 26 al 29 settembre 2019 con l’eccezionale XXI edizione de I Primi d’Italia!

Per rimanere aggiornati: www.iprimiditalia.it; facebook: @festivaliprimiditalia; twitted’italiar: @IPrimidItalia; instagram: @iprimiditalia; youtube: @iprimiditalia

 Info: Epta Confcommercio Umbria – Tel. 0755005577 – 3274398429

 UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini +39 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-ghione-presenta-rock-dreams-con-giandomenico-anellino/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-le-sedie-storia-meravigliosa-di-luci-corpi-ed-ombre/

Storie del Decamerone: una guerra con Anna Foglietta alla Rocca Albornoz di Viterbo

ArtCity 2019: all’interno della rassegna Palcoscenico

Sabato 7 settembre, alle ore 21.00, Anna Foglietta, presenta lo spettacolo “Storie del Decamerone: una Guerra” di Michele Santeramo che si svolgerà al Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz a Viterbo.

Lo spettacolo fa parte di “Palcoscenico”, rassegna compresa nella terza edizione di “Artcity estate 2019” realizzato dal Polo Museale del Lazio, Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli, presso il museo archeologico nazionale e il Santuario della Fortuna Primigenia.

Storie dal Decamerone comprende 4 capitoli: Un Amore, Una Guerra, Il Potere, il Caso e l’Invenzione.Una Guerra, con Anna Foglietta, si svolgerà sabato 7 settembre al Museo archeologico nazionale di Viterbo.

Ciascuna delle storie dell’oggi raccontate è una storia di malessere, di presa di coscienza di quel malessere, di quella propria personale “peste”.

Ciascuno di questi personaggi ha fatto il suo percorso: è finito in una valle, dove alcune persone si raccontano storie, convinti che ogni storia possa essere un faro e rappresentare una guarigione.

In questo capitolo è la vicenda di una donna, che per salvare i suoi due figli dalla guerra del suo Paese decide di fare il viaggio che in molti fanno.

Arriva al mare, il Mediterraneo, e la aspetta l’ultimo pezzo di quel viaggio, insieme ai suoi due figli.

Ma nel mare dovrà prendere una decisione che le segnerà la vita.

Una storia del Decamerone sarà la guarigione, servirà a guarirci dai nostri affanni privati, dalle nostre necessità, dai nostri dubbi.

Il Decamerone è lo specchio in cui guardarci, per provare a guarire dalla nostra peste.

Nel corso dei due mesi di programmazione della rassegna “Palcoscenico”, si alternano artisti di eccellenza, in un programma vario in grado di soddisfare ogni esigenza.

Tutti gli altri appuntamenti possono essere consultati sul sito www.art-city.it

Storie del Decamerone: una guerra

di Michele Santeramo

Anna Foglietta, voce recitante
Francesco Mariozzi, violoncello

Musiche Originali di Francesco Mariozzi

Produzione Fondazione Teatro della Toscana – Festivaldera 2018

Informazioni e modalità di accesso:

Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz
Piazza della Rocca, 21b

01100 Viterbo

tel. +39 0761 325929

Biglietto intero € 6 ridotto € 2

Cura e coordinamento organizzativo
Marina Cogotti

Ufficio stampa                 

Guido Gaito info@gaito.it

Maurizio Quattrini  maurizioquattrini@yahoo.it

https://www.art-city.it/rassegne/palcoscenico.html

twitter.com/ArtCity2019

instagram.com/artcityestate2019

facebook.com/ArtCityEstate2019

#ARTCITYESTATE2019

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-biblioteca-quarticciolo-emanuele-soavi-incompany-de-con-anima/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-romano-di-ostia-antica-presenta-andrea-perroni-in-dal-vivo/

 

Le quaranta candidate al titolo di Miss Universe Italy 2019 in ritiro a Roma dal 17 al 24 agosto presso All Time Relais Hotel.

Le ragazze si stanno preparando per la preparazione del format tv in onda su La 5 domenica 1 settembre 2019

Torna nella Capitale il più importante concorso di bellezza del pianeta, per eleggere la rappresentante italiana che avrà il diritto di partecipare alla Finale Mondiale di Miss Universe 2019.

Quaranta le finaliste in gara, tra i diciotto e i ventotto anni provenienti da tutte le regioni italiane, che si sfideranno domenica 25 agosto 2019 alle ore 21.00 presso il Teatro Uno di Cinecittà World.

 In palio c’è il titolo di Miss Universe Italy 2019, il concorso internazionale di bellezza diretto dal patron Marco Ciriaci.

La serata di gala sarà condotta dalla brillante Rebecca Staffelli e andrà in onda su La 5 il prossimo 1 settembre 2019, in seconda serata.

Dopo il successo dello scorso anno” – spiega Ciriaci – “ho deciso di rinnovare il concorso coinvolgendo le ragazze in un divertente format televisivo stile reality scritto assieme all’amico regista Alberto Gangi Chiodo, che sarà montato nel programma tv in onda su La 5.

 Un’idea in più per onorare il prestigioso incarico ufficiale in qualità di patron nazionale ricevuto l’anno scorso direttamente da Paula M. Shugart, presidente mondiale di Miss Universe”.

 La convocazione per le quaranta fanciulle è stata fissata a Roma presso All Time Relais Hotel diretto da Mattia Mingoli, dove ad attenderle ci saranno i coach: Virginia Barrett (Life Coach), Rosario Zaccaria (Fashion Coach), Pietro Genuardi (Theatre Coach) e Anna Fusco (Mental Coach).

Con loro, in qualità di guida e, successivamente, di inviate speciali del programma televisivo, le belle candidate giunte da tutte le regioni italiane troveranno ad accoglierle la modella internazionale Tania Marie Caringi e la Miss Universe Italia uscente Erica De Matteis.

Erica De Matteis il prossimo 25 agosto cederà la corona realizzata dal maestro orafo Giovanni Pallotta alla neo eletta Miss Universe Italy 2019.

Dal 17 al 24 agosto, le concorrenti vivranno un vero e proprio “ritiro” presso l’All Time Relais Hotel di Via Don Pasquino Borghi, 100 a Roma, elegante struttura alberghiera immersa nel verde del quartiere Mostacciano (EUR), dove si coniugano hospitality, business, sport e wellness.

Qui, si sfideranno in prove di vario genere e si alterneranno nella registrazione di “confessionali” per raccontarsi e farsi conoscere.

Già dal loro ingresso all’hotel le ragazze verranno seguite dall’occhio implacabile delle troupe tv dirette dal regista Alberto Gangi Chiodo; backstage, interviste, prove di make up e d’abito, tutto verrà registrato per essere proiettato nel corso della serata di domenica 25 agosto alle ore 21.00 a Cinecittà World.

Nella serata di gala, alla quale si potrà accedere solo su invito, le ragazze verranno osservate e giudicate da una giuria tecnica e una giuria stampa a cura di Emilio Sturla Furnò.

La neo eletta Miss Universe Italy 2019 avrà l’opportunità di partire alla volta delle Philippine, dove il 19 dicembre rappresenterà l’Italia nella grandiosa Finale Mondiale di Miss Universe in diretta televisiva su FOX LIFE.

In tale occasione, la vincitrice indosserà l’abito che lo stilista Joseval Dos Santos ha confezionato per la neoeletta Miss Universe Italy 2019.

Nel ritiro di preparazione sono state programmate anche trasferte e tappe in pullman e con le auto ecologiche offerte da Sicily by Car in altre città.

Le concorrenti saranno ospiti a Sant’Agata di Puglia per partecipare al famoso corteo storico della cittadina pugliese; si sposteranno ad Accadia e, successivamente, ad Orsara di Puglia per incontrare lo chef internazionale Peppe Zullo.

Nel corso della settimana di preparazione è prevista anche la registrazione di un videoclip musicale dove le ragazze saranno protagoniste, scelte dal cantautore Bruno Maccari.

Una lunga preparazione per arrivare pronte alla serata di gala del 25 agosto durante la quale le ragazze in gara dovranno cimentarsi in passerella, dovendo dimostrare di saper interpretare le creazioni di alta moda, urban style e casual.

Gli abiti di: Lois Minimal Design della fashion designer Matilde di Pumpo, Lara Roggi Atelier, Made in Tomboy – Luxury Jeans, Island Coco Bikini, Alessandra Grimoldi, Tania Marie Caringi Collection, Carditosale Bags, DEMO’ Gioielli.

L’immagine delle finaliste sarà curata da Deacosmesi.

Le concorrenti saranno protagoniste di servizi fotografici e quadri moda a bordo di preziose autovetture d’epoca di C.L.A.S.S. Club Auto Storiche Stornarella e di rare moto d’epoca Vespa dipinte a mano e bicilette in legno di BICI & BACI Roma – Spazio Museo Vespa.

Oltre al titolo di Miss Universe Italy 2019, sono previste le fasce di: Wella, Lauretana, Nakai, Sicily by Car, Cinecittà World, Lara Roggi Atelier.

Nella giuria tecnica hanno già dato la loro conferma: Golshan Barazesh, attuale Miss Iran, Stefano Cigarini, Amministratore Delegato di Cinecittà World, Tommaso Dragotto, Presidente di Sicily By Car, Fabio Ridolfi, patron di Roma Fashion Week, Marco Vurro, Responsabile PR per Wella e la stilista Lara Roggi.

Abbiamo accolto con piacere l’iniziativa Miss Universe Italy per questa edizione e per quelle del 2020 e 2021” – spiega l’AD di Cinecittà World Stefano Cigarini – “Cinecittà World è il parco a tema di Cinecittà, la fabbrica dei sogni del Cinema e dello Spettacolo.

Il nostro augurio alle partecipanti è che – tra le quaranta attrazioni, i sei spettacoli giornalieri e i grandi set cinematografici del parco – possano divertirsi e trovare la loro strada verso il successo”.

Sostengono l’evento tra gli altri Deacosmesi, Domus Pinsa, Paradiso Ricevimenti, Circuito da Lavoro, Pannone Viaggi, Italian Star e Bluegreen Village.

 Cinecittà World

Il Parco divertimenti del Cinema e della Televisione

Via di Castel Romano, 200 – ROMA

ESF Communication

+39 340 4050400 – info@emiliosturlafurno.it

 

Museo Nazionale Archeologico Cerite, Cerveteri. “Alla ricerca del Cratere di Eufronio”

Caccia al tesoro al Museo Archeologico. Alla ricerca del Cratere di Eufronio. Museo Nazionale Archeologico Cerite, Cerveteri.

Domenica 11 agosto, alle ore 17.30, a cura della Soc. Coop. Artemide Guide è in programma la caccia al tesoroAlla ricerca del cratere di Eufronio” presso il Museo Nazionale Archeologico Cerite di Cerveteri.

L’appuntamento con la caccia al tesoro fa parte di “Immaginario Etrusco”, rassegna curata da Marina Cogotti, nel contesto di “Artcity – Estate 2019”, realizzata dal Polo Museale del Lazio e dall’Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Allʼinterno del Museo Nazionale Archeologico Cerite di Cerveteri, si svolgerà una vera e propria caccia al tesoro con ambientazione storica: ai “detective” verranno posti degli enigmi inerenti storia e cultura del popolo etrusco, attraverso la cui soluzione, le squadre potranno reperire riproduzioni di frammenti del cratere di Eufronio, esposto presso il Museo Nazionale Cerite.

La squadra che per prima sarà riuscita a ricostruire il famoso vaso vincerà la sfida, assicurandosi anche il riconoscimento di un premio simbolico “in tema” con la giornata.

I partecipanti verranno divisi in squadre; ogni squadra sarà seguita da due operatori che forniranno informazioni sul percorso, mappe e aiuteranno i partecipanti a risolvere gli enigmi.

Il fitto programma di “Immaginario Etrusco”, con spettacoli di musica, teatro, visite a tema e laboratori, organizzate tra le necropoli e i musei di Cerveteri e Tarquinia, rende onore ai primi quindici anni dall’iscrizione dei siti nella lista del patrimonio mondiale Unesco.

L’appuntamento successivo con la caccia al tesoro al Museo Archeologico è per sabato 17 agosto alle ore 17.30 a Tarquinia. Tutti gli altri appuntamenti di Immaginario Etrusco e di ArtCity 2019 possono essere consultati sul sito www.art-city.it

Informazioni per il pubblico:

Museo Archeologico Nazionale di Caerite

Piazza Santa Maria
00053 Cerveteri (RM)

Necropoli della Banditaccia
Piazza Santa Maria

Museo o Necropoli
intero € 6,00 | agevolato € 2,00

Cumulativo (Museo + Necropoli) con validità 2gg
intero € 10,00 | agevolato € 4,00
Cumulativo sito Unesco con validità 7gg
(un ingresso in ciascuno dei quattro siti)
intero € 15,00 | agevolato € 8,00

Cumulativo (Museo + Necropoli) con validità due giorni: intero € 10,00, agevolato € 4,00 Cumulativo sito Unesco (Museo e Necropoli di Cerveteri; Museo e Necropoli di Tarquinia) con validità sette giorni (un ingresso in ciascuno dei quattro siti): intero € 15,00, agevolato € 8,00. Dal 4 al 7 luglio ingresso agevolato € 2 in tutto il sito UNESCO

E’ attivo un servizio gratuito di prenotazioni, inviando una mail a:

immaginarioetrusco@beniculturali.it

La prenotazione può essere effettuata fino alle ore 24,00 del giorno precedente lo spettacolo ed è consentita per un numero massimo di 4 posti, indicando nome e numero telefonico del richiedente.

Una mail di risposta confermerà la prenotazione.

I biglietti devono essere acquistati entro le ore 20,30 del giorno dello spettacolo; oltre tale orario saranno resi disponibili per la vendita.

 Cura e coordinamento organizzativo

Marina Cogotti

Ufficio stampa          

Guido Gaito info@gaito.it

Maurizio Quattrinimaurizioquattrini@yahoo.it

https://www.art-city.it/rassegne/immaginario-etrusco.html

twitter.com/ArtCity2019

instagram.com/artcityestate2019

https://unfotografoinprimafila.it/canzoniere-grecanico-salentino-presenta-lecce-incontra-new-york/

facebook.com/ArtCityEstate2019

#ARTCITYESTATE2019

 

Lunga vita festival III° edizione, direzione artistica a cura di Davide Sacco, Accademia Nazionale di Danza

Sabato 13 luglio dalle ore 21.00 all’Accademia Nazionale di Danza, in occasione del Lunga Vita Festival, andranno in scena la danza e la bellezza nel ricordo dell’indimenticato coreografo e maestro Lindsay Kemp.

Sarà proprio il Premio Lindsay Kemp, serata a cura di David Haughton e Daniela Maccari, i due collaboratori più vicini a Kemp, ad aprire i dieci giorni di spettacoli del festival diretto da Davide Sacco, che sarà in scena nel quartiere Aventino fino al 22 luglio.

Tra esibizioni e testimonianze dal vivo e in video, il visionario danzatore britannico rivivrà proprio nel luogo e nel festival in cui realizzò il suo ultimo workshop nell’estate 2018.

Alla serata di gala parteciperà una giuria internazionale, chiamata a premiare il migliore progetto coreografico, selezionato attraverso il Bando Lindsay Kemp, lanciato da Lunga Vita Festival, che meglio rappresenta la filosofia dell’artista britannico

Molti i nomi illustri tra i giurati: Sandy Powell, costumista tre volte Premio Oscar e due volte Baftaseguita dal compositore Tim Arnold, ultimo musicista ad aver collaborato con il mentore di David Bowie e Kate Bush, Lindsay Kemp.

Al tavolo dei giurati anche l’attrice Veronica Pivetti, il coreografo Luc Bouy, il direttore artistico del Balletto del Sud Fredy Franzutti, seguito da Manuel Parruccini, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma.

E poi ancora il pluripremiato hairstylist Massimo Gattabrusi, la produttrice Patrizia Salvatori, il direttore di Dance Base Edimburgo Morag Deyes, i giornalisti Sara Zuccari (Dirett. Giornale della Danza), Francesca Bernabini (Dirett. Danza Effebi), Massimo Zannola (Attore e Redattore di DanzaSì), Monica Ratti (DanzaSì) e poi ancora gli stessi Haughton e Maccari insieme a Ivan Ristallo, James Vanzo e Alessandro Pucci, in rappresentanza della Lindsay Kemp Company.

“Vogliamo che la serata del 13 luglio sia impregnata dello spirito di Lindsay.

Un omaggio, una celebrazione e uno spettacolo, nulla di istituzionale o serioso, poiché il piacere del pubblico, da sempre, è stata la priorità del maestro”.

Con queste parole Haughton e Maccari invitano il pubblico a non perdere la serata in onore di Kemp, che sarà omaggiato con dei video collage che riporteranno in vita la sua essenza e la sua forma di magia danzata.

Ad introdurre in modo intimo la serata, saranno la voce e il ricordo di David Haughton, sua spalla per 45 anni, pronto a raccontare qualcosa di Lindsay ma ancor meglio a mostrarlo ancora una volta, sul palco, laddove è sempre stato il suo posto.

Poche parole e tanta bellezza mostrata anche attraverso Daniela Maccari, sua danzatrice, coreografa, ispirazione e collaboratrice costante nell’ultima decade di vita del maestro che interpreterà due assoli di Lindsay in continuità con il suo spirito.

Durante il corso della serata sarà consegnato anche un secondo premio, dedicato a Sandy Powell, eccelsa e pluripremiata costumista di fama mondiale, nonché grande amica di Lindsay, per il quale ha realizzato diversi costumi.

Evento Ufficiale: https://www.facebook.com/events/2279922665420846/

LUNGA VITA FESTIVAL 2019 / III Edizione

presso Accademia Nazionale di Danza, in Largo Arrigo VII, 5 | Teatro Argentina, in Largo di Torre Argentina, 52 | Teatro Valle, in Via del Teatro Valle, 21 | Museo delle Civiltà, Piazza Guglielmo Marconi, 14 | Mercato di Testaccio, Via Beniamino Franklin

INFOLINE: 348 9263558 – MAIL: lungavitafestival@gmail.com

www.lungavitafestival.com – Biglietti in Vendita su www.ticket.it

Abbonamenti in base al Reddito ISEE e Biglietto Sospeso

UFFICIO STAMPA CARLA FABI E ROBERTA SAVONA
Carla 338 4935947 carla@fabighinfanti.it – Roberta 340 2640789 savonaroberta@gmail.com

Egidia Bruno porta in scena “La Mascula” la regia e le musiche di Enzo Jannacci al Teatro Flaiano

Il 9 e il 10 aprile sul palcoscenico del Teatro Flaiano, approda dopo avere toccato moltissime città italiane con grande consenso di critica e pubblico “La Mascula” una storia in bilico tra comicità e poesia.

Una bellissima prova per Egidia Bruno interprete solista di questo spettacolo per raccontare di un pallone calciato da gambe femminili nel Meridione d’Italia.

Il racconto di Egidia Bruno, fra comicità e levità poetica, ha vinto il Premio Troisi nel 2002 ed è stato pubblicato da Colonnese Editore.

Dal 2004 è diventato uno spettacolo con la regia e le musiche del grande artista milanese Enzo Jannacci che ha composto proprio per questo spettacolo alcune canzoni.

Primi anni ’80. La Nazionale di Bearzot vince i Mondiali di Spagna.

In un paesino della Basilicata, Rosalba,13 anni, né si trucca né si cerca il fidanzato. A lei piace giocare a pallone, il suo mito è Tardelli e la chiamano la “Mascula”.

La storia di una passione, quella per il pallone, vissuta per quello che è e non per quello che gli altri vogliono che sia.

La storia di un modo di essere, inconsapevole della sua purezza, e forse per questo ancora più libero. La storia di una libertà che non ha bisogno di provocare. Esiste, c’è.

E questo basta a minacciare gli altri e la loro normalità. A meno che “la mascula” non diventi famosa, di modo che un paesino tra i monti possa sentirsi meno sperduto…

Da Martedì 9 aprile a mercoledì 10 aprile ore 21:00

Di e con Egidia Bruno

Musiche Enzo Jannacci

Luci Vincenzo Vecchione

Regia Enzo Jannacci

Teatro Flaiano

Via Santo Stefano del Cacco, 15 (Largo di Torre Argentina)  00186 – Roma

Orari Botteghino

dal lunedì al sabato: 10:00-13:30  15:30-20:00 domenica: 15:00-19:00

Info e prenotazioni

Tel. 06/37513571 – 06/37514258

Mail   segreteria@teatroflaiano.com 

Biglietti

Intero  euro 25 platea/ euro 20 galleria – Ridotto 18 euro

Organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica.

La Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca ha celebrato il magico e divertente Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella prestigiosissima Pinacoteca del Tesoriere, palazzo storico privato del XVII secolo, che custodisce affreschi di epoca barocca e capolavori di inestimabile valore.

Presenti alla serata due giovani attrici di televisione e cinema: Katia Greco e Miriam Galanti.

La prima la ricordiamo ultimamente nelle fiction “Il Cacciatore” e in “Che Dio ci aiuti 5”, prossimamente la vedremo al cinema nel film internazionale “The Elevator”.

La seconda, invece, apprezzata in tv nella fiction “Che Dio Ci aiuti 5” e al cinema nella pellicola “Quando corre Nuvolari”. Prossimamente al cinema protagonista nel film “Scarlett”.

Tra gli altri ospiti presenti anche il Principe Guglielmo Marconi Giovanelli

Il programma del Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche ha visto danzare gli ospiti sulle note di: Carnival Waltz, The Waltzing Cat, Valzer delle Ore da Coppelia, Circassian Circle, Quadrille Il Pipistrello, Valzer da La Traviata, S. Bernard Waltz, The Triumph, Mazurka dal Gattopardo, Auretti’s Dutch Skipper, Childgrove, Musen Polka, National Waltz, Lilli Burlero, Virginia Reel , The Dhoon, Comical Fellow, Rinka, Russian Figure Waltzny, Russian Waltz Quadrille, Moscow Polka, Marcia di Radestzky.

Nel corso dell’evento i danzatori della Compagnia Nazionale di Danza Storica Rome Regency Dancers, coordinati da Giorgia De Luca ed accompagnati al Pianoforte dal M° Gabriele Ceccarelli, hanno danzato il Cotillon La Comme’re ed il Wilson Waltzes; la costumista teatrale Federica Carone ha, inoltre, presentato alcune delle sue creazioni, mentre il Beauty è stato curato da Silvia Canova per “Pablo art director Gil Cagne’”.

Il Presidente della Compagnia Nazionale di Danza Storica Nino Graziano Luca ha affermato: “In ogni momento delGran Ballo di Carnevale tra le Epoche, sembra di essere saliti su una macchina del tempo.

Il vagare avanti e indietro nello spazio e nel tempo, tipico della narrazione letteraria o cinematografica di fantascienza, pare materializzarsi sotto gli occhi dei partecipanti.

Dai costumi alle danze, dalle performance alle opere d’arte della location, si fluttua in maniera divertente dall’epoca rinascimentale all’inizio del ‘900”.

Ufficio Stampa

Licia Gargiulo – licia.gargiulo@gmail.com

Roma, arriva il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche nella magica cornice del Palazzo della Pinacoteca del Tesoriere, organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica.

 Sabato 16 febbraio 2019 la Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca organizza il magico e divertente Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche.

L’evento avrà luogo nella prestigiosissima Pinacoteca del Tesoriere, palazzo storico privato del XVII secolo, che custodisce affreschi di epoca barocca e capolavori di inestimabile valore.

Si trova in Piazza San Luigi dei Francesi a Roma, proprio di fronte alla celebre Chiesa che racchiude tre capolavori assoluti del Caravaggio: il Martirio di San Matteo, San Matteo e l’angelo e Vocazione di san Matteo.

Il Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche sarà un viaggio nella storia del Costume e della Moda dal Rinascimento ad inizi ‘900 e prevede un Buffet curato da Chef Stellati e il Beverage aperto per tutta la durata del Ballo.

Il programma del Gran Ballo prevede: 

Carnival Waltz, The Waltzing Cat, Valzer delle Ore da Coppelia, Circassian Circle, Quadrille Il Pipistrello, Valzer da La Traviata, S. Bernard Waltz, The Triumph, Mazurka dal Gattopardo, Auretti’s Dutch Skipper.

E ancora: Childgrove, Musen Polka, National Waltz, Lilli Burlero, Virginia Reel , The Dhoon, Comical Fellow, Rinka, Russian Figure Waltzny, Russian Waltz Quadrille, Moscow Polka, Marcia di Radestzky.

Nel corso dell’evento i danzatori della Compagnia Nazionale di Danza Storica Rome Regency Dancers, coordinati da Giorgia De Luca ed accompagnati al Pianoforte dal M° Gabriele Ceccarelli, danzeranno il Cotillon La Comme’reed il Wilson Waltzes; la costumista teatrale Federica Carone presenterà alcune delle sue creazioni.

Il Presidente della Compagnia Nazionale di Danza Storica Nino Graziano Luca ha affermato:

“In ogni momento del Gran Ballo di Carnevale tra le Epoche, sembrerà di essere saliti su una macchina del tempo. Il vagare avanti e indietro nello spazio e nel tempo, tipico della narrazione letteraria o cinematografica di fantascienza, parrà materializzarsi sotto gli occhi dei partecipanti.

Dai costumi alle danze, dalle performance alle opere d’arte della location, si fluttuerà in maniera divertente dall’epoca rinascimentale all’inizio del ‘900”.

Ufficio Stampa

Licia Gargiulo – licia.gargiulo@gmail.com




È lo spettacolo vincitore del Premio Nazionale delle Arti 2018 – sezione regia.

Le serve di Jean Genet – adattato e diretto da Michele Eburnea e Caterina Dazzi – è un testo ispirato da un fatto di cronaca nera realmente accaduto nella Francia del 1933. È lo spettacolo vincitore del Premio Nazionale delle Arti 2018 sezione regia.

In un appartamento borghese, le serve Claire e Solange meditano l’assassinio della padrona. Attraverso lettere anonime fanno arrestare l’amante della Signora quando una telefonata avvisa dell’imminente rilascio di lui: la loro congiura rischia di essere smascherata.

L’esistenza delle domestiche – fatta di continui doppi e opposizioni e infinite attese – altro non è che una ramificazione degradata dei gesti e delle parole della donna per la quale sviluppano una morbosa dipendenza.

Le duesono intrappolate nella loro emulazione:

un cortocircuito grottesco, un gioco esasperato di apparenze e mulinelli le rende schiave del loro stesso rito, rinsecchite, goffe, avvizzite.

Sognano la detronizzazione della Signora, in una logica delirante che alterna odio e amore, ripetizione e variazione, in cui gli oggetti invadono lo spazio fino a diventare imprevedibili nemici.

Come ingranaggi di un carillon, il meccanismo si ripete identico, in una sovrapposizione cubista di luoghi del reale e dell’immaginifico, dando vita a infiniti interrogativi.

NOTE DI REGIA

“Le serve è un inferno a tre, un susseguirsi di gironi, una commistione di linguaggi che toccano diversi stili. La Signora vive sulla scena, attraverso pareti e oggetti.

Il gioco delle tre carte, con lo svelamento di quello che si pensava essere l’asso di cuori, è metafora perfetta della realtà mistificata del testo e di quanto il nulla sia fulcro di questo: il giocatore non perde di vista l’asso di cuori, sa che è la prima carta del terzo mucchietto.

La volta: è l’asso di picche. E sente una strana e brutale delusione: crede di aver avuto l’intuizione del niente. Ed è così che il niente diventa un’apparizione, il reale si scioglie.

L’apparenza si rivela puro niente e causa di se stessa; l’essere diviene evanescente.

‘Traducete nel linguaggio del Male: il Bene non è che illusione; il Male è un Niente che produce se stesso sulle rovine del Bene’, scrive Sartre. È questo niente, è il falso che attrae Genet, la bugia che si eleva ad atto poetico”.

Con Michele Eburnea, Sara Mafodda e Mersila Sokoli – Adattamento e Regia Michele Eburnea e Caterina Dazzi– Foto Federica Di Benedetto – Video Riccardo Pompili –Grafica Jacopo Ernesto Gasparrini

Teatro Studio Uno

Via Carlo della Rocca, 6 – Roma (Torpignattara)

Ingresso 12 euro – Tessera associativa gratuita

Info 349 4356219 – 329 8027943 | www.teatrostudiouno.com – info.teatrostudiouno@gmail.com

Ufficio Stampa

Ts1 – Eleonora Turco press.teatrostudiouno@gmail.com | 329 8027943

Silvia Lamia silvialamia@gmail.com | 340 2964096

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/all%E2%80%99-efilsitra-acting-studio-presentamasterclass-conjune-jasmine-davis

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/roma-%E2%80%9Camici-del-tevere%E2%80%9D-visita-%E2%80%9Cle-confraternite-nel-cinquecento-roma%E2%80%9D

La stagione lirica al Costanzi riparte dal 9 al 17 ottobre: in prima nazionale Die Zauberflöte di W. A. Mozart firmato per la regia da Barrie Kosky e Suzanne Andrade

La recita del 16 ottobre sarà registrata da Rai Radio3 e trasmessa in differita in data da definire

Dopo la stagione estiva alle Terme di Caracalla e la tournée in Giappone a settembre, l’Opera di Roma “torna” al Teatro Costanzi dove per il cartellone lirico, dal 9 al 17 ottobre, andrà in scena Die Zauberflöte (Il flauto magico) di Mozart. 

Sul podio dell’Orchestra dell’Opera di Roma torna il maestro Henrik Nánási, che lo scorso giugno ha diretto con successo La bohème di PucciniBarrie Kosky e Suzanne Andrade firmano a quattro mani la regia dell’allestimento della Komische Oper di Berlino.

Prima Nazionale

La nuova versione, che a Roma vede la sua prima nazionale, uno spettacolo strabiliante che include parti di film d’animazione firmate dalla squadra londinese “1927” – co-diretta da Paul Barritt e Suszanne Andrade – è reduce da un grandissimo successo in tutto il mondo, dagli USA a Edimburgo a Pechino.

Le scene e i costumi sono di Esther Bialas, i video di Paul Barritt, firma le luci Diego Leetz. Nel cast Amanda Forsythe e Kiandra Howarth (10, 12 e 17 ottobre) nel ruolo di Pamina, Juan Francisco Gatell e Giulio Pelligra (10 e 12 ottobre) in quello di Tamino. 

Christina Poulitsi e Olga Pudova (10, 12, 14 e 17 ottobre) vestiranno i panni della Regina della Notte, Gianluca Buratto e Antonio Di Matteo (10, 12, 14, 17 ottobre) quelli di Sarastro, Alessio Arduini e Joan Martín-Royo (10, 12, 13 e 17 ottobre) di Papageno.

E ancora nel cast Marcello Nardis (Monostatos), Julia Giebel (Papagena), e i talenti di “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma: Louise Kwong, Irida Dragoti, Sara Rocchi (rispettivamente nei ruoli di prima, seconda e terza dama).

Andrii Ganchuk (l’oratore), Domingo Pellicola e Timofei Baranov (rispettivamente primo e secondo armigero).

Il Coro del Teatro dell’Opera di Roma è diretto dal Maestro Roberto Gabbiani. Alla produzione partecipa la Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma.

Dopo la prima di martedì 9 ottobre (ore 20), Die Zauberflöte sarà replicata mercoledì 10 (ore 20), giovedì 11 (ore 20), venerdì 12 (ore 20), sabato 13 (ore 18), domenica 14 (ore 16.30), martedì 16 (ore 20) e mercoledì 17 (ore 20).

Lunedì 8 ottobre al Teatro Costanzi, alle ore 20, il Maestro Giovanni Bietti terrà la “Lezione di Opera” dedicata alla Zauberflöte di Mozart.

Soddisfacendo domande e curiosità accompagnerà il pubblico verso la comprensione dell’opera, e non solo, con un linguaggio semplice e accessibile e con l’ausilio di un gran numero di esempi musicali, sia dal vivo che registrati. Il costo della “Lezione” è di 8 euro.

Per maggiori informazioni, prenotazione e iscrizioni alla mailing-list: tel. 0648160/312/532/533; promozione.pubblico@operaroma.itdipartimento.didattica@operaroma.it.

Per informazioni: operaroma.it  

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Renato Bossa

Ufficio Stampa – Responsabile Opere e Concerti

Cell. + 39 366 6973749

La Petite messe solennelle nei Teatri in Comune: l’omaggio dell’Opera di Roma a Gioachino Rossini con tre concerti gratuiti, il 12, 16 e 21 settembre

Nell’anno in cui ricorre il 150° anniversario dalla morte di Gioachino Rossini, anche il Teatro dell’Opera di Roma, in collaborazione con Roma Capitale e Teatro di Roma – Teatro Nazionale, rende omaggio al compositore pesarese con tre concerti nei Teatri in Comune, a ingresso gratuito, in cui verrà eseguita la Petite messe solennellemercoledì 12 settembre (ore 21.00) al Teatro Biblioteca Quarticciolo (Via Ostuni, 8); domenica 16 settembre (ore 18.00) al Teatro del Lido a Ostia (Via delle Sirene, 22); venerdì 21 settembre (ore 21.00) al Teatro Tor Bella Monaca (Via Bruno Cirino).

Gli artisti del Coro dell’Opera di Roma non impegnati nella tournée in Giappone, si esibiranno con i giovani talenti del progetto “Fabbrica” Young Artist ProgramLouise Kwong (soprano), Sara Rocchi(mezzosoprano), Domenico Pellicola (tenore), Andrii Ganchuk (baritono), Susanna Piermartiri(primo pianoforte), Elena Burova (secondo pianoforte) e Lochlan James Brown (harmonium). Dirige il Maestro Sergio La Stella.  

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Renato Bossa

Ufficio Stampa – Responsabile Opere e Concerti

Cell. + 39 366 6973749

renato.bossa@operaroma.it