Articoli


Secondo appuntamento con Spoleto Jazz Festival, organizzato dall’Associazione Visioninmusica e diretto da Silvia Alunni.

Venerdì 18 ottobre ore 21.00 al Teatro Caio Melisso di Spoleto avrà luogo in anteprima italiana ed esclusiva il concerto di uno dei gruppi di crossover musicale più originali del momento.

I Dock in Absolute, composti da Jean-Philippe Koch al pianoforte, David Kintzinger al basso e Michel Mootz alla batteria.  

Sulle pagine del prestigioso magazine “Downbeat”, Bobby Reed ha scritto di loro: “l’irresistibile fascino dei Dock In Absolute deriva da un insieme di fattori.

Il nome un po’ eccentrico che si sono dati, un’insolita base artistica in Lussemburgo e un’estetica musicale incentrata su intense melodie.

Accanto a questi elementi, vanno sicuramente aggiunti il loro carisma e il loro talento, in grado di dare nuova linfa vitale ad una formazione storica come il trio jazz (piano, basso e batteria) che sembrava aver ormai esaurito le sue possibilità espressive”.

La formazione interpreterà dal vivo sul palco il suo secondo album discografico, “Unlikely”, uscito per l’etichetta CAM JAZZ.

Jean-Philippe Koch, David Kintziger e Michel Mootz si sono formati presso alcune delle più rinomate accademie musicali: il Berklee College of Music di Boston, la Codarts University of Arts di Rotterdam, la Hochschule für Musik di Saarbrücken e il Royal Conservatoire di Liegi.

La loro comune passione per una musica senza vincoli e senza frontiere li ha portati a combinare stili differenti di progressive jazz, musica classica e rock.

La loro musica è vibrante, ricca di energia e modulazioni.

L’atmosfera dei loro brani varia dal lirico al travolgente, dal virtuosistico al drammatico, dal pacato al risoluto, grazie ad un’infinita combinazione di cellule melodiche.

Alcune delle quali dalla struttura davvero ipnotica e ad un’amplissima gamma di toni e di dinamiche anche nella parte ritmica. I Dock in Absolute si sono esibiti nei maggiori festival internazionali.

Tokyo Jazz Festival, Hong Kong International Jazz Festival, Edinburgh Jazz Festival, Liverpool Jazz Festival, Paris Jazz Festival à la Cité, Ottawa Jazz Festival,Brussels Jazz Marathon, Stuttgart Musikfest, Südtirol Jazz Festival, Aglan Jazz Festival, Sibiu Jazz Festival, Jazzit Fest Torino, Jazz Bez Festival,

Ploiesti Hot Jazz Summit, Shenzhen Fringe Festival, Jazz In July Singapore, 9Gates Festival, Blues’n Jazz Rallye, B Flat Berlin, Like A Jazz Machine Festival, Luxembourg Jazz Meeting e molti altri.

BIGLIETTI:

INTERO:

Platea, palco platea e I e II ord. centr. € 20,00 – palco platea e I e II ord. lat. € 18,00 – loggione € 12,00

RIDOTTO*:

Platea, palco platea e I e II ord. centr. € 17,00 – palco platea e I e II ord. lat. € 15,00 – loggione € 10,00 

Rivendita Vivaticket a Spoleto: Caffè dello Sport – viale Trento e Trieste, 76/78 – tel. 0743 47796

 Biglietti disponibili presso tutto il circuito: WWW.VIVATICKET.IT

Associazione Visioninmusica

via 1° maggio 40 – 05100 – Terni

+39 0744 432714 – +39 333 2020747

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/off-off-theatre-che-fine-hanno-fatto-bette-davis-e-joan-crawford/

Cinema: incetta di riconoscimenti per “L’idea malvagia” di Campanella: idea tutt’altro che… malvagia! Al “Terra di Siena Film Festival”

Dopo il grande successo ottenuto alla proiezione-evento presso l’Isola del Cinema a Roma, l’inquietante cortometraggio noir “L’idea malvagia”, diretto da Pierfrancesco Campanella con la produzione di Angelo Bassi, ha fatto vincere al suo autore il premio come miglior regista al prestigioso “Terra di Siena Film Festival”.

Nella stessa occasione, la protagonista femminile Elisabetta Pellini ha trionfato come migliore attrice.

Ma non è finita qui.

Al Festival cinematografico tenutosi ai Castelli Romani nei giorni scorsi, con la direzione artistica di Antonio Flamini e l’organizzazione di Marco Di Stefano per Punto e Virgola, “L’idea malvagia” ha portato a casa il premio speciale attribuito dalla giuria del pubblico, ed inoltre l’altra protagonista Nadia Bengala è stata insignita del premio quale migliore attrice nella sezione corti.

La finale del “Castelli Romani Film Festival” si è svolta presso Palazzo Chigi di Ariccia, nel corso di una serata di gala che ha visto sfilare numerosi importanti ospiti del mondo dello spettacolo.

Presentati da una spigliatissima Emanuela Tittocchia, si sono succeduti sul palco artisti come Maria Grazia Cucinotta, splendida madrina della serata, il cantautore Amedeo Minghi, che ha ricevuto una targa alla carriera.

Ed ancora Elena Russo, Gianni Franco, Max Nardari, Francesca Rettondini, Gianni Mammolotti, Antonella Ponziani, Daniela Giordano, Massimo Spano, Giancarlo Scarchilli, Gaia De Laurentiis, Alex Partexano e tanti altri.

Tra gli ospiti di riguardo anche il regista e scrittore Emanuele Pecoraro che, con la produzione esecutiva di Pierfrancesco Campanella, ha appena finito di realizzare il corto “La goccia maledetta”, tratto da un racconto del “parrucchiere del brivido” Roberto Ricci.

“L’idea malvagia” è già distribuito in dvd, grazie a CG Entertainment, in abbinamento al cult-movie “Bugie rosse” dello stesso

Leggi anche:

Campanella.https://unfotografoinprimafila.it/tiziana-rocca-presenta-il-suo-libro-il-segreto-del-successo/

https://unfotografoinprimafila.it/week-end-con-i-rinoceronti-al-bioparco-di-roma/

 

Tutti i vincitori della terza edizione di “Castelli Romani” Film Festival Internazionale

Grande successo per la serata di gala delle premiazioni della terza edizione del Festival Internazionale del Cinema dei Castelli Romani nello splendido Palazzo Chigi di Ariccia, dove moltissime persone hanno applaudito i vincitori e, nei magnifici saloni della dimora storica, partecipato al ricevimento a seguire con l’immancabile “porchetta”, famosissima specialità culinaria del territorio.

La manifestazione itinerante è iniziata il 1 ottobre a Grottaferrata, con la presenza degli attori Giorgio Colangeli e Lidia Vitale per la proiezione del film di apertura “LA PARTITA”, proseguita alle Scuderie Aldobrandini di Frascati, dove ad assistere ai corti delle scuole c’erano l’attore Maurizio Mattioli e il regista Christian Marazziti, quindi al Teatro Don Bosco di Lanuvio con le proiezioni dei cortometraggi in concorso e per concludersi appunto ad Ariccia.

Nel corso del festival sono stati presentati 10 film in concorso e 3 fuori concorso, 20 cortometraggi finalisti più un corto evento speciale fuori concorso ed una web serie.

Sul palco la bella e brava presentatrice Emanuela Tittocchia, insieme al Direttore Artistico Antonio Flamini ed al Presidente dell’Associazione Punto e Virgola Marco Di Stefano, organizzatore della manifestazione, hanno consegnato i numerosi premi del festival, aiutati dai Sindaci dei Castelli Romani e dal Presidente della Giuria Marcello Foti, direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Tanti i giovani presenti a cui sono andati i primi riconoscimenti per la sezione dei corti delle scuole che ha visto il coinvolgimento di numerosi istituti del territorio.

Madrina della Manifestazione l’attrice e produttrice Maria Grazia Cucinotta.

Momento particolarmente emozionante è stata la consegna del premio “Cinema e Musica” al maestro Amedeo Minghi, autore delle musiche di un cortometraggio, sulle note della famosa canzone “Un uomo venuto da lontano” dedicata a Papa Giovanni XXIII.

Vincitore come miglior film del “FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DEI CASTELLI ROMANI 2019” il film “CI VUOLE UN FISICO” di e con Alessandro Tamburini e Anna Ferraioli Ravel.

Vincitore come miglior cortometraggio “SOGNI” di Angelo Longoni con Loretta e Daniela Goggi, Francesco Montanari e Claudia Conte.

Presente l’Ambasciatore di Bulgaria Chavdar Kirilov Adamski che ha consegnato il premio al film bulgaro “A PICTURE WITH YUKI” vincitore del premio miglior film internazionale.

Tra i personaggi premiati:

la madrina Maria Grazia Cucinotta, che ha ricevuto il premio alla carriera come attrice e produttrice, Andrea Roncato, migliore attore, Lidia Vitale, migliore attrice, Sebastiano Somma, migliore attore non protagonista, il fotografo Rino Barillari,

premio speciale Città di Ariccia, Elisabetta Pellini, premio del pubblico come migliore attrice, l’attrice Antonella Ponziani, premio speciale Città di Frascati, i registi Giancarlo Scarchilli e Massimo Spano, gran premio della giuria, il regista Angelo Longoni,

premio per il miglior cortometraggio, Gianni Franco, premio miglior attore sezione cortometraggi, Gaia De Laurentiis e Eleonora Ivone, premio ex aequo come migliori attrici nella sezione cortometraggi, Francesca Rettondini e Elena Russo,

premio ex equo del pubblico come migliori attrici, Alex Partexano, premio del pubblico come attore, Anna Ferraioli Ravel, premio attrice rivelazione, il regista Max Nardari,

premio migliore opera prima, Nadia Bengala, premio Città di Lanuvio, il regista Pierfrancesco Campanella, premio del pubblico miglior cortometraggio, Raffaella Camarda, premio attrice rivelazione sezione cortometraggi…..

Nelle giornate precedenti sono stati consegnati: a Giorgio Colangeli il premio alla carriera Città di Grottaferrata e a Maurizio Mattioli il premio alla carriera Città di Frascati.

A seguire l’elenco completo delle premiazioni.

PREMI FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DEI CASTELLI ROMANI 2019

MIGLIORE FILM “CI VUOLE UN FISICO” DI ALESSANDRO TAMBURINI

PREMIO ALLA CARRIERA ATTRICE A MARIA GRAZIA CUCINOTTA

PREMIO ALLA CARRIERA A GIANNI MAMMOLOTTI DIRETTORE FOTOGRAFIA

PREMIO SPECIALE CITTA’ DI ARICCIA A RINO BARILLARI

GRAN PREMIO DELLA GIURIA AL FILM “THE KING OF PAPARAZZI” DI GIANCARLO SCARCHILLI E MASSIMO SPANO

MIGLIOR FILM STRANIERO “A PICTURE WITH YUKI”

MIGLIORE REGIA LUCA BIGLIONE PER IL FILM “STATO DI EBBREZZA”

MIGLIORE ATTORE ANDREA RONCATO PER IL FILM “STATO DI EBBREZZA”

MIGLIORE ATTRICE LIDIA VITALE PER IL FILM “LA PARTITA”

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA A SEBASTIANO SOMMA PER IL FILM “DESTINI”

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA A FRANCESCA VALTORTA PER IL FILM “CI VUOLE UN FISICO”

PREMIO ATTORE/ATTRICE RIVELAZIONE A ANNA FERRAIOLI RAVEL PER IL FILM “CI VUOLE UN FISICO”

MIGLIORE OPERA PRIMA A MAX NARDARI PER IL FILM “DI TUTTI I COLORI”

PREMIO DEL PUBBLICO AL FILM “DESTINI” DI LUCIANO LUMINELLI

PREMIO DEL PUBBLICO ATTORE A ALESSANDRO TAMBURINI PER “CI VUOLE UN FISICO”

REMIO DEL PUBBLICO ATTRICE A ELISABETTA PELLINI PER “STATO DI EBBREZZA”

PREMIO SPECIALE CITTA’ DI LANUVIO A NADIA BENGALA PER IL CORTO “L’IDEA MALVAGIA”

PREMIO SPECIALE CINEMA E MUSICA A AMEDEO MINGHI

PREMIO SPECIALE CITTA’ DI FRASCATI A ANTONELLA PONZIANI PER IL CORTO “GLI OCCHI DELL’ALTRO”

GRAN PREMIO DELLA GIURIA, DELLA CRITICA E DEL PUBBLICO AL CORTOMETRAGGIO “GLI OCCHI DELL’ALTRO” DI ROSARIO ERRICO

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO A “SOGNI” DI ANGELO LONGONI

MIGLIORE REGIA A “IN THE PARK” DI FRANCESCO COLANGELO

PREMIO MIGLIORE ATTORE CORTO A GIANNI FRANCO PER “L’AMORE CHE NON MUORE”

PREMIO MIGLIORE ATTRICE CORTOMETRAGGIO A GAIA DE LAURENTIIS PER “APRI LE LABBRA” E A ELEONORA IVONE PER “LA CURA”

PREMIO DEL PUBLICO CORTOMETRAGGIO A “L’IDEA MALVAGIA” DI PIERFRANCESCO CAMPANELLA

PREMIO DEL PUBBLICO ATTORE CORTOMETRAGGIO ALEX PARTEXANO PER “IL CUSTODE”

PREMIO DEL PUBBLICO ATTRICE CORTO A FRANCESCA RETTONDINI PER “IL CIOCCOLATINO” E A ELENA RUSSO PER “STAI CALMO”

MIGLIORE CORTOMETRAGGIO RIVELAZIONE A “DESTINO” DI KRISTINA CEPRAGA

MIGLIORE REGIA RIVELAZIONE SEZIONE CORTOMETRAGGIO A DANIELA GIORDANO PER “DI CHI E’ LA TERRA?”

MIGLIORE ATTRICE RIVELAZIONE SEZIONE CORTOMETRAGGI RAFFAELLA CAMARDA PER “NESSUNA E’ PERFETTA”

MIGLIORE ATTORE RIVELAZIONE SEZIONE CORTOMETRAGGI AL BAMBINO FRANCESCO TRENTADUE PER “APPARENTEMENTO SOLO”

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/premio-mia-martini-25-edizione-bagnara-calabra/

https://unfotografoinprimafila.it/al-teatro-degli-audaci-va-in-scena-parlami-damore/

Al festival Food&Book si premiano i vincitori del contest letterario dedicato alla mozzarella di bufala campana Dop

Cresce l’attesa per l’atto finale del contest letterario “Ti racconto una bufala”.

In occasione dell’edizione 2019 di “Food&Book” saranno annunciati i vincitori del concorso per racconti brevi dedicati alla mozzarella di bufala campana Dop, promosso dal Consorzio di Tutela e dal mensile “Leggere:tutti”.

L’appuntamento è in programma sabato 12 ottobre alle ore 16.30 nella sala Portoghesi delle Terme Tettuccio di Montecatini.

Il presidente della giuria, lo scrittore Diego De Silva, premierà i primi tre classificati, insieme al direttore del Consorzio di Tutela, Pier Maria Saccani, e agli organizzatori del festival.

Sono tante le short story pervenute, di fantasia o ispirate a fatti di cronaca senza limiti di creatività ed espressione.

Coinvolti anche gli studenti under 18.

Al centro dei racconti una sola protagonista: la mozzarella di bufala campana Dop, vista da ogni angolazione: gusto, territorio, ambiente, biodiversità, tradizione, ricerca, lavoro, memoria.

Le migliori storie sono state raccolte da Agra editrice in un libro, che sarà presentato nel corso dell’evento di Montecatini.

Tradizione, territorio, tipicità. Sono le tre T che caratterizzano la mozzarella di bufala campana Dop, un prodotto che è diventato un’icona dello stile di vita italiano nel mondo.

C’è un legame fortissimo tra la mozzarella di bufala campana e l’arte. E noi, come Consorzio di Tutela, abbiamo voluto provare a esplorarlo con un concorso letterario.

La grande partecipazione che abbiamo riscontrato ci conferma la straordinaria passione per il nostro tesoro. Da parte di grandi e bambini. Ieri come oggi.

Profondo e indissolubile. Un grazie sincero va a tutti gli autori dei racconti”, commenta il presidente del Consorzio di Tutela, Domenico Raimondo.

La bufala Dop sarà inoltre protagonista anche della cena d’autore per lo chef Gennaro Esposito, due stelle Michelin a Vico Equense con la sua “Torre del Saracino”, che si terrà l’11 ottobre.

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/al-teatro-degli-audaci-va-in-scena-parlami-damore/

https://unfotografoinprimafila.it/il-makkekomiko-torna-al-teatro-accento/

Festival Nazionale dei Primi piatti si terrà a Foligno con tanti chef stellati

La XXI edizione de I Primi d’Italia, il Festival Nazionale dei Primi Piatti, si terrà a Foligno dal 26 al 29 settembre, e per l’occasione il programma della manifestazione si fa ancora più ricco .

Il centro storico di Foligno offrirà a tutti un’esperienza imperdibile, tra spettacoli, ottimo cibo, cultura, arte e intrattenimento per grandi e piccoli.

Nato nel 1999 con il preciso obiettivo di promuovere e valorizzare il Primo Piatto in tutte le sue forme e varietà.

Il Festival è ormai considerato una delle più grandi kermesse della cultura alimentare italiana, con la presenza tantissimi cultori dell’alimentazione provenienti da tutta Italia.

Saranno presenti Chef di grande prestigio, nelle scorse edizioni (Gianfranco Vissani, Gualtiero Marchesi, Alfonso Iaccarino, Enrico Cerea, Nino Graziano, Pietro Leeman, Mauro Uliassi, Sergio Mei, Igles Corelli, Heinz Beck, Carlo Cracco, Gennaro Esposito…)

A Foligno saranno protagonisti la cultura e il genio, anche grazie a un programma fitto di appuntamenti pensati per conquistare il vasto pubblico della manifestazione.

In questa edizione tornano gli Chef di A Tavola con le Stelle: Valeria Piccini, che ha già registrato il tutto esaurito per la sera di apertura del 26 settembre.

Marco Bottega che proporrà un ricco menu il 27 settembre e Silvia Baracchi, direttamente da Cortona a Foligno il 28 sera.

Tre stellati della guida Michelin di altissimo livello per una manifestazione che da sempre punta su qualità ed eccellenza Accanto a loro il pubblico troverà altri grandi chef, come Andrea Mainardi, sul palco di Piazza della Repubblica il 26 settembre alle 19.00.  Gli chef di APCI con i loro cooking show.

Tantissimi anche i Villaggi del gusto: dai Primi della Tradizione, alla Carbonara, passando per il Gluten Free, la Polenta, il Cous Cous, la pasta fresca e ripiena, il riso e del tortello mantovano, le tipicità locali e quello delle tipicità romane, gli gnocchi, i Pici, le Ciriole & Co.

I primi di mare di Porto Sant’Elpidio, il villaggio di Confagricoltura e dell’olio umbro e l’imperdibile Villaggio del Motomondiale in cui il Pastificio Artigiano Fabbri, hospitality partner del Monster Energy Yamaha MotoGP team e del team LCR Honda.

Per l’occasione propone la degustazione della propria pasta ed espone le moto ufficiali Yamaha YZR M1 di Valentino Rossi e Honda RC213V di Cal Crutchlow presso gli Orti Orfini di Foligno.

Tra le novità l’Enoteca Regionale dell’Umbria del festival, dove sarà possibile trovare tutte le migliori cantine regionali e degustare ottimi abbinamenti proposti tra primi e vino.

Di particolare rilevo la stupenda mostra dedicata al genio di Leonardo da Vinci in occasione dei 500 anni dalla sua morte.

La mostra, intitolata Un genio anche in cucina, ospiterà l’esposizione Leonardo da Vinci 3D che ha conquistato il pubblico a Milano negli ultimi mesi.

Per dare a tutti la possibilità di visitare l’esposizione, la mostra sarà aperta per un intero mese!

Ai Primi d’Italia il pubblico troverà ancora una volta l’intrattenimento migliore. Tanti i nomi che animeranno il palco della manifestazione.

Dopo Mainardi i visitatori potranno ridere con Paolo Migone, ballare con la Little Tony Family Band, con la musica di Annalisa Baldi e di Napoli punto e a capo.

Un calendario di appuntamenti ricco e pensato per coinvolgere tutti, anche i più piccoli grazie a I Primi d’Italia Junior e al pranzo della domenica dedicato ai bambini e alle loro famiglie con una coinvolgente animazione.

Tra le tante iniziative del Festival, una grande novità sarà I Primi d’Italia Lounge, il momento di pausa in cui godersi, all’interno di un incantevole palazzo storico, gli assaggi di pregiati liquori e distillati accompagnati da cioccolato e sigari.

Tra i tantissimi appuntamenti del palco de I Primi d’Italia e i corsi riservati ai più piccoli nella sezione Primi d’Italia Junior, insieme a FIDA e a Università dei Sapori.

Immancabile presenza, anche per questa XXI° edizione, di Università dei Sapori ai Primi d’Italia, il Centro internazionale di Formazione, Cultura dell’Alimentazione e dell’Ospitalità rinnova la sua storica collaborazione con la kermesse umbra con una Food Experience, due Show Cooking di altissimo livello ed un programma quotidiano di Laboratori riservato ai più piccoli.

Il primo appuntamento è giovedì 26 settembre, dalle ore 16:00 con la Food Experience presso l’Auditorium Santa Caterina a cura del pluripremiato Chef Emanuele Di Biase.

Un vero talento della Cucina italiana e dell’Alta Pasticceria dove, sin da ragazzo, già allievo del campione del mondo Luca Mannori, fa incetta di premi nazionali ed internazionali.

Ancora il Benessere e la Salute in primo piano con il contributo della massima autorità in materia di pasta fresca: lo Chef Raimondo Mendolia, Mastro Pastaio con una trentennale esperienza nel campo della ristorazione, specializzato in consulenza internazionale per le aziende e docente presso i migliori istituti e scuole di alta cucina.

Mendolia sarà protagonista di due Show Cooking in Piazza della Repubblica. Domenica 29 settembre alle ore 12:00 Mendolia animerà lo stand con “Pasta in Proporzione Aurea” in compagnia di un altro esponente di spicco della Cucina italiana, Peppe Zullo, chef orsarese, definito “cuoco-contadino”.

Carlo Petrini fondatore di Slow Food, “uno dei migliori ambasciatori dell’eccellenza pugliese nel mondo” per Oscar Farinetti.

La manifestazione veste così a festa l’intero centro storico, promuovendo a tutto tondo la cultura del primo piatto in tavola.

Quattro giorni all’insegna di degustazioni continuative, lezioni di cucina, dimostrazioni di grandi Chef, produzioni alimentari di qualità e spettacolo per tutti.

Primi d’Italia è il primo ed unico Festival Nazionale dei Primi Piatti.

Ci saranno anche stand con prodotti tipici del territorio e di molte regioni italiane. Una manifestazione che veste a festa l’intero centro storico di Foligno, promuovendo a tutto tondo la cultura del primo piatto in tavola.

Un universo di degustazioni continuative e di cultura alimentare, dove tutte le vie portano al gusto. I Primi d’Italia, dichiara Aldo Amoni , Presidente di Epta, evento nato per rilanciare il nostro territorio dopo il terremoto del 1997.

Tutta questa edizione è dedicata all’eccellenza: quella dell’Umbria e quella di tutta Italia.

Sono tantissimi i Villaggi dei Primi di quest’anno e ancora di più gli appuntamenti del calendario del Festival.  Tra questi spicca la stupenda mostra dedicata al genio di Leonardo da Vinci in occasione dei 500 anni dalla sua morte.

La mostra, intitolata Un genio anche in cucina, ospiterà l’esposizione Leonardo da Vinci 3D che ha conquistato il pubblico a Milano negli ultimi mesi.

Per dare a tutti la possibilità di visitare l’esposizione, terremo aperta la mostra per un intero mese!

Appuntamento dal 26 al 29 settembre 2019 con l’eccezionale XXI edizione de I Primi d’Italia!

Per rimanere aggiornati: www.iprimiditalia.it; facebook: @festivaliprimiditalia; twitted’italiar: @IPrimidItalia; instagram: @iprimiditalia; youtube: @iprimiditalia

 Info: Epta Confcommercio Umbria – Tel. 0755005577 – 3274398429

 UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini +39 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-ghione-presenta-rock-dreams-con-giandomenico-anellino/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-le-sedie-storia-meravigliosa-di-luci-corpi-ed-ombre/

Sarà presente a Etna Book la scrittrice e stilista Debora Scalzo tra gli ospiti

Ideatrice della linea di occhiali Dstyle For Debora Scalzo

 La famosa scrittrice siciliana Debora Scalzo, sarà tra gli ospiti di Etna Book 2019 Festival Internazionale del Libro e della Cultura di Catania, il prossimo 19-20-21 settembre.

Sarà presente in veste di giurata tecnica all’interno del Concorso Letterario: “Cultura sotto il Vulcano“.

Dichiarando: “Sono onorata di far parte della giuria tecnica di EtnaBook.

Il Festival è un grande evento letterario che avvicina i giovani alla cultura e che finalmente nasce anche nella mia città d’origine che porto sempre nel cuore, la mia amata Catania”.

Nota al grande pubblico non solo come scrittrice sempre in prima linea per le Forze dell’Ordine, ma anche come autrice musicale, sceneggiatrice cinematografica e art director della casa di produzione televisiva cinematografica e teatrale Aiò Produzioni.

Un’artista a tutto tondo, che alla sua passione per la scrittura è riuscita a unire anche la moda, firmando un’importante collaborazione con il Maestro Domenico Auriemma in arte Dstyle (stilista di occhiali luxury di star di fama internazionali, quali Lady Gaga e Rihanna).

Il 29 aprile scorso è uscita in Italia e all’estero la sua primissima linea di occhiali: Dstyle for Debora Scalzo Collection, presentati in anteprima mondiale durante l’Arab Fashion Week di Dubai, accolta con successo è già amata da tanti artisti del panorama musicale e cinematografico italiano e internazionale.

Dal 1° giugno la collezione è in vendita in tutti gli Emirati Arabi, sull’importante boutique negozio di lusso “Italian Affair”.

Non solo orgoglio italiano nel mondo, ma soprattutto, orgoglio siciliano.

Non ci resta che aggiungere la sua citazione anche come motto di vita, per chi crede nei propri sogni e lotta con sacrificio e determinazione per realizzarli: Chi sogna vive ama crea… Chi sogna può arrivare ovunque”. 

Francesco Fusco

Ufficio Stampa

3384980862

http://www.francescofuscopress.com/

francesco.fusco81@gmail.com

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-argot-studio-florian-metateatro-presenta-neve-di-carta/

https://unfotografoinprimafila.it/romics-fiera-di-roma-ad-altan-il-romics-doro/

Ad Altan, creatore de La Pimpa e maestro della satira italiana, il Romics d’Oro della ventiseiesima edizione

Il fumettista presenta in prima nazionale a Romics Uomini ma straordinari, primo titolo di una serie di volumi in uscita per Coconino Press

Francesco Tullio Altan sarà celebrato con Il Romics d’Oro alla XXVI edizione di Romics Festival del Fumetto

Cinema, Animazione e Games, in programma dal 3 al 6 ottobre ALLA Fiera di Roma.

Il famoso fumettista sarà uno degli ospiti d’onore di questa edizione per celebrare una carriera quarantennale nell’illustrazione e nel fumetto.

Nato a Treviso nel 1942, nel 1975 si stabilisce prima a Milano e poi ad Aquileia, dove vive tuttora.

Sempre nel 1975 realizza per il Corriere dei Piccoli il suo personaggio di maggior successo, La Pimpa, cagnolina a pois entrata nei cuori dei bambini di tutta Italia.

Tale è stata la popolarità delle sue storie che Pimpa, dal 1987, conta un omonimo mensile tutto suo, pubblicato anche in Argentina e Turchia, e una serie animata ancora in programmazione sui canali Rai.

Altan è celebre anche per i suoi romanzi a fumetti, realizzati a partire dagli anni ’70 per un pubblico più adulto, comparsi per la prima volta a puntate sulla rivista Linus diretta da Oreste del Buono.

Dalle parodie di biografie storiche come Colombo e Franz alle ironiche rivisitazioni dell’avventura (Ada nella giungla, Macao, Sandokan), fino ad amare parabole contemporanee come Friz Melone e Cuori pazzi.

Terzo e notissimo aspetto della sua produzione è la satira:

le sue vignette sono state pubblicate su Panorama, Tango, Cuore e Smemoranda, e continua una pluriennale collaborazione con L’Espresso e La Repubblica.

A Romics Altan presenterà in prima nazionale Uomini ma straordinari, edito da Coconino Press che inizia con questo volume la pubblicazione integrale dei romanzi a fumetti di Altan.

Maestro d’ironia nel racconto dell’Italia passata e presente, uno degli autori più radicati nel nostro immaginario collettivo.

In questo volume Altan racconta alla sua maniera vita e imprese di Cristoforo Colombo, San Francesco d’Assisi, Giacomo Casanova e di Ben, il quarto figlio di Noè.

Irriverente e corrosivo, Uomini ma straordinari è il primo di una serie di volumi che presenterà a una nuova generazione di lettori l’arte di Altan.

Maestro di un’ironia tanto graffiante e dura quanto profondamente umana, appassionato difensore del dubbio e del libero pensiero contro ogni convenzione e autorità precostituita.

Altan sarà protagonista a Romics di un incontro con il pubblico, in programma domenica 6 ottobre dalle ore 14:45 alle ore 16:00 presso il Pala Romics – Sala Grandi eventi e proiezioni, pad.9.

La presenza di Altan a Romics è resa possibile grazie alla collaborazione con Coconino Press.

UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini +39 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

https://unfotografoinprimafila.it/gaeta-visioni-corte-international-short-film-festival/

https://unfotografoinprimafila.it/auditorium-parco-della-musica-rita-marcotulli-la-femme-da-cote/

Gaeta dedica a Sergio Leone l’8^ edizione di Visioni Corte International Short Film Festival

Gaeta, 21-28 Settembre 2019

Sarà dedicata al grande Sergio Leone l’8^ edizione di Visioni Corte International Short Film Festival, presentata alla 76^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nell’ambito del 23° Forum Fedic “Il futuro del corto d’autore”, a cura del critico cinematografico Paolo Micalizzi e della Fedic – Federazione Italiana dei Cineclub.

“Il buono, il brutto il cattivo”, Sergio Leone, 1966.

Foto di Divo Cavicchioli gentilmente concessa a titolo gratuito da ©Archivio fotografico della Cineteca Nazionale, Roma Sergio Leone,1983.

Foto di Angelo Novi gentilmente concessa a titolo gratuito da ©Archivio fotografico della Cineteca Nazionale, Roma

In occasione di due suoi importanti anniversari, i 90 anni dalla nascita (3 gennaio 1929) e i 30 anni dalla scomparsa (avvenuta il 30 aprile 1989), al regista romano, autore di capolavori entrati nella storia del Cinema come Il buono, il brutto, il cattivoC’era una volta il west e C’era una volta in America.

Il festival omaggerà una speciale mostra multisensoriale composta di 40 immagini tratte dai suoi film più famosi e del backstage.

L’esposizione – la prima a livello nazionale – sarà inaugurata il prossimo Sabato 21 Settembre, alle ore 19, nella suggestiva cornice dell’Ipab – SS. Annunziata, un ex Ospedale medievale incastonato nel centro storico di Gaeta.

Realizzata in collaborazione con la Cineteca Nazionale e il Centro Sperimentale di Cinematografia e con il supporto di Arcidiocesi di GaetaIpab e le associazioni AnteOmnia e Tesori dell’Arte. La mostra resterà aperta fino al 28 Settembre.

L’omaggio all’artista che ha realizzato una propria grammatica cinematografica, poi imitata e seguita da tanti altri registi italiani e stranieri, proseguirà Domenica 22 Settembre, con la presentazione dell’ultimo libro del critico cinematografico Italo Moscati, “Sergio Leone: Quando i fuorilegge diventato eroi”, edito da Castelvecchi.

La programmazione dell’8^ edizione di Visioni Corte International Short Film Festival, diretto da Gisella Calabrese, prosegue con la selezione di 71 cortometraggi scelti tra 1.216 cortometraggi provenienti da 55 Nazioni.

Le opere selezionate provengono da 31 nazioni dai 5 continenti: Australia, Austria, Belgio, Bolivia, Canada, Cina, Estonia, Filippine, Francia, Germania, Giappone, India, Iran, Iraq, Israele, Italia, Messico, Moldavia, Nuova Zelanda, Polonia, Russia, Spagna, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Thailandia, Turchia, UK, Usa, Venezuela. 

Le proiezioni si svolgeranno dal 23 al 27 Settembre, presso il Cinema Teatro Ariston di Gaeta dove il 28 Settembre si terrà la serata di premiazione dei vincitori delle cinque categorie in gara: fiction internazionale e italiana, animazione, documentazione.

Tra le novità di quest’anno i cortometraggi in Realtà Virtuale: in tale ambito il festival è il primo in tutto il basso Lazio e uno dei pochissimi in tutta Italia ad aver dato spazio a tale genere.

Altri eventi speciali, infine, prevedono un matinée con le scuole, con la proiezione del film “L’eroe” di Cristiano Anania, alla presenza dell’autore e il convegno dal titolo “Crime stories: tra fiction e realtà nel mondo dell’audiovisivo”.

Con la partecipazione della criminologa Immacolata Giuliani; lo psicoterapeuta Fabrizio Mignacca; Ercole Rocchetti, giornalista e inviato della trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”; la genetista forense Marina Baldi, volto noto della tv.

L’ex capitano dei RIS di Roma, la dottoressa Chantal Milani, antropologa e odontologa forense, specializzata nell’identificazione delle vittime senza nome.

Image

LA STORIA

Visioni Corte International Short Film Festival, organizzato dall’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse”, con il contributo della Direzione Generale Cinema del Mibac, nasce nel 2012 con l’obiettivo quello di diffondere il talento di tanti autori, soprattutto emergenti, offrendo una vetrina dal respiro internazionale.

Grande attenzione è dedicata al cinema europeo.

In questi anni il festival ha ottenuto importanti riconoscimenti: ha vinto per due volte il “Silver Frame – Festival dei Festival”, come miglior festival italiano di cortometraggi al Video Festival di Imperia, e ottenuto il patrocinio del Padiglione Italia Expo Milano quale manifestazione ad alto valore culturale a livello nazionale.

L’evento è stato inserito dalla Regione Lazio nell’elenco delle Buone Pratiche in ambito culturale.

Fa parte della Fedic – Federazione Italiana dei Cineclub e dell’Afic – Associazione Festival Italiani di Cinema. Ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica.

LE CATEGORIE

CortoAnimation: rivolta a storie di animazione di qualsiasi genere e realizzate con qualsiasi tecnica, anche la stop-motion. L’argomento è libero.
CortoDoc: rivolta ai documentari o reportage, di qualsiasi genere.

CortoFiction International, dedicata alla fiction nel senso più ampio del termine e riservata ai registi e produttori stranieri: possono essere storie inventate di diverso genere (drammatico, commedia, thriller, western, grottesco) o adattamenti di libri e/o racconti o ispirati a fatti realmente accaduti.

Confluiscono in questa categoria anche i musical o music opera.

CortoFiction Italia: rivolta a qualsiasi tematica e genere e dedicata esclusivamente ai registi e produttori italiani.

Spazia dal drammatico alla commedia, al thriller, al fantastico… Le storie possono essere inventate o adattamenti o ispirate a fatti realmente accaduti. Confluiscono in questa categoria anche i musical o music opera.

CortoVirtual: rivolta alla nuovissima categoria dei film a Realtà Aumentata a 360°, realizzati con tecniche innovative e visibili solo attraverso gli speciali visori Oculus, che si indossano come occhiali, ma che permettono allo spettatore una visione all’interno del film, come parte di esso, coinvolgendolo in un’esperienza unica nel suo genere ed estremamente “reale”.

LA GIURIA TECNICA

Di alto profilo la Giuria Tecnica di questa ottava edizione, che valuterà i cortometraggi in gara al fine di assegnare i premi nelle varie categorie.

Presidente di giuria è Luigi Parisi, regista di serie Mediaset di successo come “L’Onore e il Rispetto”, “Il Bello delle Donne”, “Caterina e le sue Figlie”, “Il Peccato e la Vergogna”, “Il Sangue e la Rosa”.

Fanno parte della giuria Filippo Kalomenìdis, autore di serie TV ed head writer di “Romanzo Siciliano” e “Il Tredicesimo Apostolo” in onda su Canale 5 nel 2016 e “Impero”, in sviluppo per Sky, e ha sceneggiato numerosi episodi di “RIS”, “RIS- Roma”, “Squadra Antimafia”, “La Nuova Squadra”.

“Il Sistema”; il regista italo-marocchino Elia Moutamid, pluripremiato per i suoi cortometraggi e vincitore, con il suo lungometraggio “Talien”, del Premio della Giuria al Torino Film Festival e della menzione speciale ai Nastri d’Argento 2018 come migliore opera prima; Alice Rotiroti, sceneggiatrice e regista; e infine i critici cinematografici Roberto Donati e Alessandro Izzi.

I PATROCINI

Visioni Corte International Short Film Festival gode del sostegno della Direzione Generale Cinema del Mibac e aderisce alla FEDIC – Federazione Italiana dei Cineclub e all’AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema.

Gode dell’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e ha ottenuto per due volte la Medaglia del Presidente della Repubblica. Rientra tra gli eventi patrocinati da Matera 2019 Città Europea della Cultura.

E’ inoltre patrocinato da ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, Regione Lazio, Provincia di Latina, Comune di Gaeta, Latina Film Commission.

Speciale partnership, infine, è quella siglata con la piattaforma iPitch.tv, noto portale americano per gli addetti ai lavori di televisione e cinema con famosi partner quali major e case di distribuzione e produzione e importanti brand tecnici, che permetterà a tutti i selezionati e i vincitori di far conoscere il proprio cortometraggio ad un pubblico molto più vasto e soprattutto di settore.

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Necropoli della Banditaccia, Cerveteri “Una striscia di terra feconda” Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate 2019, XXII edizione.

Necropoli della Banditaccia, direzione artistica Paolo Damiani e Armand Meignan

Secondo appuntamento, anteprima dei concerti a Roma, per Una striscia di Terra Feconda, uno dei Festival del progetto ”La Francia in scena” in collaborazione con ArtCity 2019 e all’interno della rassegna “ Immaginario Etrusco”, realizzata dal Polo Museale del Lazio e dall’Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Nella Necropoli della Banditaccia di Cerveteri, sabato 7 settembre a partire dalle ore 21.00, doppio concerto: il duo Pascal Contet / Daniele Roccato e, a seguire, Franco D’Andrea Trio “New Things”.

In apertura, il duo composto da Pascal Contet e Daniele Roccato.

Pascal Contet è un fisarmonicista di notevole virtuosismo segnalato al prestigioso Premio Victoires della Musica Classica 2011, che passa con facilità e felicità dalla musica contemporanea alla musica improvvisata, da Cavanna a Joëlle Léandre attraverso le musiche da film, teatro o per la danza (Gallotta, Preljocaj…).

Daniele Roccato, concertista assai noto in Italia, è uno dei bassisti europei più richiesti nella musica contemporanea e improvvisata (il suo album Ensemble Ludus Gravis è stato pubblicato dall’etichetta ECM, ha interpretato opere di Scodanibbio, Gavin Bryars, Terry Riley, Globokar).

Questo è il loro primo incontro, indubbiamente al vertice del virtuosismo e della poesia. A seguire Franco D’Andrea Trio “New Things”.

Si chiama “New Things” il nuovo trio del pianista Franco D’Andrea, con Enrico Terragnoli alla chitarra ed elettronica e Mirko Cisilino alla tromba.

Nuova la musica, così come la formazione, grazie alla perfetta intesa del trio, le combinazioni sonore abbracciano una ampia gamma di riferimenti, dal jazz classico dei primi pionieri all’Africa, abbracciando la musica del ‘900.

Il tutto, anche negli episodi più astratti, si svolge in una inedita prospettiva, nel segno della leggerezza.

Informazioni per il pubblico:

Necropoli della Banditaccia
Piazza Santa Maria

Museo Archeologico Nazionale di Caerite

Piazza Santa Maria
00053 Cerveteri (RM)

Museo o Necropoli
intero € 6,00 | agevolato € 2,00

Cumulativo (Museo + Necropoli) con validità 2gg
intero € 10,00 | agevolato € 4,00
Cumulativo sito Unesco con validità 7gg
(un ingresso in ciascuno dei quattro siti)
intero € 15,00 | agevolato € 8,00

E’ attivo un servizio gratuito di prenotazioni, inviando una mail a:

immaginarioetrusco@beniculturali.it

La prenotazione può essere effettuata fino alle ore 24,00 del giorno precedente lo spettacolo ed è consentita per un numero massimo di 4 posti, indicando nome e numero telefonico del richiedente. 

Una mail di risposta confermerà la prenotazione.

I biglietti devono essere acquistati entro le ore 20,30 del giorno dello spettacolo; oltre tale orario saranno resi disponibili per la vendita.

Ufficio stampa      

Maurizio Quattrinimaurizioquattrini@yahoo.it

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-romano-di-ostia-antica-presenta-andrea-perroni-in-dal-vivo/

https://unfotografoinprimafila.it/anna-foglietta-al-museo-nazionale-etrusco-rocca-albornoz-viterbo/

 

ArtCity 2019: all’interno della rassegna Palcoscenico a Caprarola va in scena “Il Trespolo Tutore”

Sabato 31 agosto, alle ore 21.00, l’Ensemble Mare Nostrum presenta, in collaborazione con il Festival Barocco Alessandro Stradella, l’opera comica “Il Trespolo Tutore” a Palazzo Farnese a Caprarola.

Lo spettacolo fa parte della rassegna “Palcoscenico” a cura di Marina Cogotti, realizzata dal Polo Museale del Lazio e dall’Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Un viaggio tra i tesori del Lazio, ben 23 siti d’eccellenza, tra musei, palazzi nobiliari e complessi religiosi, legati da un programma vario, declinato secondo suggestioni dettate dai luoghi.

Questo concerto è in collaborazione con il Festival Barocco Alessandro Stradella.

Il Trespolo Tutore è l’unica opera comica di Alessandro Stradella, nella quale si vede come Stradella conoscesse bene i gusti e le tendenze del pubblico, e che l’aveva acquisito a notevole esperienza nella caratterizzazione musicale e drammatica dei personaggi buffi.

La figura del vecchio Trespolo è uno dei primi esempi di una lunga serie di bassi buffi nel repertorio operistico.

Composto sul bellissimo libretto di Villifranchi, un grande poeta che come Stradella non ha ancora ricevuto il riconoscimento che merita, Il Trespolo presenta una struttura costruita magistralmente nella quale si intrecciano una gran varietà di situazioni e dove ogni personaggio è finemente caratterizzato da un punto di vista psicologico.

Stradella come al solito non manca di mostrare il suo personale punto di vista sulla morale e costumi del tempo. 

La rassegna “Palcoscenico” continua domenica 1 settembre con Vivaldi Sacro “Modo Antico” al Monastero di Santa Scolastica a Subiaco. Tutti gli altri appuntamenti possono essere consultati sul sito www.art-city.it

Il Trespolo Tutore

Opera per 6 voci, 2 violini e b.c. di A. Stradella

In collaborazione con
Festival Barocco Alessandro Stradella

Roberta Mameli Artemisia, soprano
Riccardo Novaro Trespolo, baritono
Silvia Frigato Ciro, soprano
Rafał Tomkiewicz Nino, controtenore
Luca Cervoni Simona, tenore
Paola Valentina Molinari Despina, soprano

direzione di Andrea De Carlo
regia di Paweł Paszta

Informazioni per il pubblico:

Palazzo Farnese
Piazza Farnese, 1 01032 Caprarola (VT)
Tel. +39 0761 646052
Biglietto intero € 5,00 | ridotto € 2,00 
Consigliata prenotazione

Cura e coordinamento organizzativo
Marina Cogotti

Ufficio stampa                 

Guido Gaito info@gaito.it

Maurizio Quattrini  maurizioquattrini@yahoo.it

https://www.art-city.it/rassegne/palcoscenico.html

twitter.com/ArtCity2019

instagram.com/artcityestate2019

facebook.com/ArtCityEstate2019

 #ARTCITYESTATE2019

https://unfotografoinprimafila.it/palestrina-terrazze-del-santuario-della-fortuna-primigenia-presenta-sorti-e-sortilegi/

Lavoro di Peppino De Filippo regia di Leo Muscato con Enzo De Caro in prima nazionale

Enzo De Caro da domenica 18 a martedì 20 agosto al Festival Teatrale di Borgio Verezzi, in prima nazionale, andrà in scena “Non è vero ma ci credo”, di Peppino De Filippo.

Con Enzo Decaro e Giuseppe Brunetti, Francesca Ciardiello, Lucianna De Falco, Carlo Di Maio, Massimo Pagano, Gina Perna, Giorgio Pinto, Ciro Ruoppo, Fabiana Russo.regia Leo Muscato.

Il commendator Savastano, ricco proprietario di una fabbrica, è estremamente superstizioso, tanto da far dipendere la propria condotta dall’interpretazione dei presagi.

La moglie Teresa e la figlia Rosina non possono più uscire di casa e la figlia, innamorata di un bravo giovane non riesce a presentarlo al padre.

Il fallimento di alcuni affari induce Savastano a licenziare in tronco un suo impiegato, il ragioniere Malvurio, reo di essere secondo lui uno iettatore.

Viene sostituito con Alberto Sammaria, simpatico giovane provvisto soprattutto di una meravigliosa gobba…. Da qui partono una serie di eventi paradossali ed esilaranti…

“Ho mosso i primi passi nel mondo del teatro quando avevo poco più di vent’anni.

Mi ero trasferito a Roma per fare l’Università e non sapevo ancora nulla di questo mestiere. Mi presentai a un provino con Luigi De Filippo e lui mi prese a bottega nella sua compagnia.

Mi insegnò letteralmente a stare in palcoscenico, dandomi l’opportunità di vivere la straordinaria avventura delle vecchie tournée da 200 repliche l’anno.

Rimasi con lui per due stagioni; poi mi trasferii a Milano per studiare regia.

Ci siamo rivisti ventidue anni dopo, pochi mesi prima che morisse. Mi chiese di pensare a un progetto da fare insieme.

Ne pensai mille, ma non abbiamo avuto il tempo di realizzarne uno.

Ereditando la direzione artistica della sua compagnia, ho deciso di inaugurare questo nuovo corso partendo proprio dal primo spettacolo che ho fatto con lui, Non è vero ma ci credo.

Rispettando i canoni della tradizione del teatro napoletano, proveremo a dare a questa storia un sapore più contemporaneo.

Quella che andremo a raccontare è una tragedia tutta da ridere, popolata da una serie di caratteri dai nomi improbabili e che sono in qualche modo versioni moderne delle maschere della commedia dell’arte.

Il protagonista di questa storia assomiglia tanto ad alcuni personaggi di Molière che Luigi De Filippo amava molto.

L’avaro, avarissimo imprenditore Gervasio Savastano, (Enzo De caro) vive nel perenne incubo di essere vittima della iettatura.

La sua vita è diventata un vero e proprio inferno perché vede segni funesti ovunque: nella gente che incontra, nella corrispondenza che trova sulla scrivania, nei sogni che fa di notte.

Forse teme che qualcuno o qualcosa possa minacciare l’impero economico che è riuscito a mettere in piedi con tanti sacrifici.

Qualunque cosa, anche la più banale, lo manda in crisi. Chi gli sta accanto non sa più come approcciarlo.

La moglie e la figlia sono sull’orlo di una crisi di nervi; non possono uscire di casa perché lui glielo impedisce.

Anche i suoi dipendenti sono stanchi di tollerare quelle assurde manie ossessive.

A un certo punto le sue fisime oltrepassano la soglia del ridicolo: licenzia il suo dipendente Malvurio solo perché è convinto che porti sfortuna.

L’uomo minaccia di denunciarlo, portarlo in tribunale e intentare una causa per calunnia.

Sembra il preambolo di una tragedia, ma siamo in una commedia che fa morir dal ridere.

E infatti sulla soglia del suo ufficio appare Sammaria, un giovane in cerca di lavoro. Sembra intelligente, gioviale e preparato, ma il commendator Savastano è attratto da un’altra qualità di quel giovane: la sua gobba.

Da qui partono una serie di eventi paradossali ed esilaranti che vedranno al centro della vicenda la credulità del povero commendator Savastano.

Peppino De Filippo aveva ambientato la sua storia nella Napoli un po’ oleografica degli anni 30.

Luigi aveva posticipato l’ambientazione una ventina d’anni più avanti.

Noi seguiremo questo sua intuizione avvicinando ancora di più l’azione ai giorni nostri, ambientando la storia in una Napoli anni 80.

Una Napoli un po’ tragicomica e surreale in cui convivevano Mario Merola, Pino Daniele e Maradona.

Lo spettacolo concepito con un ritmo iperbolico condenserà l’intera vicenda in un solo atto di 90 minuti. (Leo Muscato)

Borgio Verezzi: Piazza Sant’Agostino Piazza San Agostino, Verezzi, Borgio Verezzi

biglietteria@comuneborgioverezzi.it    

UFFICIO STAMPA COMPAGNIA

Maurizio Quattrini maurizioquattrini@yahoo.it 338 8485333  

https://unfotografoinprimafila.it/fabrica-di-roma-201-edizione-festa-della-birra/

https://unfotografoinprimafila.it/antonello-venditti-ad-anzio-con-sotto-il-segno-dei-pesci/

Ventidieci presenta martedì 13 agosto a Montalto di Castro Marina, nell’ambito del festival ‘Vulci Festival On the Beach’, lo spettacolo di Alessandro Siani, “Felicità tour”.

L’attore e comico partenopeo ritorna a teatro a Montalto di Castro con un monologo dal vivo, dopo la parentesi dello spettacolo corale Il principe abusivo a teatro con Christian De Sica.

In questo viaggio nella sua vita artistica, Siani sarà accompagnato dal maestro e compositore Umberto Scipione che dal vivo suonerà e segnerà le tappe cinematografiche della sua carriera da “Benvenuti al Sud” passando per “Il Principe Abusivo” e “Si Accettano Miracoli” per concludersi con “Mister Felicità”.

Il nuovo spettacolo sarà anche l’occasione per poter raccontare il dietro le quinte dei suoi film, ma anche l’opportunità per poter parlare delle differenze tra nord e sud, tra ricchi e poveri, delle nuove tendenze religiose.

Biglietti in vendita su Ticketone.it

https://unfotografoinprimafila.it/anzio-stadio-del-baseball-enrico-brignano-unora-sola-vi-vorrei/

https://unfotografoinprimafila.it/santuario-della-fortuna-primigenia-palestrina-italian-harmonists-in-le-voci-del-teatro-alla-scala/