Articoli


Doppio misto di Danilo De Santis dal campo da tennis al Teatro Golden

Teatro Golden. “La vita come il tennis è questione di tempi. Se arrivi in tempo sulla palla questa approda facilmente nell’altra metà campo, ma se sei in ritardo tutti i tuoi sogni si incaglieranno in una semplice rete” (Anonimo)

Debutta, martedì 17 dicembre, al Teatro Golden la nuova commedia di Danilo De SantisDoppio misto”. Sul palcoscenico, che diventa un campo da tennis, si sfideranno Milena Miconi, Marco Fiorini, Danilo De Santis e la giovanissima Giulia Todaro che resteranno in scena fino a domenica 12 gennaio.

Prodotta da LSD, “Doppio misto” è una commedia divertente che racconta una storia familiare e di amicizia il cui perno centrale è il gioco del tennis, che è protagonista dello spettacolo come disciplina sportiva quanto come parallelismo della vita spesso percepita e vissuta in costante competizione e con una forte e distruttiva ambizione.

Tutta la vita di Luna, interpretata da Giulia Todaro, è stata pianificata per realizzare il suo grande sogno: diventare la più forte tennista del mondo. Teatro Golden.

Ma il sogno di Luna racchiude in se’ i frammenti dei fallimenti e delle delusioni di suo padre Giulio, Marco Fiorni, e del suo allenatore Armando, che ha volto e voce di Danilo De Santis, amici da una vita e tennisti professionisti mancati.

Ma Luna, nonostante l’imminente successo, non sembra felice: sua mamma Mara, una fantastica Milena Miconi, la tratta ancora come una bambina e suo padre sembra essere ossessionato dal desiderio di successo di sua figlia.

Il tennis come metafora della vita in una storia che mette in risalto la compulsiva tendenza di molti genitori a utilizzare i propri figli come ultima spiaggia per realizzare i propri sogni infranti.

Una commedia esilarante ambientata in un campo da tennis dove i protagonisti si apprestano a giocare quel “Doppio misto” che segnerà il loro destino.

ORARIO SPETTACOLI IN ABBONAMENTO

dal martedì al sabato ore 21.00

sabato e domenica ore 17.00

PREZZI

Intero € 30,00 ridotto € 25,00

TEATRO GOLDEN

Via Taranto, 36 00182 ROMA

www.teatrogolden.it

info@teatrogolden.it

Tel. 06.70.49.38.26

Ufficio Stampa 

Daria Delfino tel. 347.6687903 daria.delfino@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-garbatella-va-in-scena-tutto-da-sola

https://unfotografoinprimafila.it/off-off-theatre-va-in-scena-novecento/

Scritto e diretto da Antonella Salvatore Con Stefano Flamia e Antonella Salvatore al Teatro Tor bella Monaca 15 e 16 marzo 2019 ore 21.00

Legati da fili sottilissimi, intrecciati tra loro tra gocce di rabbia e desiderio. Bisognosi dell’altro come di una droga che calma solo per un istante, ma sai che ti toglierà la vita.

Antonella Salvatore ci parla attraverso lo spettacolo “Doppio Legame”.

Quando l’Inferno uccide l’Amore del delicato tema della violenza psicologica e della dipendenza affettiva nella coppia.

Doppio Legame è il Mondo Infernale in cui si precipita quando ci si vorrebbe liberare dell’altro che ci sottomette con una continua violenza, ma il legame malato basato su emozioni intense e contrastanti, ci impedisce di dire basta.

I protagonisti dello spettacolo sono una coppia coinvolta in una relazione paradossale, ma molto diffusa, in cui la violenza psicologica non viene riconosciuta come tale da chi la vive e la attua e causa lividi invisibili che annientano la mente.

Il termine “DOPPIO LEGAME” indica una situazione in cui la comunicazione tra due individui, uniti da una relazione emotivamente intensa, presenta un’incongruenza tra quello che viene detto a parole e quello che viene espresso a livello non verbale.

L’uomo e la donna si scambiano il ruolo di vittima, salvatore e carnefice in modo estenuante fino a ritrovarsi in una posizione relazionale insostenibile.

La paura, l’affetto e l’adrenalina si mescolano in modo incontrollabile, impedendo a chi le subisce di riconoscere in modo chiaro la realtà, bisognosi uno dell’altro come di una droga che calma solo per un istante.

NOTE DI REGIA

Una Drammaturgia Contemporanea ricca di oggetti scenici metaforici.

Simbolo dello spettacolo sono delle rose rosse usate per sedurre, tradire, manipolare, colpire, creare tracce di un copione di vita legato all’idea di amore che è stata trasmessa ai protagonisti dai loro genitori e dalla loro infanzia.

Piani temporali differenti si intrecciano per mostrare pensieri, ricordi, aspettative, paure in un limbo in cui la luce sottolinea l’alternarsi di un piano scenico reale e quotidiano ad uno astratto e onirico.

LO SPETTACOLO

Lo spettacolo nasce a seguito del lavoro che Antonella Salvatore, autrice e regista dello spettacolo, ha svolto in collaborazione con la CIPA Counseling di Roma, come Theatre-Counselor ad Approccio Reazionale all’interno di gruppi di sostegno di donne e uomini che soffrono di dipendenza affettiva patologica.

Tutti i bambini che crescono in un ambiente familiare disfunzionale, in cui il Doppio Legame è di routine, diventano adulti che cercano nelle relazioni future quanto di più familiare a quello che già conoscono a partire dall’infanzia e spesso, come accade ai protagonisti della storia della Salvatore, ci si ritrova a diventare uomini e donne incapaci di valutare la pericolosità di un rapporto di coppia non sano.

Lo spettacolo è stato presentato al Convegno “La violenza sulla donna e sul bambino:

prevenzione, accoglienza e accompagnamento” organizzato dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto Superiore di Sanità, per sottolineare il valore del Teatro come strumento di prevenzione sociale contro la violenza, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre.

DOPPIO LEGAME.

Quando l’Inferno uccide l’Amore

Teatro Tor Bella Monaca

15 e 16 marzo 2019 ore 21.00

Scritto e diretto da Antonella Salvatore

Con Stefano Flamia e Antonella Salvatore

Aiuto regia Carolina Guerra

Produzione Istituto Teatrale Europeo

Durata: 60 minuti

Info e prenotazioni

062010579

promozione@teatrotorbellamonaca.it