Torna l’Aida di Giuseppe Verdi alle Terme di Caracalla

 A una settimana dal successo della “prima” torna in scena alle Terme di Caracalla l’Aida di Giuseppe Verdi, l’opera “simbolo” degli allestimenti nell’antico scenario archeologico, dal quale mancava dal 2011.

Lo spettacolo, nel nuovo allestimento con regia, scene, costumi e luci di Denis Krief sarà diretto da Jordi Bernàcer e sarà interpretato nelle due serate della fine settimana da cast diversi.

La sera di venerdì 12 Aida sarà Vittoria Yeo, Radamès Alfred Kim, Judit Kutasisarà Amneris, Adrian Sâmpetrean Ramfis. Sabato 13, sempre alle 21, Aida sarà Serena FarnocchiaDiego Cavazzin Radamès, Silvia Beltrami Amneris e Alessio CacciamaniRamfis

In entrambe le serate Marco Caria sarà Amonasro, mentre Domingo Pellicola avrà il ruolo del Messaggero e Rafaela Albuquerque interpreterà la Gran Sacerdotessa; i due ultimi fanno parte di “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma.

Il Coro è diretto dal maestro Roberto Gabbiani. La coreografia di Giorgio Mancini è interpreta dal Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.

L’Aida di Verdi sarà ancora replicata giovedì 18, mercoledì 24, mercoledì 31 luglio e sabato 3 agosto. Tutte le rappresentazioni inizieranno alle ore 21.

L’opera avrà i sottotitoli in italiano e in inglese.

Prosegue così la stagione estiva, che durerà fino all’8 agosto 2019, per un totale di 36 serate, che comprendono, oltre all’Aida, La traviata, il balletto Romeo e Giulietta e numerosi extra con un’offerta di eccellenza aperta a un larghissimo pubblico, com’è nella tradizione delle stagioni estive del Teatro dell’Opera di Roma.

I biglietti per la stagione estiva 2019 sono in vendita alla biglietteria e sul sito del Teatro dell’Opera di Roma.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Renato Bossa

Ufficio Stampa – Responsabile Opere e Concerti

Cell. + 39 366 6973749

renato.bossa@operaroma.it

Aida, regia di Denis Krief, Caracalla 2019 ph Yasuko Kageyama-Opera di Roma

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *