Dance Explosion Competition giunge alla 10° edizione che si terrà il 14 e 15 marzo 2020 ad Anagni come di consueto.

Tante già le adesioni da parte delle scuole di danza e dei danzatori dai baby agli adulti. Una competizione che scalda il cuore della Città dei Papi e dei tantissimi amanti di questa bellissima disciplina. Dance Explosion Competition

La competition è stata ideata ed organizzata da Marco Franceschetti, da sempre promotore di eventi dal forte impatto artistico e, per questa decima edizione, ha voluto accanto a se, oltre all’oramai collaudata coppia Gaetano d’Onofrio e Annamaria Ranelli alla conduzione, una nutrita giuria di professionisti della danza di livello internazionale con la direzione artistica di due grandi nomi ed amici:

Dance Explosion Competition. Gaetano Porto per la giornata dedicata alla sezione Urban Street e Michele Moretti per la giornata dedicata alla sezione Dance.

Ma andiamo a conoscerli meglio iniziando dal direttore artistico della prima giornata del 14 marzo:

Gaetano Porto, Insegnante e coreografo che ha danzato nella tappa di Napoli del Lovumba Tour del re del reggaetone Daddy Yankee. Dance Explosion Competition

Collabora con Orlando Moltoni nei progetti La Familia, Buddha G Community, coreografo della Indafamily Crew (World Of Dance, The Flow) finalisti ad ITALIA’S GOT TALENT.

Ha aperto il concerto di Clementino, Marracash, RTL Pizza Village di Napoli ed è direttore artistico di diversi eventi sul territorio nazionale e, soprattutto, della WildStyleProjectDanceLab, una delle organizzazioni più attive della scena hip hop che ospita artisti nazionali ed internazionali durante tutto l’anno.

Tra gli impegni oltralpe è anche insegnante per HipHopInternational in Portogallo e per Next Level convention in Belgio.

Direttore artistico del settore Danza nella giornata del 15 marzo sarà Michele Moretti il cui amore per la coreutica lo porta a trasferirsi sin da giovanissimo a Roma e raggiunge la popolarità con il noto programma Amici di Maria De Filippi 2005.

Da quel momento gli si aprono tante porte nel mondo dello spettacolo, con collaborazioni per diversi show televisivi e teatrali, in Italia e all’estero.

Continua a studiare e perfezionarsi tra Londra, New York e Los Angeles.

Danza e collabora con diversi e noti coreografi internazionali e tra i suoi lavori più importanti ricordiamo:

video clip con Jackson Wang for FENDI, Amici, tour con Renato Zero, Eurovision Song Contest, diverse edizioni del festival di Sanremo, Vacanze Romane, Wind Music Awards, Divina Commedia, I miglior anni, Ciak si canta, Tu si que vales, Enrico Brignano, Vengo anch’io e tanto altro.

Due grandi capitani per una squadra che è più che altro una famiglia composta da persone innamorate della danza e dello stile di vita che essa impone.

Una vita di sacrifici e soddisfazioni nella massima unione tra musica ed espressione corporea.

Per info danceexplosion@libero.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/al-san-francesco-di-orvieto-bartender/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-hamlet-angeli-di-cartone/


Al San Francesco di Orvieto “Bartender”. Il sabato è Eat & Music, sabato 22 febbraio dalle ore 19,30 BARTENDER, Gabriele “Svedonio” Tardiolo, chitarra e voce, David Tordi, chitarra e voce, Valerio Bellocchio, chitarra e voce

La nuova stagione del Ristorante Al San Francesco di Orvieto punta sul sabato e lo fa offendo una serie di appuntamenti imperdibili grazie anche alla collaborazione con alcune tra le band più seguite dell’Orvietano.

Il tutto, condito, prima e dopo cena, dai cocktail bar by Bartox.

“Al San Francesco il Sabato è Eat & Music”, un format che vuole diventare un appuntamento fisso per dare la possibilità a famiglie e coppie giovani di trascorrere una serata all’insegna del divertimento grazie alla musica delle live band, del gusto con le pietanze esclusivamente a km 0 del Ristorante Al San Francesco e dei cocktail bar by Bartox.

La serata prevede un aperitivo speciale per tutti gli ospiti, seguito da una cena con menù alla carta: ci sarà una vasta scelta di primi, secondi, pizza e dolci.

Il tutto accompagnato da musica dal vivo. Insomma, iniziare e finire la serata nello stesso posto?

Inoltre per venire incontro alle esigenze di chi, venendo da fuori, vuole godere di qualche giorno in più di relax a Orvieto, il Country Resort a Penisola offre la possibilità di soggiornare al costo di 35,00 Euro a notte in camera doppia o matrimoniale per persona.

Il programma musicale presenta: sabato 22 febbraio i Bartender, trio di chitarre acustiche e voci formato da Gabriele “Svedonio” Tardiolo, David Tordi e Valerio Bellocchio.

Da oltre 15 anni la band italiana si esibisce su palchi di livello internazionale e vanta numerose collaborazioni con artisti italiani e stranieri.

Chi assiste ad un concerto dei Bartender è combattuto tra la voglia di ascoltare la musica dal vivo e quella di ballare e muoversi, indeciso fra il desiderio di scatenarsi – assecondando ritmi che arrivano dritti alla pancia – o lasciarsi avvolgere dalle armonie che accarezzano e trasportano le emozioni.

E proprio emozionare è lo scopo principale dei Bartender, un progetto artistico che centra l’obiettivo.

I brani sono strutturati ed arrangiati come veri e propri film, ti trasportano dentro una storia, ti accompagnano in un viaggio emotivo.

I tre musicisti non si sentono “incastonati” dentro ad un genere musicale e non hanno tanto meno paura di attingere a qualunque repertorio disponibile, da Ennio Morricone a David Bowie, dai Beatles a Mozart, oltre che dalle proprie composizioni originali.

All’interno di un concerto o di un disco, i cosiddetti “grandi classici” sono quasi nascosti, nell’attesa di emergere: e infatti piano piano questi si svelano e quando il pubblico li riconosce, gli hanno già preso il cuore.

Per non restare prigioniere di un genere, queste tre chitarre devono anche saper dare l’impressione di altro da sé.

Nella band non c’è una batteria a scandire i ritmi eppure il ritmo c’è eccome, non c’è nemmeno un’orchestra, eppure alcune esecuzioni non fanno minimamente rimpiangere la versione orchestrale.

Brani storici e moderni, grandi classici o perle nascoste, vengono arrangiati e talvolta fusi per dare vita ad un nuovo brano, dal quale esce potente l’inconfondibile marchio Bartender!

Per info e prenotazioni:
Tel: 39 0763 343302
Email:info@cramst.it
www.facebook.com/cramst

#sabatoeatemusic

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/…/teatro-ghione-casa-di-fronti…

https://unfotografoinprimafila.it/centro-commerciale-granroma-riciclarte/


Riciclarte con la più grande mostra d’arte contemporanea allestita in un Centro Commerciale in Italia, dal 17 febbraio al 1 marzo 2020

Il Centro Commerciale GranRoma Gran Shopping consolida il suo già forte radicamento nel territorio, proponendosi non solo come realtà commerciale, ma anche come luogo di incontro e di creatività a livello artistico con un evento di grande rilievo culturale e sociale: Riciclarte.

Centrato su un tema di grande attualità e del quale si dibatte in tutto il mondo, Riciclarte, si terrà dal 17 febbraio al 1 marzo al GranRoma, e attraverso l’arte e le sue tre declinazioni, scrittura, scultura e creatività, presenterà ai visitatori del centro commerciale, una grande operazione di educazione civica e di sensibilizzazione ecologica sulla corretta gestione dei rifiuti e l’importanza del riuso.

Tutta la galleria del Centro Commerciale sarà allestita e tematizzata con 10 ecototem speciali, ecosostenibili e totalmente green, generati da carta completamente riciclata, anch’essi completamente riciclabili, sui quali saranno riportate piccole frasi con immagini suggestive su diversi argomenti, appositamente studiate per informare e sensibilizzare.

Ci sarà un totem per ogni materiale soggetto al riciclo. Inoltre, la galleria del GranRoma ospiterà, la più grande mostra d’arte contemporanea mai allestita in un Centro Commerciale in Italia, visitabile gratuitamente, composta da 60 sculture medie, 4 quattro giganti e 2 grandi scacchiere realizzate dal maestro Diego Scarpellini in puro stile assemblaggio artistico/recycled-art, uniche nel loro genere.

Ogni opera è sostenuta da espositori costruiti totalmente in cartone completamente riciclato e stampato, realizzata con oggetti di uso comune.

Di grande interesse i laboratori ecologici, che permetteranno ai clienti del Centro Commerciale di costruirsi uno strumento musicale, partendo dalle tecniche artigianali più semplici, e apprendere le basi primarie per suonarlo grazie alla presenza di professionisti del settore.

Con questa iniziativa il Centro Commerciale GranRoma, dimostra ancora una volta di essere un punto di riferimento per il territorio circostante, puntando su eventi come Riciclarte, di grande rilievo sociale e interesse per i cittadini.

Centro Commerciale Gran Roma Gran Shopping, via Aristide Merloni, 141, Roma

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/i-gatti-della-piramide-sua-maesta-il-gatto/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-tor-bella-monaca-stavamo-meglio-quando-stavamo-peggio


Ischia set cinematografico del film “Resilienza” Ultimo ciak per il lungometraggio sul femminicidio diretto da Antonio Centomani

Per quattro settimane il Comune di Forio sulla costa occidentale della splendida isola di Ischia si è trasformato in un set cinematografico ospitando, nell’incantevole Hotel Sorriso, le riprese di “Resilienza”, lungometraggio dedicato al tema del femminicidio diretto dal regista pantenopeo Antonio Centomani, e prodotto dalla Lupa Film, casa di produzione che ha scelto di sposare tematiche legate al mondo femminile, in collaborazione con l’imprenditore Antonio Rubel.

La pellicola, patrocinata da Women for Women against Violence e dall’associazione Salvamamme per il progetto “Valigia di Salvataggio” a sostegno delle donne in fuga vittime di violenza, vede un importante cast quasi tutto di origini campane, capitanato dalla produttrice Maria Guerriero nel ruolo della protagonista femminile, affiancata da Luca Capuano, Giovanni De Filippis, Luciana De Falco, Claudia Conte, e con la partecipazione straordinaria di Antonio Catania.

Il film, che s’ispira a storie vere, racconta la storia di Giulia, giovane trentenne di Napoli imprigionata in un amore guastato dal virus della violenza.

“Parlare della violenza sulle donne potrebbe apparire scontato – spiega Centomani – ma il tema, purtroppo, negli ultimi anni è diventato troppo ricorrente e raccontarlo attraverso lo “strumento” cinema ti dà la possibilità di raggiungere una vasta platea e, perché no, può dare coraggio alle donne vittime di violenza e scuotere le menti instabili dei carne­fici”.

Gli fa eco Maria Guerriero che sottolinea: “con la Lupa Film abbiamo deciso di produrre un’opera che trattasse una delle più dolorose e purtroppo tristemente attuali tragedie di questo tempo e di questo Paese per dare un contributo di forza alla, spesso debole, voce di tante donne che hanno subito e che stanno subendo questo dramma”.

Il film, realizzato grazie al contributo dell’agenzia per il lavoro Generazione Vincente, parteciperà ai più importanti festival cinematografici nazionali ed internazionali e uscirà nelle sale il prossimo gennaio 2021.

Responsabile Ufficio stampa “Resilienza” per Lupa Film

Donatella Gimigliano

Giornalista – Relazioni Pubbliche & Comunicazione

Socio Professionista Qualificato FERPi

Cellulare: +39 3287310171

Email: d.gimigliano@bixpromotion.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-argot-studio-piccola-patria/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/sala-umberto-sherlock-holmes-di-helen-salfas


Nemi istalla un’opera dell’artista Marco Manzo dedicata all’amore il 14 febbraio a San Valentino

All’ inaugurazione dell’opera di Marco Manzo sarà presente il Sindaco Alberto Bertucci il giorno 14 febbraio alle ore 11.00: l’opera verrà inserita nel percorso delle cose da vedere per i numerosi turisti che ogni anno visitano Nemi.

Il 14 febbraio, Festa degli Innamorati, la Città di Nemi si arricchirà di una suggestiva opera pubblica realizzata da Marco Manzo, uno dei p migliori e più famosi tatuatori italiani al mondo.

A Manzo, che è anche designer e scultore di fama internazionale, con all’attivo mostre in prestigiosi contesti quali il Vittoriano di Roma e la Biennale d’Arte di Venezia.

Opere esposte a vario titolo in alcuni dei Musei più importanti come il Moma e la Gagosian Gallery di di New York ed il MACRO e il Maxxi di Roma.

E’ stata commissionata dal Comune un’opera volta ad omaggiare il territorio nemorense con una scultura che racchiude in sé, oltre al tatuaggio ornamentale di cui l’artista e precursore, elementi distintivi delle tradizioni e dei prodotti del territorio.

Celebre per essere riuscito nel tempo a portare il tatuaggio ad essere riconosciuto tra gli autorevoli linguaggi dell’arte contemporanea, l’artista ha pensato per il Comune di Nemi ad una installazione scultorea in bronzo.

Opera collocata nel centro storico in un angolo panoramico che affaccia sul lago “specchio di Diana”, che ha intitolato “La mano dei desideri” e che affonda le sue radici nell’antica leggenda.

Il mito delle lacrime di Venere che unite al sangue di Adone ucciso da Marte hanno generato piccoli rossi cuori carnosi, diffondendo così la fragola simbolo del territorio.

Fragola che viene rappresentato dall’artista col frutto poggiato su di una mano: la fragola, che rappresenta anche il cuore, è trafitta da una freccia, simbolo di Diana dea dei boschi circostanti e della caccia.

L’opera è anche testimone di amore: su di una seconda mano prospiciente,  tatuata con lo stile ornamentale,  i visitatori potranno poggiare il loro viso in un benaugurante scatto fotografico che costituisca un ricordo di amore e del territorio di Nemi allo stesso tempo.

La nuova leggenda vuole che, chi appoggerà il volto sulla mano ornamentale, potrà esprimere un desiderio, collocando Nemi tra le simboliche città dell’amore.

Il tatuaggio, lontano ormai da superati cliché, socialmente e culturalmente elevato ad arte a tutti gli effetti, giunge finalmente anche ad adornare un’opera pubblica, segnando una nuova tappa nella storia dell’arte,

Come recentemente confermato anche al Senato della Repubblica Italiana dai “Nuovi autorevoli linguaggi dell’arte contemporanea nel XXI secolo, a cura dello stesso Manzo.

L’artista si è in tal senso battuto nel tempo per elevare questa antichissima forma d’arte, giungendo a condurla nei Musei d’Arte contemporanea, nelle loro collezioni e nelle grandi mostre, portandola ad una credibilità istituzionale pari alle arti cosiddette maggiori.

L’inaugurazione dell’opera di Marco Manzo è prevista alla presenza del Sindaco, delle istituzioni cittadine e dello stesso artista il giorno 14 febbraio alle ore 11.00 : l’opera verrà inserita nel percorso delle cose da vedere per i numerosi turisti che ogni anno visitano Nemi.

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/san-valentino-rose-rosse-e-messaggi-dei-poeti-ti-amo/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/abarico-teatro-sweet-home


Interflora: boom delle consegne di fiori a domicilio nella settimana della Festa degli Innamorati San Valentino

Nuove tendenze 2020 per dire “Ti Amo” nel giorno di San Valentino con fiori e piante: tulipani rossi ed orchidee

In bouquet, in eleganti scatole, raccolte in grandi mazzi, assortite in composizioni con altri fiori … purché siano rosse. Per dire “Ti Amo” nel giorno di San Valentino le rose restano la prima scelta, senza tempo e al di là di mode e tendenze.

La rosa è il “fiore regina” della Festa degli Innamorati, sia fresca che stabilizzata viene accompagnata da doni preziosi – come profumi, gioielli, distillati o bottiglie di champagne – e da biglietti romantici con frasi tratte dalla letteratura e dalla poesia.

“La settimana del San Valentino” – spiega Luca IannaroneDirettore Generale di Interflora – “resta la più importante rispetto al resto dell’anno per quanto riguarda gli ordini e le consegne dei fiori sia in Italia che all’Estero”.

La prima azienda nella consegna di fiori, piante e regali a domicilio in tutto il mondo, si trova, quindi, impegnatissima durante la settimana che precede la Festa degli Innamorati (tra il 6 e il 14 febbraio) con un incremento degli ordini che arriva a superare fino a 20 volte il parametro standard.

Solo a Roma e in tutto il Lazio, ad esempio, gli ordini di mazzi di rose registrano numeri elevatissimi di vendita: in una settimana standard, ad esempio, si possono contare oltre 600 consegne al giorno, nella settimana di San Valentino si arriva a superare le 13.000 consegne giornaliere.

Un vero e proprio record, oltre che un business importantissimo in Italia e in tutto il mondo.

Il 14 febbraio” – prosegue Iannarone –vengono effettuate oltre 16.000 consegne in tutta Italia di cui più di 2.000 soltanto a Roma. In un giorno normale, le consegne di fiori e piante oscillano tra le 700 e le 800.

Solo nel Lazio i fioristi affiliati riescono ciascuno a soddisfare centinaia di ordini ogni giorno di quella settimana, ma il clou viene raggiunto, per l’appunto, il 14 febbraio.

Lo stesso accade nelle principali città italiane, senza differenze Nord/Sud.

Nel solo giorno di San Valentino vengono consegnate rose per oltre 1 milione di euro, in bouquet o in mazzi da un minimo di 3 fino a quello classico di 12, la rosa rossa, specialmente quella con il gambo lungo, resta il fiore preferito per comunicare l’amore al partner o a chi si corteggia, senza alcuna distinzione.

Apprezzati anche i bouquet di fiori misti, soprattutto gerbere e anemoni, e le classiche orchidee bianche o gialle. E, poi, i tulipani, purché rossi.  

Per i giovanissimi, le opzioni sono anche le rose in piccoli bouquet nelle sfumature del rosa e del bianco. Non è solo ‘il gentil sesso’ a ricevere fiori nel giorno di San Valentino.

Capita sempre più spesso che siano le donne ad inviare il loro pensiero florale al partner o a chi si corteggia”.

Interflora riceve ogni anno circa 13.000 ordini di fiori (su un totale di 260.000) destinati agli uomini per manifestare i sentimenti.

In occasione del 14 febbraio, accade spesso che venga chiesto all’azienda di confezionarli assieme ad altre tipologie di cadeau.

In crescita anche le composizioni con rose rainbow (dai petali imbevute nei vivaci colori dell’arcobaleno attraverso un particolare trattamento, sia fresche che stabilizzate), richieste in particolare da coppie dello stesso sesso.

Tante le tipologie di scatola – rotonda tipo cappelliera o a cuore – con rose a cui abbinare un biglietto tratto dai poeti o dai letterati, da Shakespeare a Neruda, per dire Ti amo al proprio compagno o alla propria compagna.

Fino a 3/4 anni fa i fiori venivano tutti dall’Olanda” – dice Iannarone – “Negli ultimi anni i fiori giungono in gran parte dal Sudafrica e dall’Equador. 

Le rose stabilizzate, in particolare, si stanno facendo largo nel mercato e permettono composizioni durevoli nel tempo e di elevata qualità.

Queste rose vengono lavorate in Italia con la massima cura e nel rispetto delle caratteristiche del fiore.

Sopra il petalo viene stesa una speciale emulsione che consente al fiore di durare diversi anni se conservato nel contenitore ermetico in plexiglass, evitando l’esposizione diretta al sole e a fonti di calore”.

Emilio Sturla Furnò

Responsabile Comunicazione

Interflora Italia S.p.A.

Sede legale ed operativa

Via Giacomo Dina, 36

00128 – Roma

C.F. – P.I. 08998971009

Tel.  +390666416641

Fax. +390666416940

www.interflora.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/museo-del-saxofono-saxappeal-il-concerto/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-marconi-un-letto-per-quattro


I concerti al Museo del saxofono Le metamorfosi del saxofono da anonima pipa di nichel a stereotipo musicale dell’erotismo

Museo del saxofono. Io ho questa cosa dei saxofonisti, specialmente dei sax tenori… non so perché ma loro mi fanno rabbrividire.

Tutto quello che devono fare è suonare le prime otto battute di “My melancholy baby”, mi viene la pelle d’oca, e vado da loro… (Marilyn Monroe dal film “A qualcuno piace caldo”)

Sabato 15 febbraio 2020 avrà luogo al Museo del Saxofono di Fiumicino il quarto grande evento della stagione musicale in corso: SAXAPPEAL, un concerto-spettacolo che vede protagonista il padrone di casa, il direttore del Museo Attilio Berni.

Un evento che raffigura e delinea lo stereotipo per eccellenza dell’erotismo musicale, Sax ed Eros.

Un connubio indissolubile che diviene il tema di un avvincente concerto-racconto ricco di musiche sensuali ed accattivanti, aneddoti, curiosità, fotografie, filmati ed incredibili strumenti per narrare le avvincenti metamorfosi del più sexy degli strumenti musicali.

Durante il concerto verrà esibito e suonato il sax tenore Selmer del celebre saxofonista degli anni ’70 Gil Ventura recentemente donato al Museo del Saxofono.

Note sul Museo del Saxofono

Lo strumento musicale più “endoscopico”, quello che, più di ogni altro entra nel corpo del musicista e ne amplifica, non solo le cavità organiche, ma soprattutto le passioni, gli umori… quelle emozioni da sempre soffiate nel più saxy degli strumenti musicali.

Non solo ottone ma l’estensione dell’anima di chi lo suona!

A lui Attilio Berni, il più grande collezionista di saxofoni al mondo, ha voluto dedicare un tempio museale, unendo storia, scienza ed edutainment aperto a tutti, anche in orario straordinario (fino alle 24:00).

Un’iniziativa tesa a promuovere ed avvicinare giovani, appassionati e cittadini alla musica dal vivo ed alla settima arte celebrando una location unica al mondo ed uno strumento senza eguali.

Nel Corso della serata i visitatori potranno visitare la mostra fotografica “Fellini un visionario sul set” a cura del Comune di Fiumicino e della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia.

Un’iniziativa tesa a promuovere ed avvicinare giovani, appassionati e cittadini alla musica dal vivo ed alla settima arte celebrando una location unica al mondo ed uno strumento senza eguali…

Il Museo del Saxofono gode del Patrocinio di Comune di Fiumicino ed Ambasciata del Belgio ed è sponsorizzato da Selmer Paris (Francia), Borgani (Italia), Eppelsheim (Germania), BCC Roma, International Woodwind (Usa), J’Elle Stainer (Brasile).     

Suoi partner sono le Farmacie Comunali Fiumicino, ProLoco Fregene-Maccarese, Complesso L’Oasi e Anipo (Francia).

Prima del concerto gli ospiti potranno godere di un buffet di intrattenimento.

Biglietto concerto: €15,00 –  Buffet d’intrattenimento: €8,00

Prevendita su https://www.liveticket.it/museodelsaxofono

Museo del Saxofono

via dei Molini snc (angolo via Reggiani)

00054 – Maccarese, Fiumicino (RM)

Sito web ufficiale:

https://www.museodelsaxofono.com/

Infoline:

39 06 61697862 – info@museodelsaxofono.com

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-lea-padovani-pur-di-fare-musica/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-marconi-un-letto-per-quattro


VIII edizione del Festivalflorio dal 14 al 21 giugno 2020, direzione artistica di Giuseppe Scorzelli all’Isola di Favignana.

È giunto all’ottava edizione, record nell’isola di Favignana, il Festivalflorio, la rassegna d’Arte di maggior rilievo dell’Estate Siciliana che, sempre sotto la direzione artistica di Giuseppe Scorzelli, si svolgerà dal 14 al 21 giugno 2020.

Un calendario ricco di proposte, in prevalenza musicali, che non mancherà di soddisfare molteplici interessi culturali e che si rivolge quest’anno sotto il segno del gemellaggio italo-tedesco.

“Vivo e lavoro da quasi 4 anni in Germania – afferma Scorzelli – e qui ho avuto la possibilità di conoscere da vicino molti artisti tedeschi, alcuni dei quali hanno le caratteristiche per essere attraenti per un pubblico italiano.

L’anno scorso ha già dimostrato proprio a Favignana il Duo Flac, riscuotendo notevole successo.

Ho reputato che questo gemellaggio sia strategico sia per far conoscere Favignana ad artisti internazionali che ne possano raccontare poi in patria, sia ad incrementare nell’isola un nuovo turismo che non sia di massa, ma culturale e rispettoso dell’ambiente.

Come di consueto, infatti, il festival è realizzato in collaborazione con l’AMP, l’ente che gestisce e tutela l’Area Marina Protetta delle Isole Egadi e che, con un’estensione di 53.992 ettari, è la riserva marina più grande del Mediterraneo.”

Il selezionato programma della manifestazione, che si svolgerà tra l’ex Stabilimento Florio, I Pretti Resort e Palazzo Florio, partirà il 14 giugno con il jazz del Kitty Hoff Trio. A seguire, il Duo Plano/Del Negro (15 ); Ida Pelliccioli e una rassegna di cinema muto (16);

Quartetto Michelangelo (17); concerto d’opera La Bohème (18); Lydia Maria Bader (19); il Premio Favignana e Mariella Nava (20). Infine, il 21 giugno, il concerto di chiusura con i Trami Duo.

Il Festivalflorio, presentato il 9 febbraio alla BIT di Milano, quest’anno avrà un’appendice internazionale a Francoforte con una presentazione agli imprenditori tedeschi il 5 marzo, presso la sede del Consolato Italiano.

“Abbiamo sempre creduto che la promozione di un territorio sia legata alla cultura e tradizioni di appartenenza – afferma il sindaco Giuseppe Pagoto – e crediamo fermamente che per la crescita servano eventi come la Borsa Internazionale del turismo e la partecipazione a fiere o convegni anche al di fuori del territorio italiano.

Miriamo ad un’offerta turistica competitiva e di qualità, che tuteli le bellezze paesaggistiche e architettoniche delle nostre ‘perle’; sono anche fermamente convinto che, per i nostri giovani, il futuro nel campo del turismo sia legato ai mercati europei e il Festivalflorio con la sua internazionalità apre anche questi orizzonti”.

“Il Festival si incastona magistralmente con il tessuto Egadino – continua l’assessore con delega alla cultura Giusi Montoleone avendo registrato nella scorsa edizione un grande interesse da parte non solo dei mass media ma anche dai turisti e residenti.

In tale contesto fu affrontato il tema della Mattanza con la proiezione de ‘Il Castello di Rete’, documentario curato da Gianfranco Bernabei.

Il festival ha ospitato non solo incontri con giornalisti, su temi di attualità come quello con Luca Abete, ospite di spessore e legato da anni alle Egadi, ma anche appuntamenti di musica jazz, pop, musica lirica, con repertori tradizionali spagnoli, portoghesi, tedeschi.

Infine l’arte culinaria, che ha visto docenti di una masterclass sulla cucina egadina le sorelle Guccione, celebri nel mondo gastronomico per piatti presenti nelle guide internazionali”.

Anche quest’anno si terrà un corso di cucina siciliana che vedrà protagonista proprio Maria Guccione, per illustrare e preparare le migliori ricette autoctone (top secret fino all’inizio del corso) che già godono di fama per la ricchezza di aromi (rosmarino, alloro e basilico in primis) integrati con il pesce fresco.

Un evento, in collaborazione con l’Associazione Cucina Siciliana e Firriato Winery, che si integra al ricco cartellone musicale ed il cui obiettivo è quello di far conoscere Favignana e le Egadi, tra passato e presente, secondo un’armonia di sapori e racconti che non hanno eguali.

Alla Guccione verrà conferito il Premio Favignana 2020 con la seguente motivazione: “per L’impegno profuso in ogni ambito, culturale, enogastronomico, sociale e ambientale, in favore della tradizione egadina”.

Infine, per agevolare l’incoming turistico in un’esperienza congiunta di Cultura, Arte, Natura e Cibo, l’Associazione Ata (Associazione Turistico alberghiera Isole Egadi) offre un interessante pacchetto promozionale durante i giorni del festival:

prenotando tramite le aziende che aderiscono all’Ata (cfr http://www.egadiwelcome.it/) si possono ottenere riduzioni del 20% sul pernottamento e altri sconti relativi alla Ristorazione.

Offerta speciale anche da parte de l Pretti Resort di Favignana (https://www.iprettiresort.it/) che propone soggiorni agevolati con colazione e aperitivo in giardino nelle suggestive Suite Superior.

 Sito ufficiale: http://www.festivalflorio.it/

Foto scorse edizioni: https://www.flickr.com/photos/kymbala/albums

Il Festivalflorio è organizzato da Associazione Kymbala, in collaborazione con il Comune di Favignana e l’Area Marina Protetta.

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/i-ragazzi-che-si-amano

https://unfotografoinprimafila.it/sala-paolo-poli-di-ostia-luomo-che-sognava-gli-struzzi/


San Valentino, la festa degli innamorati al Porta di Roma “Secret Garden”

In occasione del prossimo San Valentino, la festa degli innamorati, la Galleria commerciale Porta di Roma, rivolge la sua attenzione verso le tematiche ambientali, con la creazione di Porta di Roma Secret Garden.

Diventa a tutti gli effetti “green”. Porta di Roma

Infatti da lunedì 10 a domenica 16 febbraio, sarà allestito un giardino naturale, con oltre 300 piante di più di 50 specie diverse, curato dal Vivaio Barretta.

Nel corso degli anni ha sviluppato un’importante esperienza nella selezione e coltivazione delle piante tropicali.

Questo meraviglioso giardino, realizzato nel cuore della Galleria, con degli archi realizzati in stile Let’s Play, offrirà la possibilità di poter fare, poetici scatti in mezzo alla moltitudine di colori e aromi delle piante presenti al suo interno.

Inoltre dentro il giardino i visitatori troveranno delle colonnine QR Code, dove potranno scaricare messaggi d’amore, frasi di canzoni di alcuni tra i più famosi cantanti italiani, da inviare al proprio partner per comunicargli il proprio amore in modo creativo ed originale.

Tutte le foto che verranno condivise su Instagram con i tag #PortadiRomaSecretGarden e #PortadiRomaLetsPlay prenderanno parte ad un collage celebrativo che sarà pubblicato a fine evento sull’innovativo Ledwall Cube, denominato dalla Galleria, Wall of Experience, inaugurato lo scorso luglio.

Le foto saranno visibili a tutti i visitatori dal 17 al 23 febbraio.

Galleria commerciale Porta di Roma

Via Alberto Lionello, 201, 0 Roma

Orari: da lunedì a giovedì, 10:00–20:00 ; da venerdì a domenica, 10:00–22:00

UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini – maurizioquattrini@yahoo.it – tel. 338 848533

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/caffe-letterario-amore-tutto-lacrime-e-sospiri/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-flaiano-novecento


Per il giorno di San Faustino…. Ovvero: i Single (per scelta propria o dell’altro) di Shakespeare, Amore tutto lacrime e sospiri al Caffè Letterario

Caffè Letterario. Da Romeo e Giulietta fino ad Antonio e Cleopatra l’opera del Bardo é costellata di grandissimi amori.

E di grandissime coppie.

E gli altri? I single? Quelli che a S. Valentino restano a casa con la bocca asciutta?

Caffé Letterario. Gli spasimanti rifiutati, i traditi, i single “per scelta” propria… o dell’altro?

Enrico Petronio – esploratore shakespeariano altrimenti conosciuto come “lo zio Willy” – dedica una serata speciale a tutti i cuori spezzati, induriti, abbandonati.

I prigionieri sospirosi nel proprio orgoglio, tutti i cuori solitari piú lacrimosi, gli scapoloni imperituri, le fuggiasche, i cinici scettici, i sessuomani che non si vogliono impegnare.

Perché l’amore non é solo tonnellate di baci Perugina e glicemia poetica, ma anche “un verme che meravigliosamente ti rode dentro”.

Tra spasimi, risate, condivisioni e autoriflessioni, nel giorno di San Faustino (e non a caso), ovverosia sabato 15 febbraio, alle ore 19:00 lo zio Willy

(mentore dell’omonimo blog che da anni scuote la rete su temi di approfondimento shakespeariano) si districherà per il palco del Caffè Letterario di Roma alla ricerca del sentito (o mentito) amore, solitario e (s)coppiato.

Un evento condito da un’aperi-cena e seguito, per chi volesse rimanere (o reagire in musica ai propri tormenti amorosi interiori) dal concerto dei Breath ‘n Soul.

Ingresso: € 20 (incluso cena a buffet illimitato con un cocktail)

Info e prenotazioni: press@elisabettacastiglioni.it

Caffé letterario

via Ostiense, 95 – 00154 Roma

Maggiori info su https://www.caffeletterarioroma.it/

Evento FB: https://www.facebook.com/events/220005912463446/

Visita il blog http://www.loziowilly.com/

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/enosteria-capo-le-case-a-jazz-taste/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-flaiano-novecento


“A JAZZ TASTE” Vino, cibo e musica all’Enosteria Capo Le Case martedì 11 febbraio ore 20,30

“A Jazz Taste” è molto più di una cena concerto e martedì 11 febbraio a partire dalle 20.30 avrà come cornice Enosteria Capo le Case.

Bistròt che nasce sulle fondamenta di un antico spaccio di alimentari dei primi del ‘900 a due passi da Fontana di Trevi, ora gestito da Simon Vannini proprietario e giovane imprenditore dalle idee illuminanti.

Ad esibirsi sul palco e letteralmente in vetrina nel delizioso bistrot capitolino la songrwriter Federica Baioni (www.federicabaioni.it) e il suo quartetto jazz con Fabrizio Boffi al piano, Stefano Napoli al contrabbasso e Dario Esposito alla batteria.

Il quartetto dell’artista che si è esibito spesso in Italia e all’estero presenterà un repertorio di brani jazz della tradizione d’oltreoceano, swing, sonorità bossa nova e contaminazioni latin.

Un nugolo di brani originali e non solo dedicati al teatro canzone che strizzano l’occhio al musical d’annata.

Federica Baioni 4tet : https://www.youtube.com/watch?v=5MdRMFQCSX4

Ad annaffiare il ricco menù della serata IL Gelso (Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC classico), IL Moro (Esino rosso DOC) provenienti dalla cantina La Corte del Gusto (www.lacortedelgusto.com).

Brand giovane e accattivante sul lato enologico di origine marchigiana doc.

Insieme al vino protagonista dei calici e della tavola della serata anche l’olio toscano dell’azienda IL Merlo (www.ilmerlo.it) ormai un binomio di qualità ed eccellenza italiane.

CON:

FEDERICA BAIONI QUAERTET

voce: Federica Baioni

piano: Fabrizio Boffi

contrabbasso: Stefano Napoli

batteria: Dario Esposito 

Info e prenotazioni:

06.69923644 

Enosteria Capo Le Case 

Via Capo le Case, 53 | Roma.

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-portaportese-guarire/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/auditorium/auditorium-ennio-morricone-omaggio-a-de-andre


Nel 2020 saranno due le partenze per il Festival della letteratura Civitavecchia-Barcellona-Civitavecchia per ragazzi sul mare: 29 febbraio e 21 marzo.

Civitavecchia-Barcellona-Civitavecchia con “aMare Leggere” VIII edizione

Associare l’emozione del viaggio a momenti di approfondimento e di dibattito per far crescere nei ragazzi l’interesse per i libri e la lettura: questo l’obiettivo di “Leggere.

Tutti” con aMare Leggere, il Festival della letteratura per ragazzi sul mare che nel 2020 ha un doppio appuntamento sulla rotta Civitavecchia-Barcellona-Civitavecchia con partenze il 29 febbraio e il 21 marzo e ritorno rispettivamente il 3 marzo e il 24 marzo.

Il viaggio letterario propone, sia all’andata sia al ritorno, un ricco programma all’insegna di incontri con gli scrittori, laboratori di scrittura, fotografia, giornalismo, proiezioni di film, spettacoli teatrali, giochi.

Possibilità anche per utilizzare il viaggio per progetti di Alternanza scuola lavoro.

La quota di partecipazione è di 220 euro per studente (in cabina interna tripla/quadrupla, pasti a bordo inclusi) con l’ospitalità per un accompagnatore ogni 15 studenti per la prima partenza (29 febbraio-3 marzo 2020) e di 235 euro per la seconda (21-24 marzo 2020).

È anche possibile, con un lieve supplemento di prezzo, effettuare visite guidate e altre attività a Barcellona.

L’ottava edizione di aMare Leggere è organizzata da “Leggere: tutti” in collaborazione con la compagnia di navigazione Grimaldi Lines, la ANP (Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola), la Bimed (Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo) e l’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.

Il programma è in via di definizione e, come nelle sette precedenti edizioni, coinvolgerà scrittori, poeti, attori di cinema e teatro, giornalisti, fotografi.

Nel 2020 saranno a bordo della nave di aMare Leggere lo scrittore Eraldo Affinati, finalista al Premio Strega; il giornalista di “Repubblica” Massimo Lugli, con una decina di successi all’attivo, che presenterà il suo nuovo libro “Il giallo Pasolini”.

Lo scrittore Valerio Varesi, autore di gialli e polizieschi; Francesca Caldiani, scrittrice di libri di successo per i più giovani, che presenterà il suo libro “Basta chiudere gli occhi”

Viola Ardone, che quasi sicuramente tornerà ad aMare Leggere, per presentare il suo libro “Il treno dei bambini”, in testa alle classifiche; la scrittrice albanese Irma Kurti

La giovane scrittrice di origine libanese Leyla Khalil, impegnata nel sociale; Gaia Mencaroni con “Malarte” e una lezione sulle nozioni elementari del mestiere e della tecnica che permettono di scrivere giocando con le parole; Marco Innocenti con “Il giro del mondo in 18 amori”

Paolo Fiorucci con “21 poesie invece di chiederti come stai”; Isabella Pedicini con il suo nuovo libro.

Spazio anche ai laboratori con Nunzia Morosini con un incontro dedicato al Boccaccio e un altro “Alla scoperta del libro”: si partirà dalla storia del libro per arrivare al libro come lo conosciamo oggi, fino all’eBook.

Per informazioni e prenotazioni: tel. 0644254205 – e-mail info@leggeretutti.it

NB: L’iniziativa sarà confermata al raggiungimento di un minimo di 300 partecipanti.

COME PRENOTARE

1) indicare a Leggere:tutti, senza impegno, il numero previsto di partecipanti per poter bloccare per 30 giorni il numero di cabine necessario

2) Leggere:tutti metterà in contatto il responsabile della scuola con Grimaldi Lines per definire i dettagli della prenotazione

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-studio-8-una-donna-per-amico/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/piccolo-eliseo-giusto-la-fine-del-mondo