Dopo il successo delle date nei Club, al via il Tour Estivo di Arisa, elettronica e visual in uno show tutto nuovo in anteprima esclusiva per il Lazio.

Dopo il grande successo delle date nei club, Arisa riparte con il suo tour, “Una nuova Rosalba in città”, che la porterà sui palchi di tutta Italia, domenica 30 giugno ad Anzio in Piazza Garibaldi con ingresso gratuito, in anteprima assoluta per il Lazio.

Anche nelle date estive, Arisa sarà affiancata da Giuseppe Barbera al pianoforte e tastiere e dal dj/producer Jason Rooney che porterà il suono del live in una direzione elettronica, per proseguire il nuovo viaggio sonoro iniziato nella tranche invernale.

Questo tour è un’esperienza live completamente inedita rispetto alle precedenti, una grande produzione dove musica e visual si fondono per portare dal vivo i brani del nuovo album “Una nuova Rosalba in città” (Sugar) anticipato dal brano “Mi sento bene” in gara al 69esimo Festival di Sanremo.

Oltre ai nuovi brani, Arisa proporrà i suoi grandi successi riadattati per avvicinarsi stilisticamente alle atmosfere del suo ultimo progetto discografico.

“Una nuova Rosalba in città” è il frutto di oltre un anno di lavoro che vede coinvolti 6 producer e 17 autori, oltre alla stessa Arisa, che racconta, con sonorità nuove e testi cuciti su misura la nuova Rosalba.

Una donna del suo tempo che procede per step di consapevolezza, libera dalle convenzioni e artefice del proprio destino.

Un’artista che con il suo lavoro vuole trasmettere energie positive, regalare amore, suggestioni e non risposte, perché l’unica risposta possibile a volte è vivere al massimo il qui e l’ora.

Ufficio Stampa Ventidieci

Maurizio Quattrini

Infoline concerto: 0773.414521

Heroes al Parco Appio, sabato 15 giugno c’è il tributo a Davide Bowie

Torna Heroes, la rievocazione onirica di un momento storico che per ragioni anagrafiche e geografiche nessuno ha potuto vivere.

Nulla a che vedere con le cover band, una notte unica, una macchina del tempo per rivivere fedelmente quelle fantastiche atmosfere, circondati dai secolari alberi di una venue suggestiva, sotto il cielo stellato di Roma.

Un evento a 360 gradi, non solo musica, ma anche spazi espositivi tematici, mercatini, street food, stand di birra artigianale e molto altro ancora. Tutto per farvi rivivere quei fantastici anni nella maniera più fedele.

Per il nuovo appuntamento il concerto dal vivo di Mr. Ziggy and the GlassSpiders David Bowie International tribute.

Se vi definite fan di Bowie, una serata con Mr. Ziggy and the GlassSpiders non può assolutamente mancare nella vostra agenda.

Se invece siete “inesperti” ma mossi dalla curiosità di conoscere qualcosa della rock-star che ha cambiato la moda e la musica dai primi Anni ’70, Mr. Ziggy and the GlassSpiders è quanto di più esauriente possa capitarvi di ascoltare.

La band, che è la più longeva in assoluto tra le tribute band dedicate al “Duca Bianco”, è attiva dal 1991 e riconosciuta dal fan club ufficiale italiano con numerose esibizioni internazionali.

Il concerto con gli arrangiamenti originali che Bowie proponeva dal vivo, prevede una scaletta che abbraccia tutte le migliori HIT da Space Oddity a Life on Mars, passando per China Girl e Let’s Dance.

Sul palco Stefano Cannone (voce, chitarra, sax), Lorenzo Raparelli (basso, cori), Gianni Russo (chitarra, cori), Pasquale Renna (piano, synth, cori) e MassimoMaraccini (batteria).

A seguire DJ set a cura di Smash e Totem.

Sabato 15 giugno

Dalle 22.00 alle 03.00

Parco Appio

Via dell’Almone, 105 – Roma

Ingresso Euro 8 (compresa consumazione)

Infoline +393288640362

Luca Bramanti

Ufficio Stampa Nextpress

Mob. +39 329 1697846

Skype ID: luca.bramanti

facebook.com/nextpress.it

https://unfotografoinprimafila.it/luca-argentero-in-equesta-la-vita-che-sognavo-da-bambino/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-di-villa-torlonia-ciclo-opera-a-teatro/

https://unfotografoinprimafila.it/maremma-che-jack-ritorna-dopo-il-grande-successo-dello-scorso-anno/

Prosegue il “Sarà Bellissimo tour 2019” che attraverserà da nord a sud l’Italia. Nella storia delle estati live italiane ci sono poche certezze: una di queste è Marco Ligabue.

Con uno spettacolo tutto nuovo, domenica 16 giugno, dal palco di Via del Casale Ferranti a San Raimondo Nonnato (zona Anagnina).

E’ in arrivo l’occasione per ascoltare vecchie canzoni e nuovissimi brani dell’INCANTAUTORE emiliano che porterà sul palco tutta la sua grinta e la sua musica.

“Ho imbracciato la chitarra oltre 500 volte negli ultimi cinque anni” – Ci confida Marco Ligabue – “Un’esperienza talmente bella e densa da rimanerne quasi “ubriacato”.

Per riprendermi dalla “sbronza” mi ero detto di fare un po’ di pausa; poi sono bastate poche settimane per farmi venire una voglia matta di tornare in tour. Le pause nella musica esistono e sono importanti, ci sono anche nel pentagramma, ma vuoi mettere rispetto alle tante note da suonare?

Riparto, riparto con qualche spartito nuovo e tanta voglia di viaggiare.”

Il pubblico potrà emozionarsi, cantare, ballare e, perché no, riflettere, con brani comeQuante vite hai“, “Fare il nostro tempo” e ritrovare sul palco l’insostituibile chitarrista Jonathan Gasparini.

Numeri importanti quelli di Marco Ligabue.

Con oltre 55 mila followers su Instagram e 270.000 su Facebook, un ufficio stampa e un fan club dedicati, Marco collabora attivamente alla promozione e al successo di ogni evento.

Da aprile ad ottobre, SARA’ BELLISSIMO TOUR 2019, in giro per l’Italia.

http://MARCO LIGABUE passa da ROMA con il suo “Sarà Bellissimo Tour 2019”

https://unfotografoinprimafila.it/30-spazio-papa-50-tony-papa-due-compleanni-da-sogno-a-la-villa-sublime/

 

 

A sei mesi della pubblicazione del nuovo album “Interno 7”, Piotta torna in concerto con la band.

Il nuovo spettacolo der Piotta, rinnovato nel sound e nella scaletta, prevede brani scelti tra le ultime hit, i grandi classici e brani rap cult dagli esordi.

Protagonisti in studio come dal vivo sono il pianoforte e le chitarre acustiche, unite a quegli elementi musicali urban da cui Piotta proviene, in un mix di melodia e rap che ha attraversato tutta la stesura dell’ultimo disco.

In scaletta il nuovo singolo Ma La Vita, con le sue profonde riflessioni personali, la poesia di “Interno 7”, il ricordo di Primo Brown dei Cor Veleno in “Un’estate ed è finito” e “Di Noi”.

Nel concerto del musicista romano tutte le tracce del nuovo lavoro, ma, anche il meglio di vent’anni di successi tra rap, rock e cantautorato.

Le più recenti canzoni come “Domani è un altro giorno”, insieme a “7 Vizi Capitale, sigla internazionale della serie tv Suburra, in onda in 192 paesi.

L’ultimo tassello del percorso musicale che Piotta rappresenta: evoluzione, contenuti, scelte anche difficili dettate dalla creatività senza cadere nella piattezza del già sentito.

Uno spettacolo interamente suonato che Piotta ha sviluppato negli ultimi anni dopo decine di concerti tra club e festival.

Da pioniere del rap italiano alle sue ultime evoluzioni, la ritmica torna in primo piano rispetto ai precedenti due tour, con l’ingresso del basso synth, delle tastiere, delle chitarre elettiche ed acustiche, nonché della batteria elettronica, unita a quella acustica.

Una colonna sonora che attraversa il pubblico più giovane fino ai supporter della prima ora, in una fanbase eterogenea e trans generazionale.

Inoltre due ore di show ci sarà spazio per brani come “7 vizi Capitale” e “Piotta è morto”, “Vengo dal Colosseo” e “Solo per noi”, ma anche canzoni degli esordi con i Colle der Fomento e Fritz Da Cat.

Dagli Anni ‘90 fino ad oggi, Piotta ha saputo unire popolarità e successi di massa come “La Grande Onda”, “La Mossa del Giaguaro” o “Troppo Avanti”, a momenti più riflessivi e impegnati quali “Sempre là” e “A testa alta”.

Con lui sul palco la band composta da Claudio Cicchetti (batterie), Francesco Fioravanti (chitarre), Benjiamin Ventura (basso synth, tastiere) eStefano Marvel Mex Tasciotti (cori, rap).

Giovedì 13 giugno Ore 21

Na Cosetta Estiva

via del Mandrione, 63 – Roma

Ingresso euro 8

Infoline 3271492873

Luca Bramanti

Ufficio Stampa Nextpress

 

Giudice di All together Now tutti i giovedì su canale 5”

Il singolo di Alma Manera esce in contemporanea con il video ed è un inno all’amore e al non pregiudizio, fatto in chiave ironica al ritmo di twist

E’ uscito il nuovo singolo “Chi sono io per giudicare” di Alma Manera, che con questo brano mette da parte, la sua vocazione lirica, e si abbandona alle sonorità di un brano esplosivo a ritmo di twist, promettendo di fare la differenza, con un nuovo tormentone per l’estate.

Alma Manera vuole cantare un inno all’amore e al non pregiudizio e lo fa in chiave ironica e con il sole sul viso, con il sorriso.

“Dove si alimenta la cultura del non amore – dichiara Alma – non c’è vita. La musica è amore senza classismi di genere. Dobbiamo essere felici e comunicare amore e cultura della vita.

Il brano “Chi sono io per giudicare” e il videoclip sono un autentico messaggio di rivoluzione positiva che mette in risalto la parte solare, allegra e naturalmente sexy di Alma.

Con quel desiderio che spinge una donna a sentirsi bella, giocare e al contempo lanciare un messaggio importante: “chi sono io per giudicare chi si vuole amare, chi sono io per dire no all’amore.

L’amore sboccia dove c’è il bene”.

Autrice del brano è la stessa Alma Manera insieme a Marco Palmerani e Maria Pia Liotta, gli arrangiamenti sono di Stefano Vittozzi.

Per il videoclip la regia e il montaggio sono di Alma Manera e Maurizio Sacco, il make up di Gennaro Marchese, stylist Marco Tomei per Gai Mattiolo e ancora Antichi Orafi Spadafora.

Le riprese del videoclip sono state realizzate al Grand Hotel Regina Baglioni di Roma. Art Director Maria Pia Liotta.

L’immagine grafica scelta per rappresentare il Singolo è “Cuore D’artista” opera pittorica del M° Enrico Manera.

Il brano edito da Top Records, Dingo Music e Regina Produzioni e Comunicazione, è distribuito su tutte le piattaforme e digital store.

Inoltre, proprio in questi giorni Alma Manera è giudice della brillante trasmissione musicale “All Together Now” in onda tutti i giovedì, in prima serata, su Canale 5.

L’intero lavoro è l’anticipazione di un progetto artistico musicale che vedrà Alma Manera impegnata nella realizzazione di un nuovo album in arrivo nei prossimi mesi.

Sito Internet:  www.almamanera.com 

Instagram @almamanera  Fb Alma Manera official Page

Link video-clip:  https://youtu.be/yUSbyl2CMWE

Ufficio Stampa: Ennio Salomone

Cell. 346.6142314 – E-mail: salomone.ennio@gmail.com

Domenica 2 giugno il jazz incontra la natura sui Monti della Tolfa con i “Picnic Musicali”

Anche quest’anno a Tolfa è in arrivo lo “Spirit of New Orleans”: invaderà i Monti della Tolfa con i “Picnic Musicali”, perfetto connubio tra jazz e natura.

La città è pronta ad ospitare il TOLFA JAZZ FESTIVAL 2019 il cui programma, molto speciale per festeggiare i primi 10 anni di vita, verrà presto reso noto.

Tolfa Jazz è il “marchio” di questi eventi, unici nel loro genere a livello nazionale, tutti accomunati da un tratto distintivo: il clima vivace e popolare, omaggio allo “Spirit of New Orleans” del Mardi Gras.

Dopo il grande successo delle scorse edizioni, ritorna l’appuntamento dei “Picnic Musicali” dell’anno.

Tante le attività previste dalle 9 fino al tramonto immerse negli splendidi paesaggi dei Monti della Tolfa, nella località Comunali Macchiosi: trekking, passeggiate naturalistiche, visite a siti archeologici, escursioni a cavallo, sport all’aria aperta, degustazioni di prodotti tipici locali.

Atteso il concerto di Stefano Di Battista & Daniele Sorrentino dal titolo “Da Sidney Bechet a John Coltrane”: come ogni anno la “sosta musicale” avverrà in un punto naturalmente scenografico, sullo sfondo di uno dei simboli di Tolfa, la Rocca dei Frangipane.

Stefano Di Battista, sassofonista italiano tra i più apprezzati sulla scena internazionale, che negli anni 90 a Parigi entra nel gruppo di Michel Petrucciani e nell’Orchestre Nazional de Jazz, è noto anche per le partecipazioni al Festival di Sanremo e le collaborazioni con Fabrizio Bosso, Elvin Joens, Claudio Baglioni e Renato Zero, tra gli altri.

I “Picnic Musicali” sono eventi particolarmente adatti ai bambini che oltre alla visita alla fattoria didattica dove avranno la possibilità di conoscere da vicino gli animali (cavalli, asini, oche, galline, lama, capre, pavoni, ecc…), potranno prendere parte al progetto “Arcobaleno”, ovvero un’attività volta a stimolare la loro creatività attraverso il gioco, i movimenti e i colori.

Natura incontaminata, animali allo stato brado, tradizione, artigianato, enogastronomia ed ecosostenibilità sono gli aspetti caratteristici del territorio locale, per questo l’evento si svolge nel pieno rispetto dell’ambiente con particolare attenzione al risparmio energetico, all’utilizzo di materiale riciclabile e biodegradabile, alla raccolta differenziata dei rifiuti.

L’evento è realizzato in collaborazione con il Comune di Tolfa e l’Università Agraria di Tolfa.

Tolfa Jazz dal 2016 è partner di Susan G. Komen Italia, associazione che si occupa della prevenzione dei tumori del seno.

Appuntamento alle ore 9 presso la baita sita in loc. Comunale-Macchiosi (a circa 2 km dal centro abitato).

Per info: tolfajazz.com/picnic musicali; facebook.com/TolfaJazz.Official/

Prenotazioni entro: 3493572746 – 3348194052; picnicmusicali@tolfajazz.com;

ADULTI: € 15,00 concerto e pranzo; € 20,00 escursione, concerto e pranzo; € 25,00 escursione in mountain bike, concerto e pranzo

BAMBINI FINO A 14 ANNI: € 10,00

Ufficio Stampa: tolfajazz.stampa@gmail.com

Venerdì 24 maggio Forever Young Party, Resident Double Fab – Marco Gioia – Max Rezzonico, Voice by Lele Sarallo e Lory Voice al Room 26

Sabato 25 maggio, Resident Luis Bertman – Paolo Pompei, Special Guest David Morales, art director Neon

Sabato 25 maggio, nell’ultimo fine settimana prima dell’estate, il Room 26 ha il piacere e l’onore di accogliere uno dei primi grandi imperatori delle console mondiali.

Da New York (o da chissà quale altra parte del mondo) arriva il grande David Morales, pronto a far esplodere di gioia il pubblico dell’Eur.

Accolto dal direttore artistico Gianluca Neon e dai resident Luis Bertman e Paolo Pompei, il primo divo Morales è la punta di diamante di un weekend che inizia da venerdì 24 maggio con il party Forever Young.

Propone agli amanti della nightlife, le sonorità anni’90 dei padroni di casa Double Fab, Max Rezzonico e Marco Gioia, accompagnati dalle voci di Lory Voice e del seguitissimo Lele Sarallo.

David Morales:

Nato a New York, ma cittadino del mondo, David Morales è tra i nomi più influenti del panorama mondiale e la sua musica ha riempito i club più leggendari come il Loft o il Paradise Garage.

Sin dagli anni ’80 si forma nei locali più importanti della grande mela nel periodo più fiorente quando l’entertainment muove i suoi primi grandi passi.

In coppia con Frankie Knuckles tra i fondatori della vita notturna newyorkese, vede il suo nome ben presto diventare leggenda.

Remixa e produce oltre 500 pubblicazioni con artisti del calibro di Maiah Carey, Aretha Franklin, Michael Jackson e sua sorella Janet, Eric Clapton, Pet Shop Boys, U2, Whitney Houston e Jamiroquai.

Con il suo lavoro si guadagna una nomination per i Grammy Awards nel ’96 con l’album Daydream per la canzone Fantasy, che produce per la Carey.

Una nomination segue anche nel ’98, anno in cui porta a casa il Grammy come “Remixer of The Year”.

Debutta da solita nel ’93 con The Program con la Mercury Records e nel ’98 pubblica Needin U con Definity Records che nel RegnoUnito ha sbancato tutto arrivando al primo posto in classifica dance.

Nel 2005 con la Ultra Records pubblica il suo secondo album intitolato Two World Collide, seguito da Changes nel 2011.

Da moltissimi è considerato uno dei primi DJ super star ed è tra i primi ad aver girato il mondo con la sua musica.

Tratto distintivo della sua arte è anche la poliedricità che lo contraddistingue e che lo porta a spaziare in collaborazioni con grandissimi come Louie Vega o Tony Humphries.

Una versatilità ed un talento che lo portano ad esser sempre pronto ai costanti mutamenti della musica.

 ROOM 26 – Piazza Guglielmo Marconi, 31 – Roma (EUR)

MODALITA’ INGRESSO

Venerdì 24 e Sabato 25 Maggio 2019, dalle ore 23.30 alle ore 4.30

Prezzo in Lista: 15€ Uomo / 10€ Donna (drink incluso)

L’ingresso “Fuori Lista” subirà un supplemento di 5€ sul ticket al botteghino

Per INFO e LISTE, scarica l’APP di Room26, clicca qui: http://bit.ly/approom26

TEL. 333 428 9202 – EMAIL: info@room26.it – www.room26.it

UFFICIO STAMPA CARLA FABI E ROBERTA SAVONA
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/ – IG: https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-marconi-culturecreative-presenta-nuovo-premio-teatro-traiano/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-porta-portese-presenta-deja-vu-storia-di-un-giovane-principe/

 

 

Dieci incontri gratuiti da ieri fino alla fine di giugno organizzati dal Teatro dell’Opera

Con la collaborazione con il Teatro di Roma – Teatri in Comune su tutto il territorio cittadino.

Gli appuntamenti, promossi da Roma Capitale ospiteranno nei teatri e nelle piazze le varie formazioni del Teatro: il Coro, la Youth Orchestra, la Cantoria, la Scuola di Canto Corale e il progetto “Fabbrica” – Young Artist Program.

Opera a Teatro, Festa della Musica e OperaCamion sono i titoli che riuniscono da ieri i diversi appuntamenti tutti ad ingresso gratuito.

Opera a Teatro propone brani vocali.

Il primo evento è stato ieri, 16 maggio, a Tor Bella Monaca, i prossimi saranno stasera al Lido di Ostia e a Villa Torlonia il 13 giugno.

Per la Festa della Musica doppio appuntamento venerdì 21 giugno proprio sul piazzale del Teatro dell’Opera.

Prima si esibirà la Scuola di Canto Corale e più tardi si diffonderanno le note della Tosca, il capolavoro di Giacomo Puccini, che iniziò il suo cammino di successo proprio all’Opera di Roma nel gennaio del 1900.

La stessa data del 21 giugno vede anche la prima tappa nel II Municipio di OperaCamion, l’idea originale che da ormai quattro anni fa uscire l’opera dalle poltrone e dai palchi e la porta in giro per la città.

L’avventura di Figaro (Il barbiere di Siviglia) continuerà così fino al 30 giugno passando per il VII, l’VIII, il XII e il XIII Municipio.

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Renato Bossa

Ufficio Stampa – Responsabile Opere e Concerti

Cell. + 39 366 6973749

renato.bossa@operaroma.it

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-manzoni-presenta-uomini-targati-eva-di-pino-ammendola-e-nicola-pistoi/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-golden-presenta-jas-art-ballet-junior-dream-suite-il-mantello-di-pelle-di-drago/

Roma – venerdì 10 maggio alle 19 nell’antica Basilica dei Santi Cosma e Damiano ai Fori Imperiali – il Festival “Un Organo per Roma 2019”

Ideato e diretto da Giorgio Carnini e organizzato dall’Associazione Camerata Italica in collaborazione con il Conservatorio Santa Cecilia.

Istituzione Universitaria dei Concerti, l’Accademia Filarmonica Romana, l’Associazione Nuova Consonanza con il patrocinio dell’Accademia Tedesca Villa Massimo e della Società Dante Alighieri, chiuderà la rassegna con la seconda serata dedicata all’integrale delle Sonate per organo di Mendelssohn, inframmezzate da composizioni corali dello stesso autore.

Oltre alle tre Sonate in programma, si potranno ascoltare i tre Mottetti op. 39 per coro femminile e organo, sempre di Mendelssohn.

Siamo in presenza di un Mendelssohn fedele al suo essere apollineo, cultore di una bellezza incorrotta che, malgrado la sua potenza espressiva, si costringe volutamente entro i canoni della purezza assoluta.

Le Sonate di Mendelssohniane saranno eseguite da interpreti di indiscutibile ed affermata qualità, quali gli organisti Olga Di Ilio e Alberto Pavoni a cui si aggiunge una giovane promessa dell’organo, Alessandra Ciccaglioni.

Per i Mottetti quattro voci soliste e l’Ensemble femminile del Coro Accademia Vocale Romana diretto da Lorenzo Macrì.

Il progetto “Un Organo per Roma” giunto con grande successo alla sesta edizione, non è soltanto un festival ma anche e soprattutto un movimento di opinione a cui partecipano gli artisti che gratuitamente prestano la loro opera e lo stesso pubblico che diffonde l’inquietudine per un’assenza che affligge la musica e la cultura della Capitale:

la mancanza dell’organo da concerto nel suo principale spazio musicale.

Un pubblico che ha dimostrato di apprezzare un organo che non segue i soliti percorsi ma si apre ad un fare musicale più universale.

Non uno strumento misterioso per un ascolto riservato a pochi eletti, ma un veicolo di “affetti” comuni a tutti.

Una voce che speriamo presto si faccia sentire nel santuario cittadino che dovrebbe esserle naturale alloggio: l’Auditorium Parco della Musica.

 BASILICA DEI SANTI COSMA E DAMIANO

VIA DEI FORI IMPERIALI, 1

INGRESSO GRATUITO

fino ad esaurimento posti

Programma

MENDELSSOHN e lo stile italiano: sonate e mottetti   II

Olga Di Ilio, Alessandra Ciccaglioni, Alberto Pavoni, organo

Ensemble femminile del Coro Accademia Vocale Romana

Lorenzo Macrì, direttore

Felix Mendelssohn-Bartholdy

Sonata in re min. per organo op.65 n.6    

dai 3 Mottetti per coro femminile e organo op.39:

Veni Domine

 Laudate Pueri

Sonata op. in la magg. per organo op.65 n.3  

dai 3 mottetti per coro femminile e organo op.39:

Surrexit Pastor bonus

Sonata in si bemolle magg. per organo op. 65 n.4

Ufficio Stampa:

Camerata Italica: Rosetta Russo Tel. 339/5391066 

rosetta.russo@outlook.com

Istituzione Universitaria dei Concerti: Mauro Mariani tel. 335/5725816

m.mariani.roma@gmail.com

Accademia Filarmonica Romana: Sara Ciccarelli Tel. 339/7097061 

uff.stampa@filarmonicaromana.org

Il chitarrista Federico Fiore, una giovane promessa di grande talento, suona venerdì 10 maggio alle 20.00 nella Biblioteca “Ennio Flaiano”  

“Note in Biblioteca”, la serie di incontri musicali ad ingresso gratuito realizzati dalla IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti in collaborazione con Biblioteche di Roma.

Nato a Roma nel 1990, Federico Fiore comincia lo studio della musica nel 2002. Già nel 2003 incide il suo primo disco per l’associazione “Alberto Sordi” ed inizia ad esibirsi in vari concerti.

Un momento fondamentale per la sua formazione musicale è l’incontro col grande chitarrista Eliot Fisk, con cui studia prima presso il Mozarteum di Salisburgo e ora presso l’Accademia Chigiana di Siena.

Nel 2012 Fiore veste l’abito francescano e nel 2013 emette la sua prima professione semplice nella famiglia religiosa dell’ordine dei frati minori.

In quest’incontro musicale Fiore esegue l’Aria detta “la Frescobalda” di Girolamo Frescobaldi, la Suite n. 2 in re minore BWV 1008 di Johann Sebastian Bach e le Sonate K 14, K 15, K 213, K 492 di Domenico Scarlatti:

sono composizioni scritte originariamente per clavicembalo (Frescobaldi e Scarlatti) e violoncello (Bach), ma si adattano benissimo alla chitarra. In particolare il brano di Frescobaldi, che fu organista in San Pietro dal 1608 al 1643, divenne famoso proprio grazie alla trascrizione per chitarra di Andrés Segovia, che riscosse moltissimo successo:

Segovia stesso la eseguì per la prima volta in Italia nel suo concerto alla IUC del 30 novembre 1960.

La Suite di Bach fa parte di sei lavori per violoncello solo composti intorno al 1720, mentre non è possibile datare con precisione le Sonate per clavicembalo di Scarlatti, coetaneo di Bach, che ne compose ben cinquecentocinquantacinque nell’arco della sua vita.

La seconda parte del programma presentato da Fiore ci porta dal periodo barocco al mondo ispano-americano, con il Valzer n. 3 e Un sueño en la floresta del paraguyano Augustín Barrios, uno dei grandi maestri della chitarra del Novecento, e con il famosissimo Sevilla di Isaac Albéniz:

anche questo brano non è stato scritto per la chitarra, bensì per il pianoforte, ma è diventato celebre nella trascrizione per chitarra e oggi è uno dei più importanti pezzi del repertorio dei chitarristi.

Guida all’ascolto a cura di Marco Surace, laureando del corso magistrale in Musicologia della Sapienza.

Venerdì 10 maggio 2019. ore 20.00 – Biblioteca Ennio Flaiano

Federico Fiore* chitarra

Frescobaldi Aria detta “la Frescobalda”

Bach Suite n. 2 in re minore per violoncello solo BWV 1008

Scarlatti Sonate K 14, K 15, K 213, K 492

Barrios Vals n. 3

Un sueño en la Floresta

Albéniz Sevilla

Guida all’ascolto a cura di Marco Surace

 Ufficio Stampa dell’Istituzione Universitaria dei Concerti:

Mauro Mariani

tel. 335 5725816 – m.mariani.roma@gmail.com

Biblioteca “Ennio Flaiano” (via Monte Ruggero 39, tel. 06 45460431)

Posticipato “Picnic Musicale” del 12 maggio presto sarà reso noto il nuovo appuntamento sempre sui Monti della Tolfa e con Di Battista

A causa del meteo incerto il “Picnic Musicale” sui Monti della Tolfa di domenica 12 è posticipato, comunicheremo quanto prima la nuova data e la scadenza per l’invio delle prenotazioni. L’appuntamento musicale sarà sempre con il concerto di Stefano Di Battista & Daniele Sorrentino: “Da Sidney Bechet a John Coltrane”.

Per info: 3493572746 / 3348194052; tolfajazz.com/picnicmusicali; picnicmusicali@tolfajazz.com

facebook.com/TolfaJazz.Official/

Ufficio Stampa: tolfajazz.stampa@gmail.com

Aspettando il X° Tolfa Jazz Festival che è stato posticipato a data da confermare per Tolfa con i “Picnic Musicali”

Anche quest’anno a Tolfa è in arrivo lo “Spirit of New Orleans”: invaderà i Monti della Tolfa con i “Picnic Musicali”, perfetto connubio tra jazz e natura.

La città è pronta ad ospitare il TOLFA JAZZ FESTIVAL 2019 il cui programma, molto speciale per festeggiare i primi 10 anni di vita, verrà presto reso noto.

Tolfa Jazz è il “marchio” di questi eventi, unici nel loro genere a livello nazionale, tutti accomunati da un tratto distintivo: il clima vivace e popolare, omaggio allo “Spirit of New Orleans” del Mardi Gras.

Dopo il grande successo delle scorse edizioni, ritorna l’appuntamento dei “Picnic Musicali” dell’anno.

Tante le attività previste dalle 9 fino al tramonto immerse negli splendidi paesaggi dei Monti della Tolfa, nella località Comunali Macchiosi: trekking, passeggiate naturalistiche, visite a siti archeologici, escursioni a cavallo, sport all’aria aperta, degustazioni di prodotti tipici locali.

Atteso il concerto di Stefano Di Battista & Daniele Sorrentino dal titolo “Da Sidney Bechet a John Coltrane”: come ogni anno la “sosta musicale” avverrà in un punto naturalmente scenografico, sullo sfondo di uno dei simboli di Tolfa, la Rocca dei Frangipane.

Stefano Di Battista, sassofonista italiano tra i più apprezzati sulla scena internazionale, che negli anni 90 a Parigi entra nel gruppo di Michel Petrucciani e nell’Orchestre Nazional de Jazz, è noto anche per le partecipazioni al Festival di Sanremo e le collaborazioni con Fabrizio Bosso, Elvin Joens, Claudio Baglioni e Renato Zero, tra gli altri.

I “Picnic Musicali” sono eventi particolarmente adatti ai bambini che oltre alla visita alla fattoria didattica dove avranno la possibilità di conoscere da vicino gli animali (cavalli, asini, oche, galline, lama, capre, pavoni, ecc…), potranno prendere parte al progetto “Arcobaleno”, ovvero un’attività volta a stimolare la loro creatività attraverso il gioco, i movimenti e i colori.

Natura incontaminata, animali allo stato brado, tradizione, artigianato, enogastronomia ed ecosostenibilità sono gli aspetti caratteristici del territorio locale, per questo l’evento si svolge nel pieno rispetto dell’ambiente con particolare attenzione al risparmio energetico, all’utilizzo di materiale riciclabile e biodegradabile, alla raccolta differenziata dei rifiuti.

L’evento è realizzato in collaborazione con il Comune di Tolfa e l’Università Agraria di Tolfa.

Tolfa Jazz dal 2016 è partner di Susan G. Komen Italia, associazione che si occupa della prevenzione dei tumori del seno.

Per info: tolfajazz.com/picnic musicali; facebook.com/TolfaJazz.Official/

Prenotazioni entro: 3493572746 – 3348194052; picnicmusicali@tolfajazz.com;

È stata presentata a Sanremo 2019 la 5° edizione di Dallo Stornello al Rap che riapre da oggi le iscrizioni.

La scorsa edizione in diretta su RADIO RAI ha registrato un grande successo nella mitica sala A di Via Asiago 10 della Rai che rinnova l’interesse alla 5’ edizione.

Dopo aver lanciato gli artisti Cranio Randagio, Simone Gamberi, Emilio Stella, Nicole Riso e Mirkoeilcane (Premio della Critica Mia Martini e Premio Jannacci a Sanremo 2018), Elena Bonelli, La voce di Roma, torna alla ricerca di cantanti under 35 che creino nuovi brani in dialetto romano o in italiano con tema la città di Roma.

DALLO STORNELLO AL RAP, il primo talent della romanità, si pone l’obiettivo di risvegliare nei giovani capacità artistiche e creare la nuova canzone romana in qualsiasi genere musicale dal Pop, Rock, Folk, Melodico, fino al Rap raccontando le mutazioni e le realtà della CAPUT MUNDI.

Lo storico del concorso e il regolamento su www.elenabonelli.com e su www.facebook.com/dallostornelloalrap.

Ai vincitori è destinato un premio in denaro.

L’iscrizione al concorso è gratuita e la scadenza per la presentazione dei brani musicali è il 31 Maggio 2019. Sarà sufficiente mandare un brano musicale, come da regolamento, alla mail dallostornelloalrap@romanelmondo.eu o riempire il form sul sito www.elenabonelli.com.

Di grande prestigio i nomi dei giurati che negli anni si sono avvicendati: Antonello Venditti, Marco Molendini, Amedeo Minghi, Claudia Gerini, Flaminio Maphia, Simona Izzo, Max Giusti, Federico Moccia, Gianni Mazza, Gabriele Cirilli e molti altri …

Il comitato della 5° edizione vede la riconferma di grandi personaggi della musica e dello spettacolo come Beppe Vessicchio, Neri Parenti, Marinella Venegoni, Massimo Bonelli, Cristiano Minellono, Pinuccio Pirazzoli, Carla Vistarini, Cesare Rascel, Ernesto Assante, Fabrizio Zampa e saranno chiamati a scegliere i tre vincitori in una rosa di sei proposte.

Per tutte le news segui i nostri profili Facebook e Instagram e il sito www.elenabonelli.com. STAY TUNED!