Matteo Sica, il vincitore del contest di Radio Deejay “Deejay on Stage” del 2018 ritorna con “Traffico”

iTunes -> http://itunes.apple.com/album/id1473222872?ls=1&app=itunes

Apple Music -> http://itunes.apple.com/album/id/1473222872

https://open.spotify.com/track/6WYuL2fB1XoAUooqe0JbFc?si=RuIUHcgdRsSSDLtB_Lbkgg

Matteo Sica, il vincitore del contest di Radio Deejay “Deejay on Stage” del 2018 ritorna con “Traffico” il nuovo singolo che anticipa il suo progetto musicale. Il brano è online da solo due giorni e sta già scalando le classifiche ed ottenendo interessanti attenzioni.

Attualmente è disponibile su tutti i principali digital store per poi attendere il videoclip in cui saranno coinvolti diversi personaggi.

“Traffico” sarà presentato ufficialmente mercoledì 24 luglio a Roma a Parco Schuster, con Glamorize, ma ci sarà già un’anteprima durante il release live di domenica 21 luglio presso “Il Cavallino” a Roma ed a seguire due date siciliane al Music Indie Contest.

Il giovane cantautore romano si presenta al pubblico con questo nuovo brano, già in rotazione in diverse radio, pieno di interessanti sonorità e dal sound molto radiofonico

“Una lunga preparazione con tante peripezie –afferma Matteo Sica- ma ci tenevo a non deludere il mio pubblico e coloro che hanno creduto in me.

Traffico è un brano in cui tutti si possono rispecchiare, giovanissimi e non.

La confusione della nostra società a volte non ci fa identificare le persone e le situazioni veramente importanti per noi ma quando la trovi è bello perdersi nel traffico per l’appunto”.

Lo stile è sempre quello pop che contraddistingue il mood del cantautore che, come ben noto, canta in italiano ma risente delle influenze dell’attuale musica mondiale che tanto va tra i giovani.

Dopo il successo di “Fino a Tre”, che è stato in rotazione su Radio Deejay, sono tante le piccole sorprese che attendono i fans di Matteo Sica tra cui live, importanti collaborazioni ed un ep in autunno ma, per adesso, godiamoci il nuovo singolo per l’estate 2019.

Il brano “Traffico” esce con edizione RavOro, di Marcello Cirillo, arrangiamento di Matteo Costanzo e produzione esecutiva di Italian Music News.

Per aggiornamenti

https://www.instagram.com/mattewsica/ INSTAGRAM

https://www.facebook.com/matteosicaofficial/ FACEBOOK

Info e booking infomatteosica@gmail.com

ravoroedizionimusicali@gmail.com

Interviste e materiali stampa italianmusicnews@gmail.com

“…C’é qualcuno che, vuole perdersi nel traffico con me…” – Matteo Sica

“Piano Vs Groove” Un Pianoforte e cinquant’anni di Dj Culture Cesare Picco, pianoforte, Alessio Bertallot, deejay, speaker, cantante alla Casa del Jazz

 In PIANO Vs GROOVE il suono acustico del pianoforte di Cesare Picco incontra e si scontra con  il beat e le suggestioni elettroniche ideate da Alessio Bertallot.

 La Dj Culture e la forza evocativa del pianoforte si fondono dando vita a un viaggio destabilizzante e nello stesso tempo fortemente coinvolgente attraverso cinquant’anni di cultura del Groove.

Lunedì 22 luglio, un’altra nuova produzione in Prima Assoluta, a I Concerti nel Parco, alla Casa del Jazz, “PIANO Vs GROOVE”.

Un Pianoforte e cinquant’anni di Dj Culture, in cui il pianista CESARE PICCO e il dj, speaker e cantante ALESSIO BERTALLOT s’incontrano sul palco per la prima volta, dopo le sperimentazioni musicali effettuate in questi anni in speciali trasmissioni di Radio Deejay, Radiodue Rai e Casa Bertallot.

La storia del Groove attraverso le corde del pianoforte: Cesare Picco e Alessio Bertallot sul palco per uno speciale viaggio tra i brani iconici della Dj Culture.

I mondi di questi due esploratori del suono danno vita a uno speciale incontro tra la cultura Dj e la forza evocativa del pianoforte.

Per Dj Culture s’intende la visione storica della musica, che è fatta di continue citazioni e rimandi al passato e il Dj che suona i dischi è a tutti gli effetti un produttore di continue citazioni musicali.

Nello stesso modo, PIANO Vs GROOVE viaggia attraverso cinquant’anni di cultura del Groove passando per gli snodi principali, quei brani iconici e famosi al grande pubblico.

Ciò che si crea è un caleidoscopico nuovo mondo di suoni reso vivo e pulsante dalla composizione e improvvisazione in tempo reale di Cesare Picco.

Cesare Picco è un pianista improvvisatore e compositore a suo agio tra i beat elettronici come tra i suoni di un’orchestra barocca ed è da sempre esploratore di nuovi suoni e sperimentatore trasversale in ogni ambito musicale.

In quest’originale spettacolo il suono acustico del pianoforte di Cesare Picco incontra il beat e le suggestioni elettroniche ideate da Alessio Bertallot.

I mondi di questi due esploratori del suono s’incontrano, talvolta scontrano ed infine si fondono dando vita a un viaggio destabilizzante ma nello stesso tempo fortemente coinvolgente, un continuo caleidoscopio di musiche originali e di incursioni in brani che hanno segnato la recente storia della musica, uno speciale incontro tra la cultura Dj e la forza evocativa del pianoforte.

Relazioni con la stampa: Marina Nocilla 338 7172263; marinanocilla@gmail.com

Maurizio Quattrini: 338 8485333; maurizioquattrini@yahoo.it

Casa del Jazz

Viale Porta Ardeatina Roma

Domenica 21 luglio 2019, ore 21.00, Anfiteatro Romano, Cassino Alma Manera

Domenica 21 luglio, alle ore 21.00, Alma Manera in concerto all’Anfiteatro romano di Cassino con “Ciak si gira! Cine..Mà” lo spettacolo dedicato al cinema con le colonne sonore dei film d’autore con la partecipazione di Beppe Convertini, scritto e diretto da Maria Pia Liotta.

Il concerto fa parte di “Anfiteatro” e ArtCity 2019, rassegna realizzata dal Polo Museale del Lazio, istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli, si articola in cinque serate affidate ad artisti e interpreti d’eccezione per far vivere l’esperienza del “bello” immerso nella storia.

Celeberrimi maestri quali Stelvio Cipriani, Paolo Limiti, Guido e Maurizio De Angelis, Joan Louis Bacalov, Fabio Frizzi che hanno scritto pagine musicali indimenticabili per il cinema e la fiction, hanno altresì scritto per Alma Manera grande interprete musicale.

In Ciak Si Gira…Cinema’ altrettanti grandi maestri della musica del repertorio internazionale saranno reinterpretati da Alma Manera, che con il piglio di attrice e la sua versatile voce, eseguirà alcune tra le più storiche musiche e colonne sonore d’autore accompagnata al pianoforte dal maestro Kozeta Prifti.Il tutto condito dai ballerini The Queen.

Un carosello di emozioni, uno spettacolo multidisciplinare, ricordi visioni e racconti in musica che appassioneranno e divertiranno.

Omaggio ai grandi compositori ed autori ed alle loro indimenticabili colonne sonore e pagine del cinema internazionale: Chaplin, Porter, Morricone, Rota, Cipriani, Mancini, Piovani ed altri ancora.

Beppe Convertini, sarà il compagno di viaggio ideale in questo mondo magico e dorato e avrà il compito di narrare i monologhi tratti da grandi film, con una sua personalissima interpretazione.

La scenografia multimediale è curata dal noto artista visivo Pop-Art Enrico Manera.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Maria Pia Liotta.

La rassegna “Anfiteatro” continua domenica 28 luglio si con la Medea di Euripide interpretata da Laura Morante e accompagnata dai musicisti Lorenzo Fuoco al violino e Salvatore Monzo al pianoforte.

Venerdì 2 agosto, concluderà la rassegna “Anfiteatro” Marina Massironi, con un reading teatrale, curioso e divertente, sull’Otello di Verdi.

Informazioni per il pubblico e modalità di ingresso

Museo Archeologico Nazionale “G. Carettoni”

e Area archeologica di Casinum
Via di Montecassino
03043 Cassino FR
tel. +39 0776301168

Biglietto: intero € 4,00, agevolato € 2,00

Nelle serate di spettacolo è attivo l’ingresso e servizio di biglietteria dal parcheggio della clinica San Raffaele

Cura e coordinamento organizzativo

Marina Cogotti

Ufficio stampa

Guido Gaito info@gaito.it

Maurizio Quattrini maurizioquattrini@yahoo.it

https://www.art-city.it/rassegne/anfiteatro.html

twitter.com/ArtCity2019

instagram.com/artcityestate2019

facebook.com/ArtCityEstate2019

#ARTCITYESTATE2019

La 20enne di Anzio ha vinto ieri sera allo Sporting Village di Frascati il titolo di Miss Sport Lazio 2019, passaporto per le prefinali nazionali

Si è svolta ieri sera la seconda tappa delle finali regionali dell’80° concorso nazionale Miss Italia.

Tra le rinfrescanti piscine dello Sporting Village di Frascati del ‘patron’ Massimiliano Pavia – location dotata di un panorama mozzafiato sulla Capitale – trenta concorrenti si sono date battaglia per l’assegnazione del titolo Miss Sport Lazio 2019, passaporto valido per le prefinali nazionali in programma a fine agosto.

Sapientemente guidate dal regista Mario Gori, le ragazze si sono cimentate in passerella in tre diversi quadri coreografici: moda mare, in abito da sera con i gioielli Miluna e con il tradizionale body da gara, per il consueto passaggio davanti alla giuria.

L’evento, organizzato dalla Delta Events – agenzia esclusivista del concorso per la regione Lazio – è stato presentato da Margherità Praticò, più brava e più bella che mai.

Prevalentemente tecnica la giuria, composta da Pino Leone, noto fotografo di moda, Giulia Minnucci, modella e attrice (“Il Collegio”, Rai2), Luca Mastrangelo, produttore cinematografico, Sara Cappa, grafica di moda, Francesco Termine, look maker, Piero Consoli e Emanuele Tetto, anche loro fotografi di moda e modelle, Tommaso Capezzone, personal trainer dei VIP, e Mara Urbinati, agente regionale della Miluna.

In giuria anche la splendida Beatrice Fiorentini, Miss Sport Lazio 2018, presente a Frascati per il tradizionale passaggio del titolo.

Titolo che è andato alla prima classificata, LUDOVICA CORTESE, 20enne di Anzio (RM), capelli castani, occhi marroni, alta 174 cm. Diplomata al liceo linguistico-scientifico è iscritta al 1° anno di Economia alla Sapienza di Roma.

Pratica molto sport, soprattutto fitness, ama viaggiare, andare al cinema e magiare sushi. Il suo sogno è affermarsi come consulente finanziario.

Al secondo posto CHIARA BORTOLUS, 21enne romana del quartiere Aurelio, castana, occhi verdi, alta 170 cm.

Ha conseguito il diploma in amministrazione, finanza e marketing, pratica fitness e ama andare a fare shopping. Il suo sogno è semplicemente quello di realizzarsi;

Al terzo posto ERIKA CILIBERTO, 20enne romana del quartiere Marconi, capelli castano-scuro, occhi marroni, alta 165 cm., diplomata ragioniera è al primo anno di scienze della comunicazione.

Pratica danza classica e moderna da quando aveva tre anni, ama sciare e nuotare e sogna di lavorare nel mondo della moda;

Al quarto posto CHIARA BURLA, 20 anni, anche lei romana del quartiere Marconi.

Mora, occhi marroni, alta 168 cm., ha in tasca un diploma di liceo scientifico ed è al primo anno di architettura. Pratica nuoto agonistico da ben 17 anni, ama il mare e sogna di aprire uno studio di interior design;

Al quinto posto CLAUDIA LUBRINO, 19enne romana di Acilia, capelli castani, occhi verdi, alta 175 cm.

Diplomata al liceo linguistico è iscritta alla facoltà di lingue, pratica fitness, ama ballare. Il suo sogno è diventare interprete e girare il mondo.

Al sesto posto VIRGINIA CORSI, 18enne di Rocca di Papa (RM), capelli neri, occhi verdi, alta 170 cm.

Deve frequentare il V° anno di liceo scientifico sportivo, pratica fitness, ama viaggiare e uscire con gli amici. Il suo sogno è diventare un bravo chirurgo estetico.

La finale è stata preceduta da una selezione provinciale con 29 concorrenti che ha visto l’elezione di “Miss Frascati – Sporting Village”, fascia che è andata a AURORA FEDELI, seguita da ALICE PETAGNA e DENISE MARIANI.

Ludovica con il titolo vinto, accede alle prefinali nazionali, dove giungeranno circa 200 ragazze da tutta Italia.

In occasione dell’80a edizione la patron Patrizia Mirigliani ha annunciato l’accesso diretto alla finalissima delle miss vincitrici del titolo regionale più importante, come ad esempio Miss Lazio, che saranno dunque comprese nelle 40 finaliste.

Ufficio Stampa

Miss Italia Regione Lazio

Fabio Carnevali

Cell. 335.6001832

Foto By Adriano Di Benedetto

Leggi anche

https://unfotografoinprimafila.it/miss-italia-allhelio-cabala-ludovica-de-valeri-e-miss-mascotte-lazio/

https://unfotografoinprimafila.it/anzio-estate-blu-2019-luca-argentero-in-e-questa-la-vita-che-sognavo-da-bambino/

 

Torna a San Giorgio a Cremano il Premio Massimo Troisi, prestigioso osservatorio sulla comicità.

 XIX edizione che quest’anno porta la firma del direttore artistico Gino Rivieccio, attore e regista di vasta esperienza, che ha messo a punto un programma di grandi ospiti e nel segno della cultura e del divertimento.

Dal 20 al 27 luglio si alterneranno nei luoghi della città che ha dato i natali al grande Massimo, numerosi spettacoli gratuiti e aperti al pubblico.

Tutto promosso e organizzato dal Comune di San Giorgio a Cremano nella persona del sindaco Giorgio Zinno, tramite l’assessorato alla cultura retto dall’ assessore De Martino, e con il finanziamento della Regione Campania.

Eventi, concorsi, musica, comicità saranno gli ingredienti principali di questa kermesse che darà la possibilità a nuovi autori e comici emergenti di essere giudicati da una giuria di qualità e concorrere così ad ambiti premi e riconoscimenti.

Palcoscenico del Premio saranno diverse piazze e spazi della cittadina ai piedi del Vesuvio, per un festival itinerante che darà a tutti la possibilità di partecipare in modo gratuito.

“È tutto pronto per la XIX edizione – afferma il sindaco Giorgio Zinno. Quest’anno, d’accordo con il direttore artistico Gino Rivieccio la kermesse sarà itinerante, si svolgerà negli spazi aperti della città e sarà gratuita fino ad esaurimento posti.

Tra i tanti spettacoli in programma nella settimana di eventi che ci porterà al gran galà finale del 27 luglio, quest’anno abbiamo voluto dedicare anche una serata ad Alighiero Noschese.

Naturalmente fondamentali restano i concorsi con le varie sezioni in gara che, grazie al sostegno dell’assessore De Martino, quest’anno si sono arricchiti ulteriormente con il prezioso contributo dell’Università Federico II.

Sarà un Premio all’insegna dell’allegria e del divertimento e ci auguriamo coinvolgente, in cui è evidente la connotazione culturale che caratterizza la città di San Giorgio a Cremano.”

Gino Rivieccio, attore e regista napoletano che quest’anno festeggia i 40 anni di carriera, da neodirettore artistico del Premio Massimo Troisi dice:

“Massimo era una maschera unica, nobile, che faceva ridere con quello che diceva ma anche con quello che non diceva, che raccontava le pause con una napoletanità lontana dai soliti modelli stereotipati.

A 25 anni dalla morte il suo posto è ancora vuoto.”

Tanti saranno gli ospiti attesi sul palcoscenico del Premio Troisi. Ecco il programma:

Ospiti: Dario Ballantini – Francesca Marini – Giorgio Panariello – Michele Zarrillo

Al centro della manifestazione ci saranno anche quest’anno i concorsi.

Nella giornata di domenica 14 luglio la giuria diretta da Gino Rivieccio e composta da:

 Eduardo Tartaglia, Riccardo Cassini, Gaetano Liguori e Gustavo Verde ha selezionato gli attori che si esibiranno sul palco del Troisi per concorrere all’ambito premio “Miglior Attore Comico” la cui finale si terrà il 27 luglio.

I concorrenti sono giunti da tutta Italia e da tutto il mondo.

Ufficio stampa nazionale Silvia Signorelli www.comunicazioneeservizi.com

silvia.signorelli@comunicazioneeservizi.com Mob. +39 338 9918303

Facebook: SiSicommunication – Twitter: @silviasignore

Ufficio stampa regionale: Francesca Scognamiglio

email: francesca.tv@alice.it +39 3283051003

A Villa Adele da venerdì 19 luglio prende il via, con Luca Argentero in “È questa la vita che sognavo da bambino?”

Regia di Edoardo Leo, la rassegna “Anzio Estate Blu a Villa Adele, organizzata da Ventidieci insieme all’Amministrazione Comunale ed al Sindaco, Candido De Angelis

Luca Argentero in È questa la vita che sognavo da bambino?

Spettacolo prodotto dalla Stefano Francioni Produzioni, racconta le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina.

Raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.

Luisin Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani.

Luisin Malabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera, il ciclista che nel primo Giro d’Italia dopo la guerra si accorse per caso che arrivare ultimo, in una Italia devastata come quella del ‘46, faceva molta simpatia alla gente: riceveva salami, formaggi e olio come regali di solidarietà.

Automaticamente attirò anche l’attenzione di alcuni sponsor, fino a farlo guadagnare di più l’arrivare ultimo che tentare la vittoria. In poco tempo è arrivata anche la popolarità.

In lui le persone hanno riconosciuto l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano, ma, insieme alla popolarità, sono arrivati nuovi sfidanti in una incredibile corsa a chi arriva ultimo.

Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide con la roccia, il clima e la montagna, arrivato a oltre ottomila metri d’altezza, quasi sulla cima di una delle montagne più difficili da scalare del mondo, il K2, scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso.

Eppure la grande delusione del K2 lo ha spinto ancora più in là a mettersi alla prova in nuove sfide in solitaria, nuove scalate impossibili e infine a viaggiare in tutto il mondo.

Tutto ciò per trovare la cosa più importante della vita: se stesso.

Alberto Tomba, il campione olimpico che ha fermato il Festival di Sanremo con le sue vittorie.

L’insolito sciatore bolognese che con la sua leggerezza nella vita e aggressività sulla pista è arrivato a essere conosciuto in tutto il mondo come “Tomba la bomba”.

Uno dei più grandi campioni della storia dello sci che ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione, incarnando la rinascita italiana forse illusoria ma sicuramente spensierata degli anni ‘80.

Tre storie completamente diverse l’una dall’altra, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica, essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi.

Leggi anche

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-romano-ostia-antica-barley-arts-presenta-loreena-mckennitt/

https://unfotografoinprimafila.it/anfiteatro-albano-estate-riccardo-rossi-in-cosi-rossi-che-piu-rossi-non-si-puo/

Loreena Mckennitt al Festival “Il Mito e il sogno” per presentare il suo album di inediti Lost Souls

Con un nuovo album di inediti dal titolo Lost Souls (Quinlan Road), il 20 luglio, torna in Italia la cantautrice canadese Loreena McKennitt, con un tour estivo di sei date, lungo tutta la nostra penisola: Firenze, Milano, Udine, Macerata, Roma e Molfetta

Giovedì 25 luglio sarà a Roma, al Teatro Romano di Ostia Antica per la rassegna “Ostia antica Festival – Il Mito e il Sogno”

A circa dieci anni di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti, Loreena McKennitt sta presentando questo nuovo lavoro in giro per l’Europa, con un totale di 25 concerti attraverso dieci paesi tra cui Spagna, Germania e, appunto, Italia.

Descrivendo lo spettacolo come “una delle migliori performance che la McKennitt abbia mai fatto”, la pubblicazione musicale canadese Spill magazine ha scritto.

“La sua voce è più forte che mai e l’emozione che suscita mentre canta è oltre le parole… Semplicemente, uno dei migliori spettacoli dell’anno.”

La cantautrice ha origini irlandesi e scozzesi e sono state queste ad aver influenzato la sua musica, che trae ispirazione dalle canzoni celtiche popolari a cui lei aggiunge un tocco internazionale, con un risultato sorprendente ed apprezzato in tutto il mondo.

La sua musica è una miscela di sound celtico eclettico, pop, folk e world music che negli anni ha conquistato critica e pubblico.

L’artista ha venduto infatti 14 milioni di album, vincendo dischi d’oro, di platino e multi-platino.

Nominata due volte ai Grammy Awards, ha vinto due Juno, il premio alla carriera della Billboard International e si è esibita in alcuni dei teatri e luoghi storici più prestigiosi del mondo, dalla Carnegie Hall di New York al famoso Palazzo dell’Alhambra a Granada in Spagna.

Oltre alla sua carriera musicale, McKennitt si è impegnata per una serie di iniziative filantropiche, tra cui “The Cook-Rees Memorial Fund for Water Search and Safety”.

E’ stata insignita nel 2004 dell’“Order of Canada” e nel 2013 è stata nominata “Knight of the National Order of Arts and Letters” dalla Repubblica Francese ed è Colonnello onorario della Royal Canadian Air Force

In previsione di questo nuovo tour estivo Loreena ha affermato: “Sono entusiasta di tornare in alcuni dei posti già visitati negli anni passati e di rivedere persone incontrate durante i miei precedenti tour, ma anche di esibirmi in luoghi splendidi mai visti prima.”

La cantautrice sarà accompagnata dai musicisti Brian Hughes (chitarra, oud e bouzouki celtico), Caroline Lavelle (violoncello), Hugh Marsh (violino), Dudley Philips (contrabasso) e Robert Brian (batteria).

Giovedì 25 Luglio 2019 – ORE 21

Ostia Antica (RM), Teatro Romano – Viale dei Romagnoli, 717

Biglietti: Posto unico: € 50,00 + prev.

Biglietti disponibili su Ticketone(online e punti vendita) e punti vendita Box Office Lazio

https://unfotografoinprimafila.it/auditorium-parco-della-musica-harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban/

https://unfotografoinprimafila.it/roma-accademia-nazionale-di-danza-presenta-la-bellezza-ti-stupira/

 

Ottava edizione di Anfiteatro Albano Estate apre la serata inaugurale Riccardo Rossi

E’ tutto pronto per l’ottava edizione della rassegna ANFITEATRO ESTATE, che si terrà all’Anfiteatro Romano di Albano Laziale dal 20 luglio al 10 agosto 2019, con la direzione artistica di AB Management.

La serata inaugurale di sabato 20 luglio sarà all’insegna della comicità romana e vedrà protagonista Riccardo Rossi, che impagina, nello spettacolo “Così Rossi che più Rossi non si può”, vent’anni di carriera.

L’artista porta sul palco i suoi innumerevoli ritratti di persone e situazioni analizzate nel suo modo assolutamente visionario e dissacrante.

Michael Jackson che sfida Albano, una festa di matrimonio che dura più del matrimonio stesso, le lettere alla rubrica della “Salute di Repubblica”.

E ancora, l’età dell’innocenza che tutti noi abbiamo vissuto alle elementari e l’acquisto dell’agenda più famosa del mondo: la Filofax.

Questi sono solo alcuni momenti di un’intera carrellata di situazioni che Rossi ha stigmatizzato con la sua follia comica durante la sua carriera.

Rossi esagera ma non troppo, Rossi giudica ma non troppo, Rossi dipinge un quadro della quotidianità che se visto con gli occhi di Rossi diventa grottesco ma non innaturale, perché in fondo è veramente un po’ così.

Insomma Riccardo Rossi in questo show la vede “alla Rossi”, in un modo che più Rossi non si può.

La cornice dell’Anfiteatro Severiano ospiterà il 21 luglio il Balletto di Roma in “Io, Don Chisciotte”, il 26 luglio Simone Cristicchi con l’unica tappa laziale di “Abbi cura di me” e poseguirà fino al 9 agosto con i tanti appuntamenti in cartellone

Giorgio Cipressi 3357089743 comunicazioneglobale@gmail.com

Giovanna Palombini 3482818620 palombini.giovanna@gmail.com

Greta De Marsanich 3208626213 cgpcomunicazione@gmail.com

Carola Piluso carola.comunicazione@gmail.com

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-tor-bella-monaca-presenta-il-lago-dei-cigni/

https://unfotografoinprimafila.it/auditorium-parco-della-musica-harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban/

Da un’idea del coreografo Luigi Martelletta di mettere in scena “Ilo Lago dei Cigni” al Teatro Tor Bella Monaca

Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il coreografo Luigi Martelletta inseguiva e desiderava mettere in scena.

La sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma ed in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che in questa versione vengono esaminati e sviscerati.

La drammaturgia classica dell’azione coreografica teatrale del balletto infatti, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà.

Dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampi e sfaccettati, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico ma che ormai risultano inutili, pesanti e noiose.

Non mancheranno però tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: I cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto molto altro…

mercoledì 17, giovedì 18 e venerdì 19 luglio ore 21

con Maria Chiara Grasso e Carlo Pacienza 
e con 
Lilia Ivanov, Lucia Bini, Assunta Di Marino, Rita Di Pin, Stefano Candelori, Luca Ricci 
musiche 
Pëtr Il’ič Čajkovskij
coreografia
 Luigi Martelletta

Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini | Compagnia ALMATANZ di Luigi Martelletta

BIGLIETTI
intero 10,50 Euro, ridotto 8,50 Euro, giovani 7,00 Euro invalidità 5,00 Euro,

diversamente abili 2,50 Euro

prezzo speciale GIFT CARD 7,50 Euro

info e prenotazioni 06/2010579

promozione@teatrotorbellamonaca.it

 Teatro Tor Bella Monaca

Via Bruno Cirino angolo Via Duilio Cambellotti

Prenotazioni: tel 06 2010579 

Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30

Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19

promozione@teatrotorbellamonaca.it

www.teatrotorbellamonaca.itwww.teatriincomune.roma.it

Ufficio stampa: Brizzi comunicazione

Cecilia Brizzi c.brizzi@brizzicomunicazione.it –  Tel 06 39038091 – 39030347 334 1854405

https://unfotografoinprimafila.it/roma-lape-rossa-musica-reading-teatrali-esplorazioni-urbane/

https://unfotografoinprimafila.it/roma-lape-rossa-musica-reading-teatrali-esplorazioni-urbane/

Roma. Dal 22 al 27 luglio 2019 Piazzale della Centrale Montemartini l’Ape Rossa.

Torna a Roma l’APEROSSA, manifestazione ideata e promossa dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.

L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana 2019 promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

L’appuntamento consolidato del particolarissimo veicolo cinemobile che propone intorno a sé iniziative culturali e interdisciplinari, si svolgerà dal 22 al 27 luglio nel quartiere Ostiense di Roma.

Un’area fortemente caratterizzata dal passato industriale e da un tessuto sociale operaio, oggi protagonista di una profonda rigenerazione urbana.

Mentre gli eventi dal vivo tra reading e monologhi teatrali, concerti con sonorizzazioni live di archivi filmici in proiezione, visite museali ed esplorazioni partecipate alla scoperta del territorio.

Si svolgeranno presso il piazzale adiacente la Centrale Montemartini, dove peraltro ha sede l’AAMOD, altre attività di ricerca, ludiche e promozionali.

Avranno luogo presso i Mercati della Montagnola, Ostiense e Grotta Perfetta.

Spazio anche alla raccolta di testimonianze orali sulla memoria del quartiere e la produzione di brevi documentari sui luoghi partecipati e “restituiti” alla cittadinanza locale.
La manifestazione, ad ingresso libero, è un fulgido esempio di integrazione tra esperienze, luoghi e storia di contesti da valorizzare e far conoscere proprio attraverso un’organizzazione a partecipazione condivisa.

 Piazzale della Centrale Montemartini – Via Ostiense, 106 – Roma

Ingresso libero

Ufficio stampa Elisabetta Castiglioni

https://unfotografoinprimafila.it/auditorium-parco-della-musica-harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban/

https://unfotografoinprimafila.it/roma-caracalla-dopo-laida-inaugurale-ancora-verdi-con-la-traviata-anni-60/

https://unfotografoinprimafila.it/e-state-al-wood-max-paiella-al-parco-avventura-fregene/

Auditorium Parco della Musica “Harry Potter e Il prigioniero di Azkaban”

L’Orchestra Italiana del Cinema Harry Potter e il prigioniero di Azkaban in concerto all’Auditorium della Musica.

Il pubblico assisterà all’intero film con l’Orchestra Italiana del Cinema che esegue dal vivo la magica partitura di John Williams in perfetto sincrono con le immagini, i dialoghi in italiano e gli effetti speciali.

In vendita dal 15 Luglio 2019 e disponibili su WWW.TICKETONE.IT Acquistando il biglietto entro il 9 agosto è possibile usufruire del 10% di sconto

con biglietti a partire da € 29 (escluso diritti di prevendita)

Dopo aver registrato negli scorsi anni, il sold out dei primi due episodi, la “HARRY POTTER FILM CONCERT SERIES” torna a grande richiesta a Roma, con Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban™ in Concerto, il terzo film della saga

Il 29 e 30 dicembre il Maestro Timothy Henty dirigerà l’Orchestra Italiana del Cinema con una straordinaria formazione di oltre 120 musicisti tra Orchestra e Coro nella magica partitura di John Williams in perfetto sincrono con l’intero film proiettato in alta definizione su uno schermo di oltre 12 metri. 

Il tour mondiale della Harry Potter Film Concert Series è stato lanciato nel 2016 da CineConcerts e Warner Bros. Consumer Products per celebrare i film di Harry Potter.

Dalla prima mondiale di Harry Potter e la Pietra Filosofale in concerto a giugno 2016, oltre 1.3 milioni di persone hanno apprezzato questa magica esperienza dal JK Rowling’s Wizarding World, con oltre 900 spettacoli in più di 48 paesi del Mondo.

Le date italiane sono prodotte da Marco Patrignani e Forum Music Village, i concerti in programma nella Capitale hanno ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata Britannica di Roma.

Trama:
Nel loro terzo anno a Hogwarts, Harry, Ron ed Hermione incontrano Sirius Black, prigioniero in fuga, e imparano a cavalcare un Ippogrifo mezzo cavallo/mezz’aquila, imparano a padroneggiare l’arte della Divinazione e respingono i Boggarts, creature che cambiano la forma.

Harry deve anche resistere ai Dissennatori che succhiano l’anima, superare in astuzia un pericoloso licantropo e affrontare la verità su Sirius Black e la relazione con Harry e i suoi genitori.

La colonna sonora di HARRY POTTER E IL PRIGIONIERO DI AZKABAN™ del Premio Oscar John Williams,  ottenne il Grammy Award (2004), premio miglior colonna sonora all’BMI Film & TV Award e al Broadcast Film Critics Association Award (2003) oltre che la nomination all’Oscar.

Questa affascinante e magistrale musica è diventata un celebre classico, che evoca le avventure di Harry Potter e dei suoi amici nel loro magico viaggio.

Tre imperdibili spettacoli sono ora in programma a Roma:

  • Il 29 dicembre 2019 – ore 20:00
  • il 30 dicembre 2019 – ore 15:00 e ore 20:00.

Il film è proiettato integralmente con Orchestra e Coro dal vivo di oltre 120 elementi, con effetti speciali e dialoghi in lingua italiana.

Per maggiori informazioni:

Harry Potter Film Concert Series: www.harrypotterinconcert.com

Orchestra Italiana del Cinema: http://www.orchestraitalianadelcinema.it

CineConcerts: www.cineconcerts.com

Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro de Coubertin 30 – 00196 Roma
Centralino:  Infoline   Tel. (+39) 06 80241281

Biglietteria:
La biglietteria è aperta tutti i giorni dalle ore 11.00 alle 20:00.

Tel. (+39) 06 892101 (servizio a pagamento)

https://unfotografoinprimafila.it/roma-caracalla-dopo-laida-inaugurale-ancora-verdi-con-la-traviata-anni-60/

https://unfotografoinprimafila.it/e-state-al-wood-max-paiella-al-parco-avventura-fregene/

https://unfotografoinprimafila.it/al-teatro-romano-festival-di-ferento-enzo-iacchetti-e-pino-quartullo-in-hollywood-burger/

Roma, “La Traviata” del regista Lorenzo Mariani in scena nelle antiche Terme di Caracalla da venerdì 19 luglio con la direzione del Maestro Manlio Benzi

La stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma prosegue con un’altra opera di Verdi.

Dopo l’Aida inaugurale torna in scena “La traviata”, che ha avuto grande successo la scorsa estate, da venerdì 19 luglio fino all’8 agosto (ore 21.00)ambientata nell’atmosfera della “Dolce Vita” felliniana dal regista Lorenzo Mariani.

Sul podio, alla direzione dell’Orchestra dell’Opera di Roma, Manlio Benzi, al suo primo impegno con la Fondazione capitolina.

Nella lettura di Mariani il dramma di Violetta Valery non si svolge nella Parigi di metà Ottocento, ma nel mondo immaginario del cinema Anni ’60 in un omaggio alla Roma felliniana.

Durante la lettura de La Dame aux camélias di Alexandre Dumas – spiega il regista – a volte ero talmente scosso da non riuscire a continuarla, ed è stato proprio chiedendomi come avrei potuto dipingere un mondo così privo di speranza che ho pensato alla Dolce vita di Fellini; quel film è un ritratto spietato della Roma e dell’Italia di fine anni Cinquanta”.

A trasportarci in questa atmosfera saranno i costumi di Silvia Aymonino, le scene di Alessandro Camera, le luci di Roberto Venturi e i video di Fabio Iaquone e Luca AttiliLuciano Cannito firma i movimenti coreografici.

Nel ruolo della protagonista canteranno Francesca Dotto e Valentina Varriale (8 agosto) talento emerso, quest’ultima, dalla prima edizione del progetto “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera.

Gli altri personaggi del libretto di Francesco Maria Piave avranno le voci di Alessandro Scotto di Luzio (Alfredo), Marcello Rosiello (Giorgio Germont), Roberto Accurso (Barone Douphol), Domenico Colaianni (Marchese D’Obigny) e Graziano Dallavalle (Dottor Grenvil).

In scena anche i talenti della seconda edizione del progetto “Fabbrica” YAP, attualmente in corso: Irida Dragoti (Flora Bervoix), Rafaela Albuquerque (Annina) e Murat Can Güvem (Gastone).

Il Coro del Teatro dell’Opera di Roma è diretto dal Maestro Roberto Gabbiani.

Dopo la prima di venerdì 19 luglio, La traviata verrà replicata martedì 23 e sabato 27 lugliovenerdì 2 e giovedì 8 agosto, sempre alle ore 21.00.

L’appuntamento con la “Lezione di Opera” su La traviata, tenuta sempre dal maestroGiovanni Bietti, è venerdì 19 luglio alle Terme di Caracalla alle ore 19.15.

I biglietti per la stagione estiva 2019 sono in vendita alla biglietteria e sul sito del Teatro dell’Opera di Roma.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMARenato Bossa

Ufficio Stampa – Responsabile Opere e Concerti

Cell. + 39 366 6973749

renato.bossa@operaroma.it

https://unfotografoinprimafila.it/al-teatro-romano-festival-di-ferento-enzo-iacchetti-e-pino-quartullo-in-hollywood-burger/

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/casa-del-jazz-%E2%80%9Ci-concerti-nel-parco%E2%80%9D-estate-2019-%E2%80%9Crichard-galliano-friends%E2%80%9D?fbclid=IwAR118TV5Yzqi72kEwhqM_m5YM9WuRTgqlOTpGKwcfYAn21Lf3Fuk4twJzGk