Tre monologhi sulla forza, la fragilità, l’ironia e le contraddizioni al femminile. Cuori selvaggi da un concept di Alessandra Izzo al Teatro di Documenti

Teatro di Documenti. “COME LUI MI VUOLE” di e con Sara Ercoli – NOI” di Francesco Olivieri con Eleonora Manara – CUORI SELVAGGI” di e con Alessandra Izzo, Regia di Sara Ercoli

Tre è il numero perfetto! Teatro

Tre sono i monologhi che partono da esperienze autobiografiche, rielaborati e sdrammatizzati per tratteggiare la forza, la fragilità, l’ironia e le contraddizioni al femminile.

E tre sono le donne che si raccontano nel loro rapporto vittima-carnefice senza fronzoli e senza tabù.

È “Cuori Selvaggi”, il concept ideato da Alessandra Izzo, con la regia di Sara Ercoli, in scena il 30 e 31 gennaio al Teatro di Documenti di Roma.

Racchiude tre testi: “Come lui mi vuole” di e con Sara Ercoli; “Noidi Francesco Olivieri con Eleonora Manara; “Cuori selvaggi” di e con Alessandra Izzo.

Le tre protagoniste, Sara Ercoli, Eleonora Manara e Alessandra Izzo, rappresentano tre mondi differenti.          Il primo monologo in scena è “Come lui mi vuole” di e con Sara Ercoli.

Una donna che rivive per un caso fortuito le sue relazioni, esplorando parti di se’. Al Teatro di Documenti.

Non puoi zittire il sogno – dice la protagonista altrimenti ti trovano a sparpagliare la differenziata dei vicini con una boccia di vodka in mano”.

Segue “NOI”, il monologo scritto da Francesco Olivieri e interpretato da Eleonora Manara: una donna decide di cambiare vita, vuole scappare da un incubo ma prima decide di uccidere il marito.

Il male genera sempre il male.

Il terzo monologo in scena è “Cuori selvaggi” di e con Alessandra Izzo.

Narra la storia della figlia di una “casalinga bene” napoletana negli anni ’70, combattuta per le vicissitudini familiari e quella della mamma che si divide tra la voglia di restare e quella di fuggire da un uomo complessato e violento.

Tutto è sostenuto da una graffiante autoironia. La scena è semplice ed essenziale, così come i costumi. Le luci fanno da contorno a questo spettacolo il cui cuore pulsante è la denuncia.

Lo spettacolo sarà in scena il 30 e 31 gennaio al Teatro di Documenti e successivamente in tournée in Italia. E prevista la partecipazione agli appuntamenti della prossima “Estate Romana”.

INFORMAZIONI:

“CUORI SELVAGGI”

30 e 31 gennaio (ore 20.45)

TEATRO DI DOCUMENTI

Via Nicola Zabaglia, 42 | Roma

Biglietto: € 12 + 3 tessera

Tel.  328 8475891

teatrodidocumenti@libero.it

Ufficio Stampa | Agenzia Rossana Tosto Comunicazione |

Rossana Tosto |    + 39 333 4044306  | redazione@rossanatosto.com | rossanatosto@gmail.com |

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/il-figliol-prodigo-teatro-le-fontanacce/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/the-prudes-teatro-tor-bella-monaca


Il Teatro Comunale Le Fontanacce di Rocca Priora presenta “Il Figliol Prodigo”

Luciana Frazzetto e Massimo Milazzo, direttori artistici del Teatro, hanno il piacere di ospitare sabato 1 febbraio ore 21.00 e domenica 2 febbraio ore 17.30, Nino Taranto e “Paciullo” con il loro esilarante spettacolo: “Il Figliol Prodigo” scritto, diretto ed interpretato dagli stessi.

“Lo-Paciu” arriva dal Giappone, dove ha fatto per anni l’attore comico.

Ad aspettarlo, il padre Nino, romano verace, semplice, diretto, che non vede il figlio da 15 anni, “prodotto” inconsapevole di una scappatella di quasi 30 anni prima.

Si sono frequentati poco e molto saltuariamente e i pochi ricordi che Nino conserva, sono di un ragazzo di 18 anni pieno di entusiasmo, rumoroso, divertentissimo, che, all’improvviso, per amore di una ragazza, lascia la sua città d’origine, Roma, per andare in Giappone, portando con sè il sogno di fare l’attore comico.

il figliol prodigo

Un altro esilarente assaggio del duo comico Nino taranto e Patrizio Paciullo Pucello! Sabato 1 febbraio ore 21.00 e domenica 2 febbraio ore 17.30 vi aspettano al Teatro Le Fontanacce di Rocca Priora! Un divertentissimo incontro generazionale tra un padre, romano verace, e suo figlio che dopo molti anni torna a casa dal Giappone.Sono garantiti fiumi di risate!Per info e prenotazioni: 06499779659 – 3489294368 Luciana Frazzetto Augusto Menicali Biblioteca comunale di Rocca Priora Luigi Porcari Proloco Colle Di Fuori Pro Loco – Rocca Priora Ufficio stampa comune di Rocca Priora

Geplaatst door Teatro Le Fontanacce op Maandag 27 januari 2020

Ma.. il Giappone è lontano da Roma e non solo ha un fuso orario completamente diverso dal nostro, ma ha anche una lingua, una tradizione, un umorismo e uno stile di vita totalmente differenti da quelli italiani.

E così, due estranei si ritrovano a chiamarsi “padre” e “figlio” in un rapporto che diventa una sorta di “teatrino grottesco” nel quale il padre cerca in tutti i modi di conoscere un figlio totalmente diverso da lui.

Il figlio cerca di trascinare il padre in abitudini surreali e che non gli appartengono.

Tra le pareti domestiche, si alternano scontri esilaranti sul diverso concetto di “comicità”.

Se volete divertirvi, venite a Rocca Priora al Teatro Comunale Le Fontanacce. Sarà sicuramente una serata all’insegna del divertimento e della comicità.

Buon divertimento!

Orari:   sabato 1 febbraio ore 21.00 e domenica 2 febbraio ore 17.30 

Per acquistare il biglietto online clicca al seguente link: http://www.biglietto.it/newacquisto/titoli.asp?ide=1115&fbclid=IwAR3xGiX1fYmGrQHoM2hTOt2KMvetLazl28caKwl4zI5YEV42IjWQ1XNwutI#

PREZZO INTERO       € 15,00

PREZZO RIDOTTO    € 12,00

Presentando la tessera Biblio + Sbcr: RIDOTTO € 10,00

Info e prenotazioni    06 49 77 96 59 –  348 929 43 68

TEATRO COMUNALE LE FONTANACCE

ROCCA PRIORA – Piazzale Zanardelli (Belvedere)

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/quid-di-roma-alessandra-formica-e-black-tea-drops/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/killer-per-casa-teatro-golden


Nico Sambo in concerto con “Cose lette e non lette” a Le Mura il 1 febbraio ore 22,00

Arriva a Roma il tour di presentazione di “Cose lette e non lette” il nuovo disco di Nico Sambo, uscito ad ottobre 2019 per Cappuccino Records.

Una successione di testi che raccontano situazioni sfocate, doppi sensi ed equivoci, grazie anche all’utilizzo di allegorie.

Le parole usate non sono quello che sembrano – o non si limitano al significato più apparente – e spesso descrivono altre immagini assumendo un significato diverso da quello letterale.

Come in “Passa tutti i giorni di qui” dove il moto delle onde sulla battigia viene accostato a una donna che passa tutti i giorni di fronte a un bar nel quale due amici si ritrovano e da lì la osservano.

E così, cercando di mettere a fuoco le parole, si arriva poi a vedere che a fuoco non sono e ciò che si è pensato di aver letto, nel senso d’interpretato, non lo si è letto bene. O forse sì.

Il disco è poi intriso di citazioni – a richiamare le “cose lette” – di scrittori quali DeLillo (il personaggio di Sullivan in Americana che “abita nel cuore degli uomini”), Pynchon (la battigia che si rimbocca le coperte ne L’incanto del lotto 49) e gli eremiti di Antonio Moresco (La lucina) e Claudio Morandini (Neve, cane, piede).

“Cose lette e non lette” è un disco fatto di fuzz, chitarre acide ed elettronica. I 10 brani presentano sonorità maturate da ascolti di krautrock e proto-punk e sono stati registrati da Nicola Fantozzi prevalentemente in presa diretta (chitarra, basso e batteria).

Gli arrangiamenti vedono poi l’inserimento di sintetizzatori, elettronica e altre chitarre.

Appuntamento venerdì 1 febbraio, sul palco de Le Mura di San Lorenzo per un concerto in full band.

BIOGRAFIA

Nico Sambo è un musicista livornese che spazia dall’elettronica al cantautorato.

Pubblica il primo album di elettronica strumentale nel 2011 – “Sofà Elettrico” (Snowdonia) – e nello stesso anno, a distanza di pochi mesi, rilascia il secondo – “Suspended” (Electric Fantastic Sound) – caratterizzato ancora da sonorità sintetiche ma che stavolta vede l’introduzione del cantato in lingua inglese.

La sperimentazione prosegue e nel 2014 pubblica il suo primo album in Italiano – “Argonauta” (Cappuccino Records).

Suona chitarre elettriche, sintetizzatori, basso e organo e cura fin qui la produzione artistica e le registrazioni.

Nel 2016, Nicola Fantozzi diventa il produttore artistico e il risultato è “Ognisogno” (Cappuccino Records), dove Nico Sambo si avvicina al cantautorato costruendo interamente i brani intorno al pianoforte.

“Cose lette e non lette” è il nuovo album, ancora prodotto da Nicola Fantozzi.

Qui si riprende l’uso dell’elettronica inserendola tra chitarre acide e testi allucinati.

Dal vivo è accompagnato da anni da un gruppo di musicisti con i quali ha registrato i suoi dischi.

Segui Nico Sambo

https://www.facebook.com/nico.sambo

https://www.instagram.com/nicola.sambo/

Le Mura – via di Porta Labicana 24 – ROMA

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/quid-di-roma-alessandra-formica-e-black-tea-drops/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/killer-per-casa-teatro-golden


In concerto al Quid di Roma per la rassegna “Quid Live Studio” Alessandra Formica e Black Tea Drops

Giovedì 30 gennaio, Alessandra Formica e i Black Tea Drops si esibiranno, alternandosi, sul palco del Quid di Roma (Via Assisi, 117 – ore 21.00 – ingresso gratuito) per la rubrica di musica originale “Quid Live Studio”.

Sul palco del Quid vanno in scena altri due progetti di qualità per la rassegna “Quid Live Studio”, ad aprire la serata sono le sonorità della cantautrice leonfortese Alessandra Formica, che presenta il suo progetto inedito.

Amante della sua Sicilia, studia all’istituto “Saint Louis College of music” di Roma e fa parte di coro SAT&B di Maria Grazia Fontana, con cui ha preso parte allo show televisivo Tale&Quale Show su Rai 1 e al Festival di Sanremo 2017 con il cantante Sergio Sylvestre.

Seguiranno i Black Tea Drops con il loro sound a base di neo soul e R’n’B, condito con un po’ di funk ed un “pizzico” di jazz.

Il loro primo EP, “Tea Drops” e la collaborazione con Randy Roberts, suscita l’attenzione della Filibusta Records con la quale firmano nel dicembre del 2018 un contratto discografico per la ripubblicazione del loro progetto “Tea Drops” e la produzione di un nuovo album.

Nell’aprile del 2019 esce così “Down and deep” seguito da video-clip, mentre nell’autunno dello stesso anno presentano il nuovo singolo dal titolo “Change”.

La band: Eleonora Toiati (voce), Alessandro Decina (batteria), Enrico Zapicchi  (basso) e Valerio Passi (chitarra).

QUID LIVE STUDIO

Il Progetto nasce dalla comune passione degli ideatori per la musica d’autore, attraverso una serie di appuntamenti settimanali in Via Assisi 117, con l’intento di valorizzare le enormi potenzialità che gravitano nel mondo della musica e con un occhio attento ai giovani musicisti, in uno spazio comunicativo di forte impatto per dare visibilità alla loro musica.

Quid Live Studio vuole essere un progetto forte, stimolante, che ambisce a realizzare un modo nuovo di condividere la musica con il pubblico, ma anche un’occasione per i tanti musicisti di mettersi in gioco.

QUID Live Studio si propone di dare spazio e voce a tutti quegli artisti che si vogliono cimentare con l’energia del “live”, mettendo a disposizione la possibilità di dirette streaming attraverso la partnership con RADIOEKLISSE, una delle realtà più consolidate nel mondo delle web radio romane, che diffonderanno in tempo reale i concerti, conoscendo e scoprendo le curiosità e le passioni di tutti gli artisti prima e dopo il concerto.

A questo si aggiunge il costante supporto giornalistico di Quartaparteroma.it, uno dei portali di informazioni di cultura artistica più seguiti, attraverso articoli, approfondimenti e interviste ai protagonisti.

QUID Live Studio si propone in conclusione come una vera e propria factory musicale, dove ogni giovedì a partire dal 10 ottobre, nuove proposte musicali spazieranno dal folk al blues, dalla canzone d’autore al jazz, offrendo la possibilità ai tanti talenti che gravitano nel mondo dei locali romani di esprimersi in piena liberta musicale senza alcun condizionamento, ma con l’imprescindibile marchio della qualità.

Sponsor del QUID LIVE STUDIO sarà YOUR MUSIC, storico negozio di strumenti musicali della Capitale, con un vasto assortimento di chitarre, liuteria, tastiere e accessoristica che contribuirà con un premio di 250 euro in denaro, oltre all’omaggio da parte di due brand di fama internazionale come Fender e Roland che metteranno in palio una pedaliera e una chitarra elettrica per vincitori della I° edizione del QUID LIVE STUDIO.

Vincitori decretati attraverso il voto congiunto di una giuria tecnica composta dalla direzione artistica del Quid, dalla redazione di Quartapareteroma.it e dagli speaker di RADIOEKLISSE al quale si aggiungerà il miglior gradimento del pubblico in sala, attraverso una valutazione complessiva della singola perfomance inclusa la presenza scenica.

Roma, 28 gennaio 2020

Responsabile della comunicazione: Alex La Gamba – info@alexlagamba.it  – 392.9295816

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/il-risto-japan-moku-compie-2-anni/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/italian-music-contest-2019-la-finale


“Il Risto Japan Moku festeggia i suoi primi 2 anni”… Charlie Gnocchi un po’ di più

Dinner Party mercoledì 29 gennaio dalle 20,30 al Moku di Via Tiburtina, 432

Doppi festeggiamenti mercoledì 29 gennaio da “Moku”, il risto japan-sushi-etno-thai di Marisa Jiang Kefeng, in via Tiburtina, di fronte agli Studios.

Lo spazioso locale di 800 mq. arredato in legno chiaro e dominato dal grande albero della vita che dona serenità e positività, con tanto di zona Tatami per chi vuole mangiare in terra come in Giappone, piace alla gente che piace e conta già su uno stuolo di aficionados Vip.

Clienti abituali sono Rocco Casalino, Valeria Marini, Beppe Convertini, Vittorio Cecchi Gori, Claudia Gerini e tanti altri. Non solo.

Questa estate ha raddoppiato con l’apertura di un nuovo “Moku” a Ponte Milvio, cuore della Movida di Roma Nord.

Una serata speciale e un po’ magica sarà quella di mercoledì: Moku (che vuol dire albero) festeggia i suoi due anni di vita e di successi e Charlie Gnocchi festeggia i suoi 57 anni.

Il fratello minore di Gene, ex inviato di “Striscia la notizia” e ora conduttore insieme a Valeria Graci e Alessandro Greco di “Viva l’Italia” su Rtl 102.5, on air il venerdì, il sabato e la domenica dalle ore 11 alle 13, brinderà con i suoi amici e colleghi al suo compleanno.

Non solo, animerà anche la serata con la sua verve e la sua simpatia, insieme al mago Lupis con i suoi giochi di prestidigitazione che coinvolgerà tutti girando tra i tavoli e il dj Andrea che farà ballare con i suoi mix.

A fare gli onori di casa accogliendo gli ospiti saranno il bel direttore Marco Epifani e il direttore Marketing Fabio Barone, un personaggione vero conosciuto in tutto il mondo: è infatti un pilota Ferrari con tre record mondiali di velocità nonché fondatore e presidente di “Passione Rossa”, l’esclusivo Ferrari Club che il 6 luglio scorso ha acquisito un nuovo primato mondiale, portando per la prima volta nella storia 30 Ferrari al Circolo Polare Artico.

Insomma, una seratona piena di sorprese a cui è impossibile mancare.

Lunga la lista degli ospiti: Vittorio Cecchi Gori con Emilio Sturla Furnò, le bellissime Manila Nazzaro, Milena Miconi, Sara Varone, Antonella Mosetti, Elena Russo, l’esplosiva Gegia (Francesca Antonaci), Stefania Orlando, Valeria Graci, la cantante Alma Manera, il chirurgo plastico Giacomo Urtis, i principi Guglielmo Giovanelli Marconi con la moglie Vittoria, Conny Caracciolo, Laura Freddi, le telegiornaliste Josephine Alessio e Vittoriana Abate, Graziano Scarabicchi, i produttori tv Nicola Vizzini e Nando Moscariello, Renato Balestra, Myriam Fecchi, Federica Gentile, l’attore comico Demo Mura e tanti altri.

A sorpresa potrebbero arrivare anche i Cugini di Campagna e Edoardo Vianello.

Vi aspettiamo, non mancate!

Gabriella Sassone

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/yod-appena-piu-grande-di-un-puntino/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/sicuro-azzardo-al-teatro-portaportese

 


Yod. Appena più grande di un puntino spettacolo di Mimo in Canto di D. Zappalà e G. Scarpelli al Teatro Portaportese

Il 4 e 5 febbraio approda al Teatro Portaportese il delicato e poetico spettacolo di mimo in canto Yod. Appena più grande di un puntino di D.Zappalà e G. Scarpelli

La Yod è la decima lettera dell’alfabeto ebraico. Rappresenta la Creazione.

È la lettera più piccola, “appena più grande di un puntino”, come la nostra umanità, creazione infinitesimale; creatura e creatrice al tempo stesso.

Lo spettacolo è un atto unico, poetico ed evocativo, in cui lo spettatore viene preso per mano, guardato negli occhi e accompagnato a scoprirsi nella sua unicità, ma anche nella sua profonda appartenenza ad un ciclo universale.

L’Umanità, precaria per definizione, nasce da un bozzolo in uno spazio senza luogo, parte di un’eterna coscienza.

Approdata sulla dimensione Terra con una valigia di cartone, viene accolta, cullata e omaggiata dell’intero creato.

Quanto ne avrà cura? Quanto il suo ego prevarrà? Come si relazionerà con i suoi simili? E come vivrà la notte buia dell’anima, conseguenza imprescindibile del suo andare contro “natura”?

Dal buio alla luce, passando dalla redenzione e dalla riconciliazione, innanzitutto con la propria coscienza, per ricordarsi di essere parte attiva e compenetrata di un tutto, con un messaggio finale che è legge e principio universale: AMA TUTTI, SERVI TUTTI.

Lo spettacolo è un viaggio attraverso le note dell’animo umano, con la leggerezza e la profondità di un canto, con la forza della parola, con la magia della poesia, nella comunione di tanti cuori.

Lo spettacolo di Mimo in Canto prevede una partitura mimica accompagnata nei passaggi essenziali da una narrazione ex-machina e da musica e canzoni che innalzano l’espressione ad evocazione.

TEATRO PORTAPORTESE

Via Portuense 102 – Roma Tel.065812395

BIGLIETTI

INTERO 15,00 EURO (13,00 EURO +2,00 DI TESSERA)

RIDOTTO 12,00 EURO (10,00 + 2,00 DI TESSERA)

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-lo-spazio-la-fine-del-mondo/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/giornata-della-memoria-teatro-villa-pamphilj


Teatro Centrale presenta Passaggio ponte, il varietà cinico

Venerdì 24 gennaio alle ore 21.31 nella suggestiva cornice del Teatro Centrale nel cuore di Roma (Via Celsa, 6) risate a regola d’arte con “Passaggio ponte” il varietà cinico.

Passaggio ponte, varietà ideato dall’attore romano Matteo Nicoletta.

Un’ora e mezza di spettacolo all’insegna della spensieratezza del weekend.

Canzonette irriverenti, duetti esilaranti, monologhi dissacranti e balletti sbilenchi saranno gli ingredienti di uno spettacolo di folle rigore con Matteo Nicoletta, Massimiliano Aceti, Giuseppe Ragone, Antonio Gargiulo e altri secret guests.

Chi non è mai stato sul ponte di una nave? È proprio qui che avvengono gli incontri più assurdi e impensabili.

Un melting pot di persone fanno discorsi di qualsiasi genere che forse mai avrebbero fatto se non si fossero trovate lì.

“Impressionati da queste dinamiche abbiamo scelto il nome ‘Passaggio Ponte’ proprio perché il nostro show è l’incontro di diversi tipi di comicità.

Diversi punti di vista della realtà e dei mille modi di ironizzare su di essa, sempre guidati dal sano cinismo che ci appartiene” dichiarano gli attori protagonisti.

Salite anche voi a bordo di una nave senza destinazione!

Il party proseguirà in notturna, dalle 23.03, con la musica selezionata da Daniele Greco Dj.

Attori:

Matteo Nicoletta, Massimiliano Aceti, Giuseppe Ragone, Antonio Gargiulo + Secret Guests.

Band:

Matteo Cona: Chitarra – Matteo Patrone: Pianoforte – Andrea Colicchia: Basso- Sergio Tentella: Batteria.

Location:

Teatro Centrale

Via Celsa, 6 Roma

Info e prenotazioni: 0694323897

Biglietti:

Spettacolo + drink: 20€

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-lo-spazio-la-fine-del-mondo/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/auditorium-ennio-morricone-80-panni

 


Florian Metateatro presenta “La fine del mondo” al Teatro Lo Spazio concerto per Charles Azanavour diretto ed interpretato da Gianni De Feo

Testo di Roberto Russo, direzione musicale e accompagnamento al pianoforte Giovanni Monti al Teatro Lo Spazio.

Lo spettacolo si articola su due piani emotivi:

Da un lato il racconto di Monsieur Equilibre, un personaggio tanto assurdo quanto reale che vive tutti i disagi di una contemporaneità nevrotica, distratta e indifferente, e dalla quale preferisce tenersi distante per evitare rischi di “contagio sociale”, riparandosi così in una protettiva scatola di Equilibrata e Limitata Razionalità.

Teatro Lo Spazio. Dall’altro lato, invece, il mondo musicale di un grande artista internazionale che con la sua musica e la sua Poesia ha scavato negli anfratti più nascosti dell’animo umano.

Le canzoni di Charles Aznavour, rivissute come evocazioni profonde, sembrano arrivare da un Tempo Passato, necessario a scaldare i cuori, in un Tempo senza più memoria. Espressione di Pura e Appassionata Libertà.

Monsieur Equilibre è convinto di sapere che il Mondo è prossimo alla sua Fine e che rimangono ancora sette giorni per la sua definitiva scomparsa.

Costretto allora a uscire dalla sua scatola protettiva, intraprende un’affannosa ricerca rivolgendo dapprima lo sguardo e l’attenzione verso l’esterno, allo scopo di capire e intercettare la reazione della gente.

Ma, a quanto pare, tutto sembra scorrere con i ritmi e le abitudini di sempre… e la solita indifferenza! Teatro Lo Spazio

Intanto, intersecandosi con il racconto, scorrono le canzoni di Aznavour, tra la lingua italiana e quella francese: Après l’Amour, Ieri sì, Il faut savoir, Lei, Quel che si dice, Trousse Chemise,

E io tra di voi, L’amour c’est comme un jour, La Bohème, Reste. Canzoni cantate dal vivo, come in uno sdoppiamento del personaggio in uno spazio notturno, onirico, mentale.

Le note del pianoforte che accompagna il canto sembrano emergere dai fumi di una vecchia Parigi, ancora fluttuante sulle strade del Mondo.

Il settimo giorno, con uno sguardo nuovo rivolto ora verso se stesso e il proprio Mondo, Monsieur Equilibre, stravolgendo tutte le vecchie convinzioni mentali, scopre che è possibile ricominciare a vivere ripartendo proprio dall’Amore.

Tra Passato, Presente e Futuro la vita scorre nella sua breve Eternità.

TEATRO LO SPAZIO

dal 28 gennaio al 2 febbraio 2020

Tutte le sere ore 20.30 – Domenica ore 17.00

Biglietti interi 12 euro – ridotti 9 euro

tessera associativa semestrale 3 euro

Info e prenotazioni: 06 77204149 – 06 77076486

info@teatrolospazio.it

via Locri, 42 (Traversa di Via Sannio – San Giovanni, Roma)

Ufficio stampa e pubbliche relazioni:

Francesco Caruso Litrico 3334682892 fralit@alice.it

Organizzazione:

Antonella Granata 3397759351  direzioneartistica@teatrolospazio.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/mercati-di-traiano-live-museum-live-change-2/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/valeria-altobelli-canta-im-standing-with-you


Live Museum, Live Change, oltre 140 candidature da tutta Italia per “abitare” i Mercati di Traiano e una nuova call destinata designer italiani e stranieri

Live Museum Live Change – progetto di PAV, realizzato nell’ambito dell’Avviso Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio (P.O.R. FESR Lazio 2014/2020 azione 3.3.1b), grazie anche alla collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Il 22 novembre, per il “museo abitato” di Via Quattro Novembre, ha lanciato una call volta alla selezione di artisti per interventi installativi e in formato multimediale, per abitare uno spazio unico come i Mercati di Traiano e dialogare non solo con la sua stratificazione storica e culturale ma anche con le comunità che oggi lo attraversano.

Sono state oltre 140 le candidature di artisti e collettivi che, provenienti da tutta Italia, hanno aderito alla call di Live Museum Live Change, per proporre opere context – specific all’interno del Museo dei Mercati di Traiano.

Un quadro rappresentativo delle tendenze dell’arte contemporanea in Italia e non solo, con una serie di proposte che offrono un interessante spaccato progettuale di rinnovamento e nuove visioni di alcuni dei luoghi più suggestivi e ricchi del nostro patrimonio storico, artistico e urbanistico.

I progetti vincitori, che opereranno nell’area del piccolo emiciclo presso i Mercati di Traiano, saranno comunicati nei prossimi giorni.

Dopo il successo riscontrato dalla call per artisti, Live Museum, Live Change apre una nuova possibilità di collaborazione e invita questa volta designer a fare delle proposte per la realizzazione di oggetti di piccole dimensioni ispirati ai Mercati di Traiano che sappiano dialogare armoniosamente con il percorso di stratificazione di significati e di forme che caratterizza il luogo.

Il focus del progetto è quello della trasformazione, inteso come fenomeno, naturale e complesso, che rende il museo un luogo vivo e in continua evoluzione.

L’idea centrale di Live Museum, Live Change, infatti è quello di favorire uno spazio di ispirazione, di riflessione, di creazione che possa favorire il coinvolgimento delle comunità.

La creazione di oggetti ispirati ai Mercati di Traiano, entra in relazione con tutto quello che negli anni è riemerso, è stato ritrovato o che è ancora sommerso.

Le creazioni devono essere accompagnate da una proposta di condivisione del processo creativo in forma laboratoriale allargata anche a giovani designer.

I Mercati di Traiano diventano un luogo di creazione artistica, in continua relazione con la Città, per generare sinergie, potenziare l’esperienza dei cittadini all’interno del Museo, articolare una diversa possibilità di sguardo:

sono questi gli obiettivi della call e dell’intero progetto, che intende moltiplicare le opportunità di scoperta, di studio e di narrazione, intorno a un luogo centrale nella città di Roma, e centrale nella Storia della vita pubblica e privata di un’intera civiltà.

Per lo sviluppo delle attività Live Museum, Live Change PAV si avvale del network costruito con ECCOM-Idee per la Cultura, Melting Pro e Visiva Lab.

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 3409690012

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/valeria-altobelli-canta-im-standing-with-you

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-ghione-presenta-orgasmo-e-pregiudizio/


Cinema: terminata “LA GOCCIA MALEDETTA”, opera sul femminicidio interpretata da Nadia Bengala con la regia di Emanuele Pecoraro

Si sono concluse in questi giorni le lavorazioni de “La goccia maledetta”, nuovo cortometraggio diretto da Emanuele Pecoraro, prodotto da Angelo Bassi per la Mediterranea Productions srl.

Il mini-film, tratto da un racconto originale di Roberto Ricci, contenuto nella raccolta “Nero corvino” (Edizioni Le mezzelane), è stato sceneggiato da Lorenzo De Luca e da Pierfrancesco Campanella.

“La goccia maledetta” è un thriller psicologico, ricco di colpi di scena, tutto giocato sulla attualissima tematica della violenza sulle donne, che spesso degenera in veri e propri omicidi.

Un noir che vuole essere una metafora della fragilità dei rapporti umani al giorno d’oggi e del senso di colpa generato dalla paura e dal dolore dell’abbandono, portati alle estreme e più crude conseguenze.

Tra gli interpreti figurano la bellissima Nadia Bengala, ex Miss Italia e molto apprezzata di recente nel pluripremiato noir “L’Idea malvagia” di Pierfrancesco Campanella, il bravo Lorenzo Lepori e la sensuale Francesca Anastasi.

Le riprese sono state effettuate tra Pescia Romana (in una villa privata) e Montalto di Castro (nell’hotel “Ospite Inatteso” di Giuseppe Simonelli).

Art director Laura Camia, direzione della fotografia a cura di Sacha Rossi, trucco e acconciature di Giovanna Carchia, montaggio di Marco Pagliarin, opere di scena di Mario D’Imperio, color correction di Sebastiano Greco, missaggio di Gianfranco Tortora.

La colonna sonora è stata composta da Paolo Reale, mentre l’organizzazione generale e produzione esecutiva sono di Pierfrancesco Campanella.

Per il regista Emanuele Pecoraro si tratta di un ritorno al genere horror, dopo il suo discusso cortometraggio d’esordio “Solitudini pericolose”, noto per i problemi avuti con la censura, che in un primo momento ne aveva addirittura vietato la visione ai minori di anni diciotto.

Di Pecoraro si ricordano anche i lusinghieri riscontri ottenuti con i suoi docufilm “La città d’acqua” e “28… ma non li dimostra”.

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-manzoni-presenta-diamoci-del-tu/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-roma-souvenir-di-andrea-bizzarri?fbclid=IwAR1RKHYcSbqGvvxITfvWaLxet6RJYqFhfqir0joFRt1eGxabzVzen9riWBM


Dal 28 gennaio al 2 febbraio 2020 Orgasmo e pregiudizio di Fiona Bettanini e Diego Ruiz al Teatro Ghione

Al Teatro Ghione di Roma, da martedì 28 gennaio a domenica 2 febbraio, “Orgasmo e Pregiudizio”, di Fiona Bettanini e Diego Ruiz con Fiona Bettanini e Diego Ruiz. Regia, Pino Ammendola e Nicola Pistoia.

In concomitanza con il debutto dell’edizione inglese a Londra, torna, per festeggiare il ventennale dal suo primo debutto, lo spettacolo che è stato un vero fenomeno teatrale sia in Italia che all’estero.

Teatro Ghione. La commedia ha già fatto ridere migliaia di spettatori, curiosi di spiare questa coppia di amici (Diego Ruiz e Fiona Bettanini) che si ritrova a dover condividere il letto di un motel.

Da quel letto non scenderanno mai, ma su quel letto affronteranno le loro più intime paure, le reciproche curiosità, le debolezze mai ammesse, e riusciranno a confessarsi segreti e tabù mai pronunciati prima.

Il tutto ridendo delle proprie debolezze al Teatro Ghione

Anche lo spettatore riuscirà a capire finalmente cose che non aveva mai avuto il coraggio di domandare.

Cosa pensano gli uomini della sessualità femminile?

Hanno presente quali siano effettivamente le fantasie delle donne?

E le donne conoscono i piaceri dell’uomo?

Quali sono le tattiche per conquistarlo?

Qualcuno sa spiegare che magia c’è a fare l’amore di prima mattina, con l’alito pesante, la bocca impastata e le caccole agli occhi?

Teatro Ghione. E le posizioni ideali per trovare il punto G?

Ci sono uomini che lo cercano da anni e ancora non l’hanno trovato.

D’altronde mica ci sono dei cartelli! Chi glielo indica poverini?

Nessuna donna ha mai detto ” più su’, più giù, più a destra o più a sinistra”…. Neanche un aiutino!

Ma d’altra parte, può una donna presentarsi così: “Piacere, sono clitoridea, preferisco stare sopra, adoro i baci sul collo e il mio punto G è in fondo a destra!”?

lenzuola rosse e un’atmosfera piacevolmente piccante.

Cosa succederà su quel letto e quante verità verranno a galla, lo scoprirete solo ridendo.

Orario spettacoli ore 21,00

Domenica ore 17,00

biglietti a partire da 23 euro

Teatro Ghione, via delle Fornaci,37,Roma

Info:06 6372294

www.teatroghione.it

Relazioni con la stampa Teatro Ghione: Maurizio Quattrini:

Cell. 338/8485333 – e-mail: maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-manzoni-presenta-diamoci-del-tu/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-cometa-off-va-in-scena-cantigola


LINE UP: SABATO 25 GENNAIO 2020 ● QUBIKO SPECIAL GUEST al Room26

Resident Main Room Miki Stentella – Resident Plus Room Max Marino e Matteo Passerini, Voice by Lele Sarallo e Lory Voice al Room26

ROOM26, SPECIAL GUEST QUBIKO / ART DIRECTOR NEON

 Dal Sud dell’Italia suonando per l’Europa. Al Room 26 arriva Qubiko

Sabato 25 gennaio dalle ore 23.30 l’house music torna al Room 26, suonata a man bassa dall’ospite speciale Qubiko, dj rivelazione che dal sud dell’Italia è partito alla conquista dell’Europa con la sua musica.

Accolto dal direttore artistico Gianluca Neon, dj Qubiko è pronto a mescolare i generi che più lo emozionano in uno dei suoi set su di giri, con cui in breve tempo si è conquistato il gradimento del pubblico.

Nel tempo ha prodotto per grandi etichette come Suara, Toolroom, Glasgow ed il prossimo sabato 25 gennaio è pronto a far ribollire il pubblico del Room 26.

Ad accoglierlo in Main Room ci saranno le selezioni di Miki Stentella, mentre in Plus Room tornano i ritmi latineggianti di Max Marino e Matteo Passerini, come al solito alternati dalle voci di Lele Sarallo e Lory Voice.

Come al solito il weekend del Room 26 avrà inizio dal giorno prima, con la serata anni’90 dal titolo Forever Young, nella notte di venerdì 24 gennaio, dove si ritroveranno i resident Double Fab e Marco Gioia in Main Room, mentre in Plus Room torna il sound di Chicco Allotta e Riccardo Soares.

BIOGRAFIA QUBIKO:

È comune ma non scontato vedere un artista emergere dal basso e diventare qualcuno in grado di rivoluzionare il mercato.

Qubiko, nato in una piccola città del sud Italia, si è evoluto in 7 anni, sperimentando vari tipi di musica elettronica.

E’ cresciuto in un piccolo quartiere dove ascoltava musica jazz e ritmi di batteria grazie a suo padre, un sassofonista professionista.

Fin da giovanissimo amava la musica, non solo l’elettronica, qualsiasi canzone che avesse l’armonia e il cui ritmo lo faceva galleggiare.

Qubiko non si è mai fermato fino a quando non ha raggiunto i suoi obiettivi, fino a quando non ha prodotto musica per etichette come Suara, Toolroom, Defected, Glasgow Underground o Stereo Productions in digitale e vinile.

Se parliamo del suo stile, possiamo verificare che ha uno stile unico e con elementi che lo differenziano dagli altri e che mescolano ritmi avvincenti con alcuni dettagli dell’Hip Hop, come voce, percussioni, senza mai dimenticare le sue origini e la musica soul.

Ha collaborato a problemi con i suoi amici e grandi artisti come Sam Divine, Enzo Siffredi, Ruben Mandolins e molti altri.

Qubiko è stato molto apprezzato per le sue prime posizioni nelle classifiche di Beatport e Traxsource degli ultimi anni, in piedi in stile Deep House, House e Tech House.

Le loro esibizioni, l’Irlanda distante da qualsiasi club del sud Italia, sono cariche di energia e passione.

La missione di Qubiko è godersi la musica che ama con il suo pubblico, e il modoin cui la trasmette è su di giri dall’inizio alla fine, creando un ritmo costante con aumenti elettrici che fanno saltare la pista da ballo.

L’innovazione è una missione per lui, evolversi quotidianamente senza lasciare la sua umiltà e il suo costante lavoro.

MODALITA’ INGRESSO

Decima Stagione, dalle ore 23.30 alle ore 4.30

ROOM 26 – Piazza Guglielmo Marconi, 31 – Roma (EUR)

Prezzo in Lista: 15€ Uomo / 10€ Donna (drink incluso) – L’ingresso “Fuori Lista” subirà un supplemento di 5€ sul ticket al botteghino

Per INFO e LISTE, scarica l’APP di Room26, clicca qui: http://bit.ly/approom26

TEL. 333 428 9202 – EMAIL: info@room26.it – www.room26.it

UFFICIO STAMPA CARLA FABI E ROBERTA SAVONA
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/ – IG: https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-manzoni-presenta-diamoci-del-tu/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-cometa-off-va-in-scena-cantigola